La dieta per la prova costume? Variata, naturale, povera in sale e in grassi saturi

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La dieta per la prova costume? Variata, naturale, povera in sale e in grassi saturi

20-06-2013 - scritto da Paola Perria

Cosa consigliano gli esperti per aiutarci a superare la temuta prova costume? Di mangiare in modo sano e fare moto

Consigli alimentari per superare la temuta prova costume

La dieta per la prova costume? Variata, naturale, povera in sale e in grassi saturi La prova costume è un argomento che in prossimità dell'estate viene regolarmente trattato in tutte le riviste al femminile (e al maschile) che troviamo in edicola e on-line. Insomma, come si dice in questi casi, è uno dei temi caldi del momento. In effetti a chi non capita di ritrovarsi davanti allo specchio, con indosso il bikini dell'anno precedente, e non essere per nulla soddisfatta del risultato? Tessuti che cedono, maniglie dell'amore, un accenno di pancetta, quei cuscinetti di cellulite su glutei e cosce... e chi più ne ha, più ne metta.

Certo, non sarà questo ad impedirci di goderci il mare e le vacanze, ci mancherebbe, però la nostra autostima guadagnerebbe da una silhouette più snella. Correre ai ripari all'ultimo minuto dopo mesi e mesi di totale anarchia - alimentazione incontrollata, nessun tipo di attività fisica, stress fino alla cima dei capelli e conseguente fame nervosa - potrebbe risultare del tutto inutile, se non dannoso. Soprattutto rivolgersi alle diete modaiole, magari iperproteiche e sbilanciate, quando non a digiuni dannosissimi per la salute, non è certo la soluzione.

Anzi, otterremmo il risultato contrario. Per perdere qualche chilo di troppo e migliorare la nostra forma fisica, però, possiamo comunque attenerci ai consigli di buon senso degli esperti. In particolare, i medici dell'Aigo (Associazione Italiana Gastroenterologi ed Endoscopisti) hanno stilato alcune regole d'oro da seguire per una prova costume se non perfetta, comunque dignitosa. Vediamole:

  • Evitare le diete drastiche, per non incorrere nell'effetto rebound (o yo-yo) e puntare su un'alimentazione variata e completa, anche se leggera. Proteine, vitamine e minerali, fibre, carboidrati e grassi insaturi (come gli oli vegetali per condimento, soprattutto il nostro buon olio extravergine d'oliva), non devono mai mancare sulla tavola
  • Ridurre l'apporto di sale, sia limitando il consumo di cibi confezionati e precotti e di insaccati e salumi, che diminuendo le dosi di sodio aggiunto per insaporire i cibi che cuciniamo. Troppo sale provoca ipertensione e favorisce la ritenzione dei liquidi, quindi il gonfiore, la cellulite e la pancetta
  • Ridurre l'apporto di zuccheri raffinati. Il glucosio presente nei prodotti dolciari confezionati e nelle bibite è particolarmente dannoso per la nostra linea, ma soprattutto per la nostra salute
  • Per idratarci e gratificare il palato, oltreché per contrastare la ritenzione di liquidi e favorire il drenaggio naturale, via libera alla tisane da bere e alla frutta. Quest'ultima è perfetta per un break spezza-fame che ci disseti, ad esempio una buona fetta di anguria, ipocalorica ma dolcissima, con il suo apporto di potassio che bilancia il sodio presente nel sangue, è indicatissima proprio nelle diete estive
  • Anche le verdure vanno consumate in quantità, perché con il caldo perdiamo più sali minerali e vitamine attraverso il sudore, che vanno reintegrati. Quindi scegliamo ortaggi di stagione e consumiamoli a volontà sia cotti che crudi, anche come condimento di paste e pizza
  • Riduciamo le bevande eccitanti e le bevande alcoliche e invece riscopriamo il piacere di dissetarci con della semplice acqua fresca
  • Infine... muoviamoci! La sedentarietà non fa bene alla linea. Perciò via libera a passeggiate, nuotate al mare, ginnastica, partite di pallavolo o a racchettoni, jogging, yoga... purché esercizio fisico sia!


Foto| via Pinterest

A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X