La dieta del miele per perdere 2 kg in una settimana

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La dieta del miele per perdere 2 kg in una settimana

06-12-2013 - scritto da Paola Perria

Dimagrire con il miele di può? Vediamo come

Dolcissimo e nutriente, il miele fa bene alla salute ma può anche aiutarci a perdere qualche kg

La dieta del miele per perdere 2 kg in una settimana

Pensare di dimagrire mangiando miele, un alimento senz'altro ottimo dal punto di vista nutrizionale ma ipercalorico, potrebbe apparire un'utopia, come minimo un paradosso. Eppure, in realtà, sembra che seguendo una dieta del miele sia effettivamente possibile perdere una taglia, quantificata in circa due kg alla settimana, senza soffrire. Anzi, in modo "dolcissimo". Vi chiederete come, naturalmente. E noi vi forniamo la risposta. Anzi, non proprio noi ma un nutrizionista inglese - Mike McInnes - colui che ha ideato questo regime dimagrante con protagonista il nostro amato miele (meglio se 100% italiano e bio). In cosa consiste la dieta?

E' molto semplice, basta eliminare dall'alimentazione tutto ciò che sia dolcificato con il classico zucchero bianco raffinato e sostituirlo con prodotti al miele. In pratica il nostro fabbisogno di zuccheri può e deve essere colmato (naturalmente in dosi ragionevoli) solo dalla dolcificazione con il miele, da usare sia per la preparazione di dolci (torte, biscotti, gelati), che sul pane per la colazione del mattino. Ma soprattutto, il vero "segreto" di questa dieta - parola del dietologo britannico - starebbe nell'assunzione di un cucchiaino di miele la notte, prima di andare a dormire, meglio se sciolto in una bevanda calda, come una buona tisana alle erbe con effetto rilassante.

Secondo do gli studi compiuti dall'esperto, questa dose di zuccheri notturna sarebbe in grado di "sedare" completamente la voglia di "dolce" del cervello, uno stimolo che, al contrario, lo zucchero bianco non farebbe che "eccitare". Se l'assunzione di dolci raffinati, magari industriali, infatti è stato associato ad un meccanismo pernicioso di dipendenza psichica, con conseguenze deleterie per il metabolismo del corpo e serio rischio di sovrappeso e diabete, l'assunzione del miele è invece un vero toccasana.

Non favorisce le infiammazioni, (incluse quelle all'origine della cellulite), ma le spegne, non accresce la fame di zuccheri ma la appaga, ci fornisce energia subito spendibile senza effetti collaterali. Per ottenere il massimo risultato da questa dieta del miele, dobbiamo però eliminare al più presto dalla nostra alimentazione quotidiana tutti i prodotti industriali che siano ricchi di glucosio e di grassi, che sono quei cibi-spazzatura responsabili del fenomeno globale dell'obesità, come spiega lo stesso McInnes:
 

Anche gli alimenti a basso contenuto di grassi apparentemente sani sono molto spesso pieni di zuccheri nascosti o di farina bianca che il corpo converte rapidamente lo zucchero. Questo significa che il nostro livello di zucchero nel sangue è al massimo tutto il giorno

- Originariamente Inviato da

Quindi, ricapitolando: alimentazione sana ed equilibrata, e per per colmare il fabbisogno di zuccheri preferire un cucchiaino o due di miele al mattino a colazione (magari nel latte, nel tè o in una tisana), un velo di miele su una fetta di pane tostato per lo spuntino di metà mattina o di metà pomeriggio, e un cucchiaino di miele prima di andare a nanna. Risultato? Due kg in meno nel giro di una settimana. Ma attenti a non barare...



Foto| via Pinterest



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X