Il gene delle ore piccole

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Il gene delle ore piccole

16-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

Dormire bene è fondamentale per l’organismo. Eppure, l’esercito di insonni e nottambuli aumenta. Tutta colpa di una mutazione genetica

Una mutazione genetica alla base dell'insonnia

14/05/2007 - Cena alle 22, internet, locali, tv fino a tardi. E negli USA negozi aperti non stop, 24 ore su 24. Gli stili di vita moderni rubano sempre più ore al riposo e ci trasformano in un popolo di assonnati che ricorre a ogni stimolo pur di restare sveglio: si va a letto a notte fonda e, dovendosi svegliare comunque presto per andare a lavorare, si manda “in debito” il nostro organismo. Un’abitudine sbagliata perché il sonno rigenera dalla fatica della giornata e consente di preparare le difese più efficaci contro le aggressioni esterne. Pensate: basta dormire una-due ore in meno ogni notte per non sfruttarne a pieno tutte le proprietà rigeneranti.
Se si dorme poco (e male) si è meno concentrati, meno attivi, con tempi di reazione mentali e fisici meno veloci (un pericolo soprattutto se si è alla guida). Mentre dormire bene migliora anche l’aspetto della nostra pelle e aiuta a tenere sotto controllo il peso corporeo. Per chi dorme solo cinque ore a notte il rischio di accumulare chili in più aumenta del 60%!
L’importanza di un buon sonno ristoratore è ormai ampiamente dimostrata. Fatto sta che l’esercito degli insonni aumenta, sia per i ritmi di vita contemporanei di cui parlavamo prima, sia per lo stress, le preoccupazioni, e più in generale i disagi che rendono sempre più difficile concedersi un riposo appagante.
Ma perché sempre più persone hanno problemi a lasciarsi andare tra le braccia di Morfeo? Secondo l’ultima scoperta in materia, la colpa è di un gene mutato, detto “ore piccole”, che influisce sul nostro orologio interno. A riferirlo è una ricerca pubblicata su Science. La Terra ha un movimento ciclico di 24 ore, così come tutte le piante e gli animali, che hanno un orologio interno che segue il ritmo circadiano e controlla i processi fisiologici di tutti gli organismi viventi. Negli animali e nell’uomo il cuore di questo orologio è situato nell’ipotalamo. Alcuni ricercatori dell’Università di Cambridge e di New York hanno monitorato dei topolini, scoprendo che alcuni hanno periodi circadiani ultralunghi, di circa 27 ore contro le 23,6 ore di media, e che la colpa è di una mutazione genetica situata nel gene Fbx13, il cui legame al ciclo circadiano era finora sconosciuto. Un altro studio mostra che la mutazione di questo gene è responsabile della distruzione della proteina Cry, che ritarda la regolazione del ciclo, allungandolo negli animali con il gene mutato. Il prossimo passo, dicono gli scienziati, sarà quello di trovare il corrispondente gene mutato negli uomini.
Ma qual è la durata ideale del sonno? Non esiste, o meglio, non sempre corrisponde alle classiche otto ore ma varia da persona a persona: c’è chi si “accontenta” di cinque-sei ore per stare bene, chi ha bisogno di nove ore. Molto personale è anche il momento in cui si avverte il bisogno di andare a letto: i “gufi” tendono a tirar tardi ma al mattino si svegliano con difficoltà; le “allodole” vanno a letto presto ma al mattino saltano in piedi senza sforzi. La conclusione è che ognuno deve trovare il suo tempo per riposarsi e rispettarlo senza sforzare i suoi limiti. In caso di insonnia cronica, però, guai a sminuire il disturbo!


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Tallonite? Ecco le scarpe giuste per piedi in salute

Tallonite? Ecco le scarpe giuste per piedi in salute

01/10/2021.   A tutti è capitato, almeno una volta nella vita, di accorgersi di avvertire un dolore al calcagno sordo o trafittivo. Nulla di cui allarmarsi generalmente, perché questo tipo di mal di piedi è molto...

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

28/09/2021. Il cuore rappresenta l’organo centrale del nostro apparato circolatorio. È posizionato all’interno della gabbia toracica, a sinistra, e assolve alla fondamentale funzione di inviare e ricevere il sangue tramite i vasi...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X