I cibi surgelati sono meno buoni di quelli freschi? Vediamo quali scegliere...

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

I cibi surgelati sono meno buoni di quelli freschi? Vediamo quali scegliere...

18-10-2013 - scritto da Paola Perria

Il processo di surgelazione consente di preservare la bontà di molti alimenti, scopriamo quali

Non sempre i cibi freschi sono migliori di quelli surgelati, ecco perché

I cibi surgelati sono meno buoni di quelli freschi? Vediamo quali scegliere... I surgelati li usiamo tutti in casa, sono comodi e convenienti, ma i cibi freschi - pensiamo tra noi e noi - sono un'altra cosa. Questo atteggiamento di prevenzione nei confronti degli alimenti surgelati che comunemente portiamo in tavola è del tutto legittimo, ma spesso totalmente privo di fondamenta. In buona sostanza consideriamo il dover cucinare pesce, carne o verdure surgelate come una sorta di "resa" nei riguardi della buona alimentazione legata a questioni di tempo (mancanza di) e di budget.

I surgelati costano in genere meno degli omologhi freschi (pensiamo solo al prezzo al mercato di molte verdure), si possono acquistare in buone quantità quando sono in offerta, e soprattutto sono subito pronti con poco ingombro e poca organizzazione. insomma, cibi passepartout che possiamo anche prepararci da noi. Lavorando e avendo poco tempo a disposizione da dedicare alla spesa e alla cucina, è alquanto comodo poter preparare grandi quantità di sugo, di brodo o di minestrone nel giorno libero, e poi porzionarlo e surgelarlo.

Rimane in noi, però, quel "tarlo", quella diffidenza che ci spinge quasi a vergognarci di rivelare ai nostri commensali: è un piatto surgelato. Ma davvero esiste questa enorme differenza nutrizionale e di gusto tra i cibi surgelati e quelli freschi? In effetti no. O meglio, non nella misura che pensiamo noi. Il processo della conservazione attraverso il freddo, quindi della surgelazione, è uno dei sistemi migliori per preservare le qualità organolettiche e nutrizionali di molti alimenti. Se surgeliamo rapidamente a meno 18° un prodotto freschissimo, l'acqua presente gelerà formando dei piccoli cristalli omogenei all'interno delle fibre dell'alimento, che ne manterranno le qualità senza produrre deterioramento.

Il freddo, inoltre, blocca l'azione corruttiva dei bacilli e quindi il prodotto rimane ben conservato e integro. Quando scongeliamo il cibo, esso tornerà alle caratteristiche di freschezza che possedeva prima della conservazione, e dovrà perciò essere prontamente cucinato garantendo un ottimo risultato. Tuttavia, non tutti i cibi sono adatti ad essere surgelati senza perdere le loro qualità nutritive o la loro bontà.

Ad esempio alcuni ortaggi come le cipolle, l'aglio, la lattuga, i peperoni, i pomodori, i cetrioli, è meglio consumarli freschi o cucinarli al momento. Ma patate, carote, legumi, spinaci, melanzane, funghi, carne di ogni tipo e pesci di ogni tipo, si prestano benissimo alla surgelazione. Il pane o i dolci da forno si mantengono bene ma perdono il loro aroma e parte della croccantezza. In buona sostanza, alterniamo senza porci troppi problemi i cibi freschi e quelli surgelati, soprattutto per portare in tavola sempre un menù variato e sano.

Foto| via Pinterest

A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X