La tisana dei monaci buddisti

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La tisana dei monaci buddisti

17-04-2015 - scritto da Viviana Vischi

La tisana dei monaci buddisti

Ci sono casi in cui non è possibile identificare in modo chiaro qual è il problema all'origine dei fianchi ingrossati. A volte il punto vita si allarga dopo un periodo di stravizi alimentari; in altre ipotesi alla base dell'ingrassamento c'è una debolezza dei reni, che non riescono a smaltire tutte le tossine e provocano un rallentamento circolatorio e metabolico; in altri casi, infine, i fianchi aumentano a causa di uno squilibrio del fegato che non "elabora" al meglio i cibi, genera un surplus di scorie e le accumula nella parte bassa del corpo.

Per aiutare a risolvere questi problemi e dimagrire nel punto desiderato esistono erbe specifiche da assumere sotto forma di infuso, delle tisane specifiche che hanno importanti proprietà depurative, drenanti e disintossicanti per gli organi interni, fegato ed organi emuntori, capaci di regolare e migliorare il metabolismo, riequilibrare la digestione ed aiutare anche l’equilibrio ormonale.

Oggi parliamo della tisana che realizzano ormai da millenni in Tibet i lama tibetani. Questa tisana grazie alle sue importanti proprietà depurative è utile:

  • per decongestionare stati infiammatori grazie alle sue componenti di thè verde
  • come calmante in casi di ansia e stress e stanchezza grazie alla citronella e ad altre erbe che agiscono sul sistema simpatico e neurovegetativo
  • come drenante e depurativo per l’organismo e per il fegato
  • per migliorare nel tempo problemi di colon irritabile e gastrite grazie alle erbe orientali quali tulsi
  • per apportare grossi benefici depurativi e brucia grassi che, uniti ad un buon regime alimentare, in breve tempo permettono di disintossicare l’organismo, donando anche un aspetto maggiormente vivido e giovane alla pelle
  • per favorire il rinvigorimento e ringiovanimento della pelle e dei capelli, donando dopo qualche mese un aspetto più fresco e puro alla pelle e a tutta la figura

 

La grande forza del preparato dei monaci sta nelle piante tipiche dell'Himalaya in Tibet e della Cina, fra le quali:

  • il Gynostemma-pentaphylum. La pianta  è una vite nativa del sud della Cina, ma cresce anche in alcune parti della Corea e del Giappone. Ha una grande varietà di usi ed è stata soprannominata “erba dell’immortalità”, a causa del suo uso diffuso in una regione della Cina dove le persone in media vivono oltre cent’anni
  • il Ginseng. Notissima pianta cinese dagli effetti tonificanti e stimolanti
  • l’estratto di Bacche di Goji (un frutto di origine tibetana con proprietà simili ai multivitaminici). Si tratta di un estratto energizzante, vitaminizzante, ricco anche di antocianine che aiuta a bloccare gli accumuli di grasso e la formazione di cellule adipose, a stimolare il senso di sazietà, inoltre è ricco di potenti antiossidanti quali Zinco e Selenio che danno un impulso al metabolismo dei grassi

 

La sapiente e millenaria lavorazione e miscelazione dei monaci buddisti rendono l’infuso capace di esaltare tutte le grandi proprietà benefiche delle singole piante officinali di cui l’infuso è composto. Potrete provare la tisana consultando il sito http://www.latisanadeimonacibuddisti.it oppure http://www.tibetantisane.it



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X