Impotenza o disfunzione erettile

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Impotenza o disfunzione erettile

10-02-2011 - scritto da pasqualecarpenito

Che cos'è la disfunzione erettile?

La disfunzione erettile è l'incapacità di raggiungere e/o mantenere un 'erezione sufficiente per un'attività sessuale soddisfacente.

In seguito alla connotazione negativa comunemente attribuita al termine "impotenza" a questa definizione si è sostituita quella, più appropriata di "disfunzione erettile".
Molti uomini hanno occasionalmente problemi di erezione in qualche periodo della vita; ma per altri rappresenta un problema frequente. Questa condizione è molto diffusa. riguardando, nel mondo, oltre 100 milioni di uomini.
La disfunzione erettile non è qualcosa di cui vergognarsi.
Avere una disfunzione erettile non significa non essere fertile o non essere capace di avere un orgasmo o un' eiaculazione. Poiché è stato accertato il fatto che l'erezione non è associata all'orgasmo e all'eiaculazione, l'uomo affetto da disfunzione erettile non si deve sentire oppresso dall' idea di essere in qualche modo privo di virilità o potenza.
È importante non sentirsi in colpa se il partner soffre di disfunzione erettile.
Nella maggior parte dei casi la disfunzione erettile può essere trattata.
La disfunzione erettile è un problema dell'uomo, ma spesso riguarda la coppia. Con il supporto di un'informazione appropriata la donna può essere d'aiuto al proprio partner.

Come avviene l'erezione?
L'erezione è il risultato di un processo complesso che coinvolge il sistema vascolare e il sistema nervoso centrale.
L'anatomia del pene è strutturata specificatamente per svolgere questa funzione.
Il pene è formato da due strutture che hanno origine all'interno della pelvi e corrono parallele tra loro fino a che raggiungono l'estremità del pene. Queste strutture sono formate da tessuto spongiforme ricco di vasi sanguigni. Generalmente, le pareti di questi vasi sanguigni sono contratte. Questo impedisce che una quantità eccessiva di sangue defluisca all'interno del pene, mantenendone lo stato di flaccidità per la maggioranza del tempo.
Quando un uomo è stimolato sessualmente. I vasi arteriosi del pene si dilatano, permettendo così il rapido afflusso di sangue all'organo. Nel contempo, le vene che generalmente drenano il sangue dal pene vengono compresse, riducendo così la quantità di sangue che può defluire dal pene. Aumentando il flusso di sangue in entrata, e riducendosi il flusso di sangue in uscita, il pene aumenta le proprie dimensioni e raggiunge l'erezione.

Quali sono le cause di disfunzione erettile?
Negli uomini affetti da disfunzione erettile, le reazioni biochimiche responsabili dell'erezione non avvengono normalmente: per questo motivo i vasi arteriosi non si dilatano sufficientemente e il pene non può riempirsi di sangue.
Una volta si pensava, erroneamente, che la disfunzione erettile fosse un problema prevalentemente psicologico o un risultato inevitabile dell'invecchiamento. Mentre è vero che l'età può rappresentare un fattore favorente, non è corretto sostenere che la disfunzione erettile è una condizione inevitabile dovuta all'invecchiamento. E' invece ormai noto che la maggioranza dei casi di disfunzione erettile è associata a cause organiche.
Altri comuni fattori di rischio sono:
- altre patologie che riducono il flusso di sangue al pene quali la pressione alta, il diabete, alti livelli di colesterolo e l'indurimento delle arterie (arteriosclerosi)
- patologie traumatiche a carico dei nervi o malattie che interrompono la connessione tra il sistema nervoso e il pene, quali traumi della spina dorsale, sclerosi multipla, ictus, o interventi chirurgici sulla prostata o sul colon;
- condizioni psicologiche, quali l'ansia e lo stress;
- altre condizioni cliniche quali patologie renali o epatiche, depressione o squilibri ormonali;
- farmaci che possono provocare, come effetto collaterale, la disfunzione erettile, come quelli compresi nelle seguenti categorie: diuretici, farmaci per la pressione alta, farmaci che abbassano il colesterolo, antidiabetici, antidepressivi, alcuni farmaci antitumorali, farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS) e farmaci antiepilettici;
- fumo di sigarette, abuso di alcool, e/o uso di droghe. Per saperne di più circa le cause specifiche della disfunzione erettile è bene parlarne con il proprio medico.

La disfunzione erettile può essere curata?
Sì. Le buone notizie sono che, a prescindere dalle cause, la maggioranza dei casi di disfunzione erettile può essere trattata. I pazienti ora possono disporre di una varietà di opzioni terapeutiche tra cui scegliere, e possono discutere di queste opzioni con il proprio medico.
Oggi abbiamo a nostra disposizione per la diagnosi dell’insufficienza erettiva, oltre agli esami di laboratorio (dosaggi ormonali) anche numerosi strumenti diagnostici. Tra questi bisogna distinguere quelli che permettono applicazioni dignostiche di semplice esecuzione e non invasiva; come il rigiscan e la Doppler flussimetria, e altri probabilmente più indicativi ma più invasivi e di applicazione meno frequente rispetto ai primi; tra questi ricordiamo l’arteriografia selettiva delle pudende e del peniene basale e con test con la PGE1 e la cavernosografia.

TERAPIE

Terapia Medica
La terpia specifica riguarda farmaci capaci di ripristinare rapidamente le erezioni. Tali farmaci sono considerati vasoattivi cioè capaci di migliorare l'afflusso di sangue. Negli ultimi anni il farmaco elettivo è la prostaglandina PgE1. La terapia viene effettuata tramite delle microiniezioni indolori di facile applicazione fatte dallo stessopaziente dopo un adeguato insegnamento da parte dello specialista, che deve essere sempre reperibile in caso di necessità.
Ha un'altaperectuale di successo : circa il 70% dei casi casi. La terapia medica ha conosciuto negli ultimi tempi una rivoluzione con l'introduzione del VIAGRA. (LA COSIDDETTA PILLOLA BLU) . Questo farmaco assunto nu'ora prima del rapporto è efficace in alta percentuale dei casi laddove si tratti di problematiche psicologiche e/o organiche di lieve entità. Ci sono altri farmaci che vanno assunti per os la più nota è la yohimbina.

Terapia Chirurgica
La terapia chirurgica rappresenta la terapia definitiva al problema erettile. Si ricorre alla chirurgia in alcuni difetti congeniti, nei traumi e nelle fibrosi e calcificazioni. Per risolvere definitivamente il problema si ricorre alla terapia protesica. Con questo intervento si inseriscono all'interno dei corpi cavernosi due cilindri di materiale inerte che vanno a rimpiazzare la mancanza di sangue ottenendo così una erezione soddisfacente. Le protesi possono essere attivate e disattivate all'occorrenza, riproducendo il meccanismo erettile normale.
Le protesi, va detto, che non interferiscono con la sensibilità e con l'eiaculazione. Il supporto psico sessuologico va effettuato in molte istanze non solo come terapia di base ma amche come completamento importante alla terapia medica e chirurgica.
In conclusione, la disfunzione erettile non è più un problema grazie agli ultimi risultati ottenuti dalla scienza medica negli ultimi anni, sia nel campo diagnostico che nel campo terapeutico.



Dott. Pasquale Carpenito, specialista in Endocrinochirurgia e Perfezionato in Andrologia e Sessuologia Clinica. (iscritto all'Ordine dei Medici della Provincia di Avellino al n° 2911 del 27 giugno 1991)
www.impotenzaonline.org

Profilo del medico - pasqualecarpenito

Nome:
PASQUALE CARPENITO
Comune:
ATRIPALDA
Professione:
Medico specialista attività privata
Specializzazione:
Andrologia, Endocrinologia
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X