La chemioterapia e la caduta dei capelli

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La chemioterapia e la caduta dei capelli

08-10-2013 - scritto da Angela Nanni

Chemioterapia e capelli: il trattamento chemioterapico, purtroppo, in molti casi determina una vistosa caduta dei capelli

Cosa succede ai capelli durante e dopo la chemioterapia

La chemioterapia e la caduta dei capelli

La chemioterapia è un trattamento che si avvale dell’utilizzo di un cocktail di farmaci tossico per le cellule tumorali: il mix di farmaci, però, oltre ad uccidere le cellule cancerose può interferire anche con il normale ciclo vitale delle cellule dell’organismo, in particolare può andare a distruggere le cellule del bulbo pilifero dei capelli, ma anche dei peli, della barba o delle sopracciglia.

Le cellule alla base del bulbo pilifero non vengono distrutte dal trattamento chemioterapico, infatti di solito, dopo un mese o due dalla fine del trattamento i capelli e i peli tornano a crescere normalmente.
Di solito la caduta dei capelli si realizza a partire dopo qualche giorno della chemioterapia, i capelli possono cadere a volte anche a ciocche a ciocche, di solito impiegano circa una settimana per cadere completamente.

Perdere i capelli è un duro colpo soprattutto per la psiche, per attenuare il disagio può essere utile dotarsi di una parrucca che andrebbe scelta, però, prima di iniziare la chemio in modo da abituarsi da subito al nuovo look, evitando anche gli sguardi dei curiosi che saranno già abituati al cambiamento nell’aspetto fisico.

Di solito i capelli ricrescono dopo un mese o due dalla fine della chemio: generalmente i capelli tendono a ricrescere anche più forti di prima, ma possono avere una consistenza diversa, ovvero ricrescere più sottili, ricci anziché lisci e di colore più chiaro o più scuro rispetto a prima. I capelli sono molto importanti per ogni persona: per questo ritrovarsi calvi è davvero terribile, ma bisogna pensare che la chemioterapia molto spesso è indispensabile alla guarigione e per fortuna l’alopecia è solo un disagio temporale, che scomparirà come si spera potrà sparire anche il tumore.

Determination | Flickr

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




A cura di Angela Nanni, Farmacista iscritta all'Albo dal 2005 e Redattore medico scientifico freelance.
Profilo Linkedin di Angela Nanni
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X