La cioccolata migliore? Dipende dal colore della tazza

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La cioccolata migliore? Dipende dal colore della tazza

12-01-2013 - scritto da Paola Perria

Uno studio ha scoperto che la cioccolata calda è più buona se gustata in tazza arancione o color crema

Tazze color crema o arancione: e la cioccolata è ancora più buona!

La cioccolata migliore? Dipende dal colore della tazza Una buona tazza di cioccolata calda, densa al punto giusto e magari con l’aggiunta di un ciuffo di panna montata, è uno di quei piaceri della vita che ogni tanto possiamo concederci anche quando siamo a dieta. Fa bene all’umore, fa bene al cuore e fa bene al portafogli, a patto di non esagerare, anche perché se l’appuntamento “cioccolatoso” diventa quotidiano, perde molto del suo fascino e acquista invece in rischi per glicemia e bilancia. Dato che in inverno capita spesso di invitare qualche amico a casa propria, o al bar preferito, per una golosa cioccolata calda e due chiacchiere, può risultare interessante tenere a mente i risultati di uno studio che in Spagna si sono presi la briga di effettuare a proposito dell’amata bevanda.

In questo caso non si è tanto puntato sulle calorie o sugli effetti che il cioccolato in quanto tale produce sulla psiche degli esseri umani, ma si è giocato su un altro fronte, quello che il fattore “ colore” (inteso della tazza) riveste nel gradimento del prodotto.

Detto in parole semplici, sembra proprio che la cioccolata calda, per quanto ottima sia (di prima qualità il cacao, freschissimo il latte e perfetta la combinazione dei due elementi con lo zucchero), lo sarà di più (al nostro palato), se goduta in una tazza di color arancione o crema. Considerando che di solito le tazze del bar sono bianche, e che quelle del servizio di casa variano ma difficilmente saranno tutte di un unico colore, la cosa potrebbe non essere ininfluente.

I ricercatori delle Università Politecnica di Valencia e di Oxford (GB), coordinati rispettivamente dai ricercatori Betina Piqueras-Fiszman e Charles Spence, hanno coinvolto un fortunatissimo campione di 57 volontari in un test alquanto curioso. Ai partecipanti sono state fatte gustare quattro cioccolate, ognuna in tazze di colore diverso: rossa, bianca, crema e arancione. In realtà hanno bevuto la stessa identica cioccolata, e tuttavia al loro palato non è sembrato così. La bevanda servita in tazza arancione o color crema è parsa migliore, nell’aroma e nella dolcezza, rispetto alle altre. Dato che il contenuto non era variato, la logica spiegazione a questo diversità di percezione gustativa (per altro generalizzata) andava cercata nel contenitore.

“Non c’è una regola fissa a indicare che il sapore e l’aroma siano migliorati in una tazza di un certo colore o tonalità – ha spiegato la dott.ssa Piqueras-Fiszman - In realtà questo varia a seconda del tipo di alimento, ma la verità è che, dato che comunque tale effetto si verifica, dovrebbe essere prestata una maggiore attenzione al colore del contenitore, poiché ha più influenza di quanto si potrebbe immaginare”.

E’ possibile che, relativamente alla cioccolata, che è un alimento dolce, caldo ed energetico, l’associazione con tonalità cromatiche a loro volta calde ed energetiche (arancione), o che si identificano con alimenti altrettanto morbidi e dolci (crema), risulti vincente. In ogni modo, la prossima volta che decidete di coccolarvi con una cioccolata calda, sapete in quale tazza consumarla, per un piacere ancora migliore.


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X