L'importanza dell’acqua: sei sicuro di bere abbastanza?

L'importanza dell’acqua: sei sicuro di bere abbastanza?

11-10-2017 - scritto da Paola Perria

Scopri come la disidratazione nuoce al tuo corpo e come e quando bere per stare in forma.

La salute è… liquida!

Quanta acqua dovresti bere per stare bene? Sembra una domanda banale, ma non lo è. Perché il tuo corpo adulto è fatto per il 60% proprio di acqua, una percentuale che sale al 90% nei bambini. Eppure i danni prodotti alle cellule e quindi a tutti gli organi e apparati quando ti disidrati sono ampiamente sottovalutati.

Vediamo allora quanto è importante l’acqua per il tuo benessere e, al contrario, cosa succede quando non bevi abbastanza.

 


 

PESO CORPOREO

Buona idratazione: aiuta il controllo delle calorie e ti permette di mantenere il peso forma.

Cattiva idratazione: si confonde facilmente con la fame e ti spinge a mangiare di più e a ingrassare.

 

La National Academy of Medicine americana raccomanda un consumo di 3,7 fluidi* al giorno per gli uomini e di 2,7 fluidi* al giorno per le donne.

*Fluidi: non solo acqua ma cibi o bevande in cui sia presente l’acqua

 


 

RESISTENZA ALLA FATICA

Buona idratazione: mantiene lubrificate le articolazioni e ti sostiene quando fai sport.

Cattiva idratazione: ti fa stancare facilmente quando ti alleni e ti induce a smettere prima senza sapere perché ti senti “spompato”.

 


 

FUNZIONALITA’ DEL CERVELLO

Buona idratazione: migliora la capacità di attenzione e di concentrazione mentale, potenzia la memoria a breve termine e solleva l’umore.

Cattiva idratazione: ti deconcentra, causa deficit nella memoria a breve termine e ti fa sentire nervoso e ansioso.

 

Un modo per accorgerti se sei disidratato è controllare il colore delle tue urine: se sono di un delicato giallo chiaro, la tua idratazione è ottimale.

In più: sentire sete non è buon segno, significa che non bevi a sufficienza durante l’intero arco della giornata

 


 

SALUTE DEL CUORE

Buona idratazione: aiuta il tuo cuore a pompare il sangue nei vasi più facilmente e a irrorare i tuoi muscoli

Cattiva idratazione: affatica il tuo cuore!

 


 

PLIN… PLIN…

Buona idratazione: mantiene in salute il tuo apparato urinario e ti aiuta a prevenire le infezioni.

Cattiva idratazione: favorisce la cristallizzazione dei sali minerali nelle tue urine e quindi può portare alla formazione di dolorosi calcoli renali.

 

Frutti e ortaggi ricchi di acqua come angurie, cetrioli, mele, sedano ecc. entrano nel computo totale giornaliero di fluidi.

 


 

… POPO’

Buona idratazione: migliora la motilità del tuo apparato gastrointestinale.

Cattiva idratazione: induce il tuo corpo a sottrarre acqua dalle feci, che così diventano secche e dure, difficili da espellere. Conseguenza? Mal di pancia e stitichezza.

 

Attenzione agli eccessi! Esiste una condizione chiamata iponatriemia, uno scompenso elettrolitico in cui i livelli di sodio nel corpo scendono sotto la soglia di pericolo. La causa? Un’intossicazione da… acqua, che può verificarsi se bevi più di quanto il tuo corpo riesce a reggere

 


 

MAL DI TESTA

Buona idratazione: riduce durata e intensità del mal di testa.

Cattiva idratazione: può scatenare un attacco di emicrania soprattutto in chi ne è soggetto.

 

Consigli per una corretta idratazione

  • Porta una bottiglietta d’acqua sempre con te
  • Ordina dell’acqua quando vai a mangiare fuori
  • Bevi acqua ad ogni pasto, inclusi gli spuntini
  • Mangia più frutta e verdura

 

Foto | via Pixbay.com 

Fonte | CNN.com 



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X