La Rizoartrosi, condizione che irrita o distrugge una articolazione

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La Rizoartrosi, condizione che irrita o distrugge una articolazione

30-06-2011 - scritto da Internullo

L’articolazione che si trova alla base del pollice è quella più frequentemente colpita

Che cosa è: qualsiasi condizione che irrita o distrugge una articolazione è chiamata artrosi.

La Rizoartrosi, condizione che irrita o distrugge una articolazione

In una articolazione normale, la cartilagine riveste le superfici ossee e permette a loro di muoversi e scivolare tra di loro. Quando si instaura l’osteoartrosi (anche chiamata artrite degenerativa) la cartilagine si consuma e si viene a creare attrito tra le ossa. Con il proseguire di questo processo si instaurano i sintomi e progredisce la distruzione articolare. Nella mano la articolazione che più frequentemente va incontro a questo processo è l’articolazione che si trova alla base del pollice. Questa è formata da un piccolo osso chiamato trapezio e dalla prima delle tre ossa del pollice (Fig.1). La forma di questa articolazione consente una ampia gamma di movimenti , tra i quali la pinza e la presa. L’artrosi dell’articolazione basale del pollice è più frequente nelle donne che negli uomini. Inizia solitamente dopo i 40 anni. Traumi o lesione a questa articolazione possono aumentare le possibilità che questa condizioni si sviluppi.

Fig. 1: Anatomia ossea del polso

Segni e sintomi: il primo sintomo è il dolore che si esacerba durante le attività che comportano dei movimenti di presa e di pinza. Queste attività posso includere lo svitare i barattoli, girare le chiavi, aprire le portiere delle macchine. Un uso importante del pollice può anche causare dolore a livello della articolazione basale. Con il progredire del quadro clinico attività sempre più leggere sono sufficienti a causare dolore. La forza di pinza diminuisce e può comparire gonfiore a livello dell’articolazione. Negli stadi avanzati si hanno delle deformità dell’articolazione ed il movimento del pollice diventa limitato.

Fig.2: Deformità tipica base pollice.

Diagnosi: Una storia clinica dettagliata su come le mani sono state usate e se si hanno avuti precedenti traumi possono essere molto utile per fare pensare al medico che possa essere presente questa patologia. Un esame clinico attento evidenzia spesso una tumefazione alla base del pollice che può rappresentare sia un gonfiore che una sublussazione del primo osso del pollice (Fig.2)Inoltre andando a sforzare il primo osso del pollice contro l’osso del polso può scatenare dolore. L’esecuzione di una radiografia confermerà la diagnosi e quantificherà il quadro clinico dando indicazione su quello che sarà il trattamento (Fig.3).

Fig.3: Quadro radiografico

Trattamento: questo tipo di patologia evolve in quattro stadi, classificati in base alla degenerazione articolare. Viene oggi molto utilizzata la classificazione di Brunelli. Negli stadi iniziali il trattamento può essere di tipo conservativo, immobilizzando il pollice con l’utilizzo di tutori notturni per alcuni mesi il cui scopo è quello di "mettere a riposo" l’articolazione interessata. In quelli più avanzati, quando la degenerazione articolare è molto importante il trattamento di scelta diventa quello chirurgico. Questo viene attuato tramite diversi tipi di procedure il cui scopo primo è la eliminazione del dolore ed il restaurare quanto più possibile la funzione utile del primo dito e della mano.
Al trattamento chirurgico dovrà seguire una immobilizzazione.

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




Dott. Giuseppe Internullo
Specialista in Ortopedia
Via Romano, 24 CALTAGIRONE (CT)
Per informazioni 0933-23843
www.chirurgiadellamanocatania.it

Profilo del medico - Internullo

Nome:
Giuseppe Internullo
Comune:
CATANIA
Telefono:
095497305
Professione:
Medico specialista attività privata
Posizione:
www.chirurgiadellamanocatania.it
Occupazione:
Chirurgia della mano
Specializzazione:
Ortopedia e traumatologia, Chirurgia della mano
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X