L'incontinenza urinaria

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

L'incontinenza urinaria

08-09-2011 - scritto da peppuzzo

Tutto quello che devi sapere sull'incontinenza urinaria per affrontarla con serenità

L'incontinenza urinaria

COS’E'? COME AFFRONTARLA CON SERENITA'
L’incontinenza urinaria è definita come la perdita involontaria e non controllata di urine in condizioni socialmente non possibili.
E’ una situazione molto più diffusa di quello che si pensi e ciò è dovuto al fatto che molto spesso le donne hanno difficoltà spinte dal pudore a rivolgersi dal medico per risolvere questo problema, che presenta un vasto ventaglio di opportunità terapeutiche.
E’ una situazione clinica che non influenza la durata della vita, ma molto sulla qualità di vita, condizionando i rapporti sociali e lavorativi e con ripercussioni psicologiche togliendo molto spesso la gioia e la felicità di una serata con amici, di una passeggiata o di una corsa nel parco o semplicemente di fare la spesa tranquillamente.
L’ incontinenza urinaria può essere di diverso tipo:
- incontinenza urinaria da urgenza ed urgency e frequency
- incontinenza urinaria da stress
- incontinenza urinaria di tipo misto
Esistono poi una serie di incontinenza urinarie classificate a parte come la semplice incontinenza urinaria dopo starnuti…….

COS’E’ L’INCONTINENZA URINARIA DA URGENZA E COS’È L’URGENCY FREQUENCY?
L’urgency-frequency è l’aumentata frequenza minzionale accompagnata da una sensazione di urgenza.
La paziente avverte al momento della comparsa dello stimolo, l’urgenza di dover correre in bagno, una sensazione fortissima e molto spesso tale sensazione può manifestarsi in caso non si raggiunga una toilette, con perdita di urina che può essere a gocce o anche una minzione completa.
Qual è la causa di questo disturbo?
Varie possono essere le cause di origine neurogena o meno, ma riconducibili alla fine ad una aumentata contrazione vescicale quello che in termine tecnico si definisce iperattività vescicale o iperreflessia detrusoriale a seconda se la causa è neurogena o meno.
La valutazione ottimale di questo disturbo viene eseguita con un’attenta anamnesi urologia e neurologica da parte dell’urologo, un esame obiettivo della paziente ed un diario minzionale in pratica su un foglio dove la paziente descrive quello che è il suo ciclo minzionale in tre giorni tipo.
Descriverà il giorno, l’ora, la quantità di liquidi assunti, l’ora in cui urina e se possibile la quantità di urina raccolta.
Questo è un ottimo criterio diagnostico per l’urologo per avere un’idea della dinamica minzionale della donna.
Successivamente si può pensare di eseguire uno studio urodinamico che è un esame tramite il quale si valutano propriamente i volumi e le pressioni endovescicali ed in particolare è possibile valutare l’eventuale presenza di queste onde di contrazioni vescicali anomale che si manifestano clinicamente con i sintomi che abbiamo già descritto cioè l’urgenza e la frequenza urinaria.
A questo punto una volta giunti alla diagnosi si instaura un’adeguata terapia che è prevalentemente farmacologica.
Negli ultimi anni si sono visti degli ottimi risultati associando la terapia farmacologica a ginnastica del piano pelvico come da schemi prescritti da urologi

E L’INCONTINENZA DA STRESS?
L’incontinenza da stress urinaria al contrario di quello che può far credere comunemente il termine non è un’incontinenza da stress psicologico bensì da stress fisico, cioè quella che si può manifestare quotidianamente facendo le scale, sollevando i sacchetti della spesa, facendo una corsa, insomma qualsiasi situazione che può aumentare lo sforzo fisico.
Anche in questo caso le fughe di urina possono manifestarsi solo con qualche goccia o con minzione completa
Le cause sono di vario tipo, principalmente il numero e il tipo di gravidanze, ma anche eventuali interventi ginecologici effettuati successivamente, l’età e lassità dei tessuti muscolo-tendinei, etc.
L’incontinenza da stress può essere classificata in I, II e III tipo a seconda se si tratta di incontinenza urinaria da deficit sfinterico o da ipermobilità urinaria o associate.
Cosa vuol dire? L’incontinenza da deficit sfinterico è quella dovuta ad un meccanismo di lassità del tessuto muscolo-tendineo che è responsabile della continenza, cioè quelle strutture che bloccano le fughe di urina o la minzione normalmente non tengono più come prima e quindi sotto sforzo si verificano perdite di urina
L’incontinenza da ipermobilità uretrale si verifica nelle situazione in cui c’è un prolasso vaginale e/o uterino che si associa a prolasso vescicale.
Per un corretta diagnosi perentoria un’ottima anamnesi urologica e ginecologica ed ottimo esame uro-ginecologico che permetta di valutare l’eventuale presenza di un prolasso l’entità dello stesso.
Coadiuvante è l’esame urodinamico e in particolare il profilo pressorio uretrale sia statico che dinamico che permette di valutare il tipo di stress incontinence e l’entità dello stesso.
La terapia per l’incontinenza da stress specie quella da deficit sfinterica è mutata negli ultimi tempi con notevoli successi che possono prevenire o ritardare l’intervento chirurgico.
Infatti negli ultimi anni sono stati messi in commercio farmaci nuovi come la duloxetina che possono giovare nell’incontinenza urinaria da deficit sfinterico specie se associati ad un’ottima fisioterapia del piano pelvico eseguita da persone competenti (fisioterapisti) su prescrizione ed indicazioni degli esercizi da parte di un urologo esperto nel campo uro-ginecologico che possa seguire i progressi ed associare la terapia medica giusta e nell’eventualità di fallimento della terapia medica potrà suggerire il trattamento chirurgico adeguato.
La terapia dell’ipermobilità uretrale è in realtà la terapia del prolasso quindi prevalentemente chirurgica
Bisogna sottolineare però che un’adeguata preparazione del piano pelvico con un ciclo pre-operatorio di ginnastica e biofeedback(eseguiti da persone competenti su indicazione esclusivamente urologica) può giovare molto nei risultati dell’intervento chirurgico.

L’INCONTINENZA URINARIA OGGI NON È PIÙ UN PROBLEMA NÉ UNA VERGOGNA:
BASTA PARLARNE ALL’UROLOGO E SI RISOLVE BRILLANTEMENTE IN MEN CHE SI DICA:
ADDIO ALLE FUGHE DI URINA, AL DISAGIO TRA LA GENTE, SI RITORNA AD UNA VITA SERENA COME A 20 ANNI.


Dott. Giuseppe Benedetto

Riceve, previa prenotazione, presso:
PoliMedic, Contrà Carpagnon 1, VICENZA tel. 0444-322729

"Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento"

Profilo del medico - peppuzzo

Nome:
GIUSEPPE BENEDETTO
Comune:
VICENZA
Telefono:
0444-993849 segreteria
Professione:
Medico Ospedaliero
Occupazione:
urologo ospedaliero
Specializzazione:
Urologia
Contatti/Profili social:


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X