La capacità di ascoltare

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La capacità di ascoltare

29-07-2011 - scritto da damiana

La capacità di ascoltare

Calma e disponibilità reciproca, la pre-condizione di un buon ascolto

“Se tu mi tocchi con dolcezza e tenerezza
Se tu mi guardi e mi sorridi
Se qualche volta prima di parlare mi ascolti
Io crescerò, crescerò veramente”
(Bradley, 9 anni)


Ascoltare E' spesso una abilità difficile da usare e da imparare, eppure essa è richiesta, desiderata e basterebbe spesso per ridimensionare tensioni e conflitti che nascono da fraintendimenti. Se questo è vero nelle relazioni in generale, lo è oltremodo per la coppia e per la coppia che attende o già ha dei figli. Nella vita sociale la fretta, la tensione verso risultati, accompagnata spesso da timori e da stress, non agevolano certo l’ascolto. Esso resta molte volte frettoloso, superficiale: quante volte ci troviamo a non ascoltare più, mentre ancora assentiamo o fingiamo di essere in ascolto? Oppure, mentre l’altro ci sta parlando, ci distogliamo pensando già a cosa rispondere? Questo accade anche nella coppia, tanto più se abbiamo giornate piene, pienissime, e quello spazio limitato di incontro con l’altro, il partner , i figli, continua ad essere un tempo in cui “fare”. Travolti dalla fretta, annuiamo senza ascoltare, ma “udiamo semplicemente suoni”.

Nella relazione e nel comunicare, il peso dell’ ascolto attento è essenziale. Per quanto possiamo sforzarci di curare al dettaglio l’esposizione dei contenuti e il modo di esprimerci per essere compresi, l’ingrediente dell’ascolto è fondamentale: se entrambi non si è disponibili, presenti per l’altro oltre che per se, la comunicazione cade nel vuoto o….nel conflitto.

Pre-condizione di un buon ascolto è la calma e la disponibilità reciproca. Quanto più il clima sarà teso o frettosolo, tanto maggiori saranno le possibilità di distorsioni, di incomprensioni. E se ci saranno cose da chiarire, situazioni su cui non si hanno punti di vista vicini, molta energia sarà spesa “difendendosi da” e pochissima energia e concentrazione saranno disponibili all’ascolto attento di quanto l’altro ci sta dicendo.

Ce lo ricordano spesso i bambini che ci chiedono di essere ascoltati e, se siamo troppo indaffarati ad altro, si faranno sentire in più e più modi, ripetendo a mo’ di disco rotto, o facendo capricci, o, come ho visto fare a una bimbetta con la propria madre, potranno prendere il nostro viso e girarlo verso il loro, obbligandoci a una sosta, a uno sguardo-nello-sguardo. Ricordandoci così che l’ascolto è un atto di volontà e di concentrazione, un primo grande momento di amore.


Damiana Covelli
Counsellor in comunicazioni
ELIOTROPIO



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X