La viola tricolor, la viola del pensiero

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La viola tricolor, la viola del pensiero

23-12-2012 - scritto da Valeria Grisanti

Scopriamo le proprietà curative dello splendido fiore viola

Proprietà ed usi della viola tricolor o viola del pensiero

La viola tricolor, la viola del pensiero La viola tricolor, conosciuta ai più come viola del pensiero, è una pianta dai fiori meravigliosi che possiede altrettante fantastiche virtù.

Le proprietà curative della pianta sono note da secoli. I principi attivi contenuti nella pianta infatti possiedono capacità depurative della pelle e tossifughe, ma anche espettoranti ed emollienti.
Per la cura della pelle la viola è particolarmente indicata nel trattamento dell’acne, sia sotto forma di tisana da bere ma anche per preparare lozioni toniche da applicare localmente sulle lesioni provocate dal disturbo. Per la stessa ragione la viola trova utilizzo anche nella terapia topica contro la foruncolosi ed è utilizzata contro gli eczemi e l’orticaria e molte eruzioni della pelle. Ma non finisce qui.

Per preparare un infuso a base di viola da bere è sufficiente far bollire 4 grammi di fiori in 100 ml di acqua: berne una tazza la mattina. Per preparare invece una lozione da applicare localmente è necessario preparare un decotto con la stessa quantità d’acque e 6 grammi di fiori di viola, filtrare e tamponare aiutandosi con dell’ovatta sulle zone del viso e della schiena interessate dalla presenza di acne. Sempre con la viola è possibile confezionare in casa una lozione tonica da applicare prima di andare a dormire come nel caso della bardana.

Sempre nella cura delle affezioni della pelle è indicata la tintura madre di viola tricolor: utilizzata contro l’acne e le eruzioni cutanee, ha buoni effetti per la sua azione antipruriginosa e antinfiammatoria.

Prodotti a base di viola, da acquistare o confezionare a casa, si rivelano molto utili nei casi di affezioni dell’apparato respiratorio, in particolare la viola ha un potere lenitivo e guaritore sulla tosse e sulle febbri.

Le proprietà depurative della pianta la rendono ottima nella cura dei raffreddori e delle affezioni tipiche dell’inverno per le sue proprietà sudorifere ma ha anche un’azione blanda sull’intestino in caso di stitichezza grazie alle sue doti lassative e diuretiche.

Foto da photophin.com


Articoli che potrebbero interessarti

Feci nere: da cosa dipendono e quando preoccuparsi

Feci nere: da cosa dipendono e quando preoccuparsi

05/05/2021. Prima di preoccuparsi delle feci nere è meglio capire di cosa si tratta. Lo sapevate che dal colore delle feci è possibile fare una diagnosi sullo stato di salute di un paziente? Chi ha figli ricorderà benissimo come,...

Stitichezza: meglio le fibre solubili o insolubili?

Stitichezza: meglio le fibre solubili o insolubili?

03/05/2021.   Ah, la stitichezza: c’è qualcosa di peggio nella vita? Certamente sì ma, per chi ne soffre, questa è probabilmente una delle condizioni gastrointestinali più frustranti che esistano sulla faccia...

Ho i diverticoli nell’intestino, cosa devo fare?

Ho i diverticoli nell’intestino, cosa devo fare?

30/04/2021.   Come abbiamo già visto nel precedente articolo, la diverticolosi è la presenza di uno o più diverticoli nel colon. La maggior parte dei diverticoli può rimanere asintomatica e non necessitare di alcun...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X