Influenza 2018-2019: il brodo di pollo serve davvero?

Influenza 2018-2019: il brodo di pollo serve davvero?

26-11-2018 - scritto da Paola Perria

La ricetta del brodo di pollo e altri piatti in grado di potenziare l’azione degli anticorpi che aiutano a guarire rapidamente in caso di influenza e raffreddore.

Cosa mangiare per stare subito meglio in caso di influenza e raffreddore? Ecco 4 ricette, compresa quella del brodo di pollo.

 

Contro l'influenza anche nel 2018 e nel 2019 lalimentazione gioca un ruolo determinante nell’aiutare a combattere l’infezione e a guarire prima. Ma cosa è bene mangiare? Nella dieta dell’ammalato non devono mancare:

  • Vitamine A, C e del gruppo B per stimolare il sistema immunitario
  • Proteine – sia animali che vegetali – per rinforzare l’organismo
  • Zuccheri – semplici e complessi – per fare il pieno di energia
  • Sali minerali per combattere la disidratazione e migliorare le funzioni vitali
  • Fibre per mantenere in salute l’intestino e la sua microflora, i cui batteri svolgono una importante azione antivirale

 

Il tutto combinato in ricette semplici, facili da fare e da digerire, possibilmente anche gradevoli al palato.

 

 

BRODO, BRODO E ANCORA BRODO

Banale, forse, ma una buona tazza di brodo fumante è senza dubbio una ricetta perfetta per ritemprarci quando siamo indeboliti dall’influenza o intasati dal raffreddore. Innanzitutto un alimento liquido è utile per reidratarci. Considerando che poi un buon brodo contiene proteine (se di carne o di pesce o se associato ai legumi), sali minerali e vitamine, ovvero proprio le sostanze di cui abbiamo bisogno per darci energia e fornire uno stimolo agli anticorpi, non possiamo farcelo mancare. Infine, i vapori del brodo bollente scaldano e umidificano le vie respiratorie e fungono da decongestionanti.

 

Quella che ti forniamo qui è la classica ricetta del brodo di pollo: saporito, leggero ma nutriente, un vero comfort food per i giorni di malattia.

 

Ingredienti

  • 1 pollo piccolo intero (o una gallina) comprensivo del collo (senza testa)
  • 2 carote pelate e tagliate grossolanamente
  • 1 patata gialla tagliata in 4
  • 1 costa di sedano affettata grossolanamente
  • 1 cipolla bianca o gialla in 4 pezzi
  • Prezzemolo (qualche rametto)
  • 2-3 spicchi di aglio
  • Due tre foglie di alloro
  • Timo in polvere (quanto basta)
  • Eventualmente 2-3 chiodi di garofano da infilare nella cipolla

 

Preparazione

Mettere tutti gli ingredienti in una pentola alta e riempire d’acqua fredda finché non sarà a filo con la carne. Coprire e portare a bollore, poi abbassare la fiamma in modo che la carne sobbolla. Il pollo cuoce in circa un’ora, massimo un’ora e mezzo, ma a metà cottura bisognerà schiumare il liquido con una schiumarola, e ripetere l’operazione una volta che il brodo e il pollo siano cotti. La carne dovrà essere tenera, ma non sfatta.

 

Togliere il pollo dalla pentola, e quando sarà intepidito spellarlo, disossarlo e ridurlo in piccoli pezzi da riporre un tegame a parte e consumare subito o in seguito, conservandola in frigo o anche congelandola.

 

E il brodo?  Rimettere gli ossi di pollo nella pentola con il liquido, riportare a bollore, abbassare la fiamma e far sobbollire per 3 ore. Trascorso il tempo, colare il brodo, ovvero la parte liquida, usando un panno di tela pulitissimo o un colino e separandola in tal modo dalle parti solide.

 

Porzionare il brodo e una volta che sarà freddo conservarlo in frigo per 3 giorni e riscaldarlo quando occorre, o direttamente congelarlo e tenerlo in freezer fino a 3 mesi in contenitori appositi ben chiusi ed etichettati.

 

Chi è bravo con l’inglese potrà provare anche a seguire la variante proposta niente meno che dall’Università del Nebraska, i cui ricercatori hanno studiato gli effetti immunostimolanti e antinfiammatori proprio del brodo di pollo, scoprendo che questo semplice alimento è davvero in grado di potenziare l’azione degli anticorpi che aiutano a guarire rapidamente in caso di raffreddore.

 

 

PROTEINE… IN TAZZA

Non solo pollo, e non solo proteine animali. Assumere cibi ad alto contenuto proteico, meglio se in forma liquida o semiliquida, e arricchiti con verdure e carboidrati, aiuta a combattere gli aggressivi virus del raffreddore e dell’influenza e a guarire prima. Ebbene, ecco un alimento che possiede tutte queste proprietà praticamente da solo: le lenticchie. Si tratta di legumi, ovvero di vegetali, ricchi di proteine, di amido (carboidrati), di vitamine, fibre e minerali. Un alimento completo, più digeribile di altri tipi di legumi, soprattutto se si sceglie la versione decorticata, perfetto proprio per quando è in atto una sindrome da raffreddamento e si ha bisogno di un aiuto anche di tipo alimentare per curarsi.

 

Dunque, una bella zuppa di lenticchie è la ricetta che proponiamo e che si potrà preparare con o senza l’aggiunta di pasta, orzo o riso, ovvero di un cereale che ne potenzi le proprietà benefiche per la salute.

 

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • 2 piccole cipolle affettate
  • 2 coste di sedano affettate
  • 2 carote medie a rondelle
  • 2 spicchi d’aglio sbucciati
  • 2 foglie di alloro
  • 4 tazze di brodo vegetale + una di acqua (o solo acqua leggermente salata e speziata)
  • 1 patata media tagliata a cubetti
  • Due cucchiaini di concentrato di pomodoro e qualche pomodoro pelato se gradisci
  • 1 tazza di lenticchie (piccole, non c’è bisogno di ammollarle prima in acqua)
  • 2 tazze di spinacini freschi (in alternativa bietole o cicoria)
  • Aceto balsamico (facoltativo)

 

Preparazione

Realizzare questa ricetta non è difficile. Occorre innanzitutto scaldare l’olio in un ampio tegame con i bordi alti e aggiungere cipolla, sedano, carote e una presa di sale. Far soffriggere per circa 7 minuti, quindi unire l’aglio e far saltare per altri due minuti. Poi aggiungere le foglie di alloro e altre spezie se gradite (rosmarino, paprika o peperoncino, cumino, curcuma ecc.), far insaporire e infine versare il brodo e l’acqua, e aggiungere le patate, il pomodoro concentrato e gli eventuali pelati, gli spinacini o le bietole e ovviamente le lenticchie.

 

Portare a bollore, abbassare la fiamma, coprire il tegame e far cuocere per 35-45 minuti, ovvero fino a quando i legumi non saranno teneri. Se si utilizzano le lenticchie decorticate basteranno 10-15 minuti di cottura, mentre se si aggiungono i cereali ci vorrà più brodo o più acqua e si dovranno aggiustare i tempi. Se, ad esempio, si dovesse scegliere una minestra di grano saraceno o di frumento integrale, bisognerà aggiungerla solo pochi minuti prima di spegnere il fuoco, perché la cottura continuerà anche a fiamma spenta.

 

Un’ottima alternativa alla pasta o alla minestra è del buon pane semintegrale casereccio.

 

 

ZUCCA, ANANAS, KIWI, ARANCE E… UN FRULLATORE!

Nel bel mezzo dell’influenza, quando febbre, naso tappato, tosse e debolezza scombussolano e debilitano, cucinare potrebbe non essere una priorità. E allora un’ottima alternativa al cibo tradizionale potrebbe essere rappresentata dagli smoothies, o i frullati e le centrifughe realizzati con la frutta e la verdura disponibili in casa, così da creare un mix altamente benefico di vitamine, minerali, fibre e zuccheri che in forma liquida saranno facili e veloci da assumere e da digerire.

 

Particolarmente indicati proprio per combattere influenza e raffreddore sono zucca, ananas, kiwi e arance. La zucca è ricca di betacarotene, un pigmento presente in tutti i vegetali di color arancio, che è precursore della vitamina A, l’ananas è fonte di bromelina, una sostanza con effetti antinfiammatori, le arance e i kiwi sono ricchissimi di vitamina C.

 

Prima di frullare la zucca insieme alla frutta fresca bisognerà semplicemente lessarla per pochi minuti, sia perché il betacarotene diventa biodisponibile proprio quando sottoposto a cottura, sia perché la zucca cruda è immangiabile!

 

Altri ortaggi adatti alla preparazione di frullati anti influenza sono:

  • Mirtilli
  • Tutte le crucifere (cavolfiore, cavolo cappuccio, broccoli, cavolini di Bruxelles)
  • Peperoni
  • Mele
  • Sedano
  • Radicchio
  • Carote
  • Pere

 

Non c’è che l’imbarazzo della scelta! Da ricordare infine, per potenziare l’efficacia terapeutica degli smoothies, di aggiungere alcune spezie con effetto antinfiammatorio e immunostimolante come lo zenzero, la curcuma, la cannella e la salvia.

 

 

TISANE PER STAPPARE IL NASO E SCALDARE IL CUORE

Le tisane sono una vera coccola per un organismo indebolito e uno spirito prostrato. Ce ne sono tantissime indicate proprio per aiutare a combattere i sintomi di influenza e raffreddore, in genere già pronte con diversi mix di erbe e principi attivi fitoterapici. Si preparano facilmente, anche in grandi quantità da centellinare durante tutta la giornata. Tra le piante più indicate: salice bianco, liquirizia, malva, alloro, echinacea, spirea ulmaria, altea.

 

Bisogna considerare che una buona tisana idrata, decongestiona le vie respiratorie, soprattutto se nell’infuso sono presenti erbe balsamiche, rilassa (il sonno è la prima forma di cura che l’organismo utilizza) e mette a posto lo stomaco.

 

Ecco allora un’ottima tisana all’alloro specifica per le malattie da raffreddamento. L’alloro contiene vitamine C ed A, e minerali tra cui magnesio, potassio, ferro e calcio. Oltre ad aiutare in caso di malanni stagionali, è utile anche contro il mal di testa.

 

Ingredienti

  • 470 ml di acqua
  • 3 foglie di alloro
  • Il succo di un limone grande o di due piccoli

 

Preparazione

Mettere le foglie nell’acqua con il succo di limone in un bollitore e far bollire. Spegnere, travasare l’infuso in una tisaniera e, quando sarà intiepidito, bere la tisana, volendo addolcendola con un po’ di miele.



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X