La bardana, pianta amica della pelle

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La bardana, pianta amica della pelle

22-12-2012 - scritto da Valeria Grisanti

Scopriamo quali affezioni curare con l’aiuto della pianta

Proprietà ed usi della bardana

La bardana, pianta amica della pelle La bardana ha sempre goduto della fama di pianta medicinale.

Sono infatti moltissimi gli utilizzi che se ne possono fare e le affezioni che si possono affrontare utilizzando preparati che contengono la pianta. La bardana è una pianta molto comune e che cresce spontanea nella maggior parte dei prati di’Italia e i suoi fiori rosso porpora sono una delizia per gli occhi, oltre che per la salute.

La bardana possiede proprietà depurative, sudorifere e antireumatiche ma è conosciuta ed utilizzata principalmente nella cura delle affezioni cutanee. Importante l’azione della bardana sul sangue grazie al potere purificatore della pianta che trova impiego quindi anche nella cura e nella prevenzione di febbre e infezioni. Nella maggior parte dei casi però la bardana si utilizza per affrontare le patologie della pelle, con la bardana e con il suo succo si riescono a contrastare ad esempio il rossore e il prurito causati dalle punture di alcuni insetti.
La bardana protegge la pelle dall’azione dei raggi solari grazie alla presenza all’interno della pianta di alcuni acidi che svolgono un ruolo protettivo nei confronti del collagene inibendo la produzione di ialuronidasi, un enzima che causa appunto danni alla pelle se essa è a contatto con il sole.

La bardana, in virtù delle sue proprietà purificanti, ha anche un’azione su fegato e cistifellea; grazie alla bardana è possibile poi abbassare i livelli di zucchero nel sangue, ecco perché la pianta è particolarmente consigliata per i diabetici come coadiuvante delle terapie classiche.

Nonostante tutte le proprietà elencate facciano della bardana una delle piante officinali più utilizzate, la più nota applicazione della pianta è nella cura di foruncolosi e acne, per le sue proprietà depurative e per le capacità della pianta di combattere alcuni batteri patogeni presenti sulla cute.

Foto da photopin.com


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X