Intestino in vacanza, senza sorprese

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Intestino in vacanza, senza sorprese

15-06-2010 - scritto da Viviana Vischi

Intolleranze alimentari, alterazioni della flora batterica, gas e stitichezza: le soluzioni ai problemi intestinali non mancano, e non sono necessariamente farmacologiche

Vietato rassegnarsi alle bizze dell'intestino! Scopriamo la causa dei disturbi e risolviamoli

Intestino in vacanza, senza sorprese

E’ quasi arrivato il momento delle vacanze, ancora un po’ di pazienza e potremo finalmente goderci sole e relax! Ma l’animo non è del tutto tranquillo… Colpa dei disturbi intestinali che ci perseguitano tutto l’anno e che durante la bella stagione rischiano di peggiorare ulteriormente. Disturbi che rispondono al nome di intestino irritabile, stitichezza, diarrea, eccesso di gas, alterazioni della flora batterica ecc. 

Tutte situazioni che vengono favorite o aggravate dal cambio di alimentazione, di orari, di clima, delle dosi di attività fisica, ma anche dalla scorretta conservazione dei cibi.

PRIMA DELLE VACANZE ESCLUDIAMO INTOLLERANZE E SQUILIBRIO DELLA FLORA BATTERICA

Prima di partire per le vacanze, il consiglio è quello di indagare il perché il nostro intestino sia così spesso in sofferenza e manifesti gonfiori, meteorismo, dolori e difficoltà ad evacuare con regolarità. Potrebbe trattarsi di un’intolleranza alimentare (al lattosio, ad esempio, o ai carboidrati complessi); oppure di uno squilibrio della flora batterica, dovuto a stress, abuso di farmaci, diete sballate, precedenti gastroenteriti ecc. In questi casi, le difese immunitarie dell’intestino si abbassano, rendendolo molto più vulnerabile alle infezioni alimentari e agli stravizi dell’estate. Eseguiamo dunque tutti i controlli specifici per escludere sia l’una sia l’altra situazione. 

Se, invece, il problema fosse la cosiddetta sindrome del colon irritabile, cominciamo da subito a “regalare” al nostro intestino cibo più sano, più fibre (circa 30 grammi al giorno), più acqua, meno grassi animali, meno tensioni emotive e una buona dose di attività fisica ogni giorno (utile per mantenerne tonica la muscolatura e per favorire la progressione delle feci). Queste stesse buone abitudini dovrebbero entrare a far parte del nostro stile di vita, non certamente dimenticate appena partiti per le ferie! 

Se scoprire la causa dei disturbi è il primo passo per avere un intestino sano ed evitare il rischio che la situazione degeneri, rovinandoci l’estate, poi, questi stessi disturbi bisogna fare in modo di risolverli. Le soluzioni non mancano, e non sono necessariamente farmacologiche.

 

ORA SO DI COSA SI TRATTA, COSA FARE?

Utilissimi, in caso di alterazione della flora batterica, sono i probiotici e i prebiotici. Sono detti comunemente fermenti lattici, ma attenzione: non contengono lattosio e non hanno sapore di latte! Sono indicati non solo per chi ha problemi in corso, ma anche per potenziare le difese immunitarie.

Indispensabili, invece, in caso di intolleranze ai carboidrati complessi sono quegli enzimi digestivi (come l’alfa-galattosidasi), che ci consentano di mangiare liberamente anche gli alimenti “incriminati”, senza divieti né restrizioni.

In caso intestino irritabile ad impronta stitica, infine, un ruolo molto positivo lo gioca la fibra solubile, che regolarizza l’evacuazione, incrementa la velocità del transito, ammorbidisce le feci e nutre la flora batterica.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X