La Disfunzione Erettile: epidemiologia, patofisiologia, valutazione clinica e terapia

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La Disfunzione Erettile: epidemiologia, patofisiologia, valutazione clinica e terapia

27-07-2011 - scritto da peppeiv

Epidemiologia, patofisiologia, valutazione clinica e terapia

La disfunzione erettile (ED) non è considerata una parte normale del processo di invecchiamento.

Epidemiologia
Ciò nonostante, è associata con determinati cambiamenti fisiologici e psicologici relativi all'età. Negli uomini tra 40 e di 70, il 52% ha segnalato un certo grado del ED.
L'incidenza era più alta fra gli uomini nei 50 - 59 gruppi d'età (21%) e fra gli uomini che erano poveri (14%), si è divorziata (14%) e di meno istruito (13%). L'incidenza del ED è inoltre più alta fra gli uomini con determinati disordini medici quali il diabete, la malattia di cuore, l'ipertensione ed i livelli diminuiti di HDL. Fumare è un fattore di rischio significativo nello sviluppo del ED. I farmaci usati per trattare il diabete o la malattia cardiovascolare sono fattori di rischio supplementari. Ci è un'più alta incidenza del ED fra gli uomini che hanno subito la radioterapia o la chirurgia per il cancro della prostata ed in quelle con traumi bassi del midollo spinale.
Le cause psicologiche del ED includono la depressione, lo stress.

Patofisiologia
La ED può derivare da varie cause:
• Vascolari
• Ormonali
• Farmaci
• Malattie neurologiche
• Chirurgia

Queste categorie non sono reciprocamente esclusiva ed i fattori multipli contribuiscono al ED in molti pazienti. Il fattore psicogeno frequentemente coesiste con altri fattori etiologici e dovrebbe essere considerato in tutti i casi. Le cause diabetiche, aterosclerotiche e farmacologiche rappresentano 80% delle casse di ED in uomini più anziani.
La causa organica più frequente del ED è una dispersione di flusso sanguigno a e dal pene La malattia arteriosa aterosclerotica o traumatica può fare diminuire il flusso agli spazi lacunari, con conseguente rigidità diminuita e tempo aumentato alla rigidità completa. L'uscita eccessiva tramite le vene, malgrado affluenza sufficiente, può anche contribuire al ED. Questa situazione può essere dovuta a un rilassamento insufficiente del muscolo liscio trabeculare e può accadere in individui ansiosi con il tono adrenergico eccessivo o in quelli con il sistema parasimpatico danneggiato.
Le alterazioni strutturali ai componenti fibroelastici del corpus possono causare una perdita di conformità e un'incapacità comprimere le vene tunicali. Questa circostanza può derivare da invecchiamento, da ipossia, Disordini che interessano il midollo spinale sacrale o le fibre autonome al pene precludono il rilassamento nervoso del sistema del muscolo liscio penieno, conducendo così al ED.
In pazienti con danni del midollo spinale, il grado del ED dipende alla totalità ed al livello della lesione. Altri disordini neurologici si sono associati comunemente con la ED includono la sclerosi a placche e la neuropatia periferica spesso dovuta a diabete o alcolismo.
Gli androgeni aumentano la libido, ma il loro ruolo esatto nel mantenimento dell’erezione è ancora poco chiaro. Gli individui castrati con bassi livelli di testosterone possono realizzare erezioni grazie agli stimoli visivi o sessuali. Ciò nonostante, i livelli normali del testosterone sembrano essere importanti per la funzione erettile, specialmente in maschi più anziani.
La terapia con androgeni può migliorare la funzione erettile diminuita quando è secondaria al ipogonadismo; non è utile per la ED quando i livelli endogeni del testosterone sono normali. La prolattina aumentata può fare diminuire la libido sopprimendo l'ormone GnRH ed inoltre conduce ai livelli diminuiti di testosterone.
Il trattamento dell’iperprolattinemia con gli agonisti della dopamina può ristabilire la libido ed il testosterone.
L’ ED si presenta in 35 - 75% degli uomini con il diabete mellito. I meccanismi patologici soprattutto sono collegati con le complicazioni vascolari e neurologiche diabete-collegate. Le complicazioni macrovascolari diabetiche sono collegate principalmente con l'età, mentre le complicazioni microvascolari correlano con la durata del diabete ed il grado di controllo glicemico Due meccanismi contribuiscono alla ED psicogena. Primo, gli stimoli psicogenici al midollo sacrale possono inibire le risposte reflessogene, quindi ostruire l'attivazione vascolare al pene.
In secondo luogo, lo stimolo simpatico eccedente in un uomo ansioso può aumentare il tono del pene.
Le cause più comuni del ED psicogena sono ansia da prestazioni, depressione, conflitto di rapporto, perdita dell'attrazione, inibizione sessuale, preferenza sessuale dell'eccedenza di conflitti, abuso sessuale nell'infanzia e timore della gravidanza o delle malattia sessualmente trasmessa.
Quasi tutti i pazienti con il ED, anche quando ha una base organica definita, sviluppano un componente psicogena come reazione al ED.
L’ED Farmacologica è causata da agenti dell'ipotensivanti come i diuretici tiazidici e ed i beta-bloccanti. Questi farmaci possono comportarsi direttamente a livello del corpo cavernoso o indirettamente riducendo la pressione sanguigna pelvica, che è importante nello sviluppo di rigidità peniena. Da Agonisti di GnRH, dagli estrogeni, antagonisti H2 e dallo spironolactone che sopprimendo la produzione del gonadotropina blocca l’azione degli androgeno. Gli antidepressivi, e gli antipsicotici, possono causare difficoltà erettili, di eiaculazione, orgasmiche e sessuali.
Se ci è un'associazione forte fra l'istituzione di un farmaco e l'inizio del ED, dovrebbero essere considerati i farmaci alternativi. Altrimenti, è spesso pratico trattare il ED senza tentare i cambiamenti di farmaci, poiché può essere difficile da stabilire un ruolo causale per il farmaco.

Valutazione Clinica
Un buon rapporto del medico-paziente contribuisce a instaurare un rapporto di fiducia ed a riscontrare più facilmente le cause della ED.
È necessario valutare sia la storia medica che sessuale completa per capire se se la causa del ED è organica, psicogena, o multifattoriale
Le cause organiche del ED sono caratterizzate generalmente da un cambiamento graduale e persistente nella rigidità o dall'incapacità di sostenere le erezioni notturne, coitali, o auto-stimolate. Il paziente dovrebbe anche essere interrogato circa la presenza di curvatura peniene o di dolore con il coitus. È inoltre importante valutare la libido, poiché un diminuito desiderio sessuale e la ED sono a volte i segni premonitori delle anomalie dell’sistema endocrino (per esempio, prolattina aumentata, livelli diminuiti del testosterone). La ED si presenta spesso in concomitanza con nuovi partner o situazioni sessuali extramatrimoniali. Una ED situazionale, in contrasto con il ED costante, suggerisce le cause psicogena. Dovrebbero essere identificati i fattori di rischio relativi, quale il diabete mellitus, di malattia coronaria, disordini del lipidi, ipertensione, malattia vascolare periferica, fumare, alcolismo e disordini neurologici o 'endocrini.
I cambiamenti sociali che possono precipitare la ED sono inoltre cruciali alla valutazione, compreso le preoccupazioni di salute, della morte del coniuge, divorzio, alle difficoltà di rapporto ed alle preoccupazioni finanziarie.
L'esame fisico è un elemento essenziale nella valutazione dell’ED. I segni di ipertensione così come prova delle malattie epatiche, ematologiche, cardiovascolari, renali o della tiroide, dovrebbero essere cercati. Dovrebbe essere fatta una valutazione endocrinologia e dei sistemi vascolari, gli organi genitali esterni e la prostata. Il pene dovrebbe essere valutato con attenzione palpando lungo i corpus per rilevare le placche fibrotiche. La forma e dimensioni testicolari ridotte sono indicativi del ipogonadismo.
L'esame neurologico dovrebbe includere la valutazione del tono dello sfintere anale, del riflesso bulbo cavernoso e ricerca di neuropatia periferica. Sono consigliati esami di laboratorio per valutare l’apparato endocrino, ed eventuali malattie del metabolismo La prova supplementare di diagnostico è necessaria raramente nella valutazione del ED. Tuttavia, pazienti selezionati, possono richiedere esami supplementari come
(1) studi sulla tumescenza e sulla rigidità peniena notturna
(2) valutazione vascolare (iniezione locale di sostanze vasoattive, doppler penino, dell'angiografia peniena,
(3) prova neurologica
(4) prove diagnostiche psicologiche.

Terapia
Nei casi in cui si trova la causa la terapia deve essere mirata contro la patologia sottostante
Negli altri casi si optare con farmaci orali o se questi falliscono con quella iniettiva peniena
La terapia chirurgica consiste nel posizionamento di una protesi peniena
In caso di disfunzioni endocrinologiche è necessario intervenire sull’ormone deficitario.


Dr. Giuseppe Quarto
Specialista in Urologia e Andrologia Napoli - Cassino - Catanzaro
+39 338 8006344 / 0810094306
http://www.urologonapoli.com

Profilo del medico - peppeiv

Nome:
Giuseppe Quarto
Comune:
NAPOLI
Telefono:
3388006344
Azienda:
Istituto tumori di napoli Reparto Urologia
Professione:
Medico specialista attività privata
Occupazione:
urologo andrologo
Specializzazione:
Urologia, Andrologia, andrologia
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

28/09/2021. Il cuore rappresenta l’organo centrale del nostro apparato circolatorio. È posizionato all’interno della gabbia toracica, a sinistra, e assolve alla fondamentale funzione di inviare e ricevere il sangue tramite i vasi...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X