Le differenze tra acne lieve, moderata o grave

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Le differenze tra acne lieve, moderata o grave

21-05-2015 - scritto da Viviana Vischi

Conoscere il proprio tipo di acne è importante per adottare, con l’aiuto del dermatologo, la terapia più adatta.

Alcune informazioni utili per capire il livello di gravità dell'acne.

Le differenze tra acne lieve, moderata o grave

La gravità dell’acne si distingue generalmente su una scala formata da tre diversi gradini: l’acne può essere lieve, moderata o grave, a seconda del numero dei comedoni, della presenza o meno di lesioni, della formazione di noduli o di acne conglobata.

Solo un dermatologo, in seguito a un esame obiettivo, può formulare una diagnosi corretta ma qui vogliamo fornire alcune informazioni di massima che possono aiutare a capire la gravità della patologia, fermo restando che queste indicazioni devono essere confermate caso per caso da uno specialista dopo una visita.

 

L’acne lieve

In linea generale, viene considerata acne lieve quella che prevede la presenza dei soli comedoni, cioè i punti neri o gialli che si formano per l’eccessivo accumulo di sebo, o comunque di comedoni in misura prevalente rispetto alle altre tipologie di lesioni acneiche. Anche la presenza di papule (piccoli rigonfiamenti dolenti e arrossati) o pustole (rigonfiamenti simili alle papule ma con presenza di pus) in numeri bassi può essere considerata acne lieve.

 

L’acne moderata

Quando le lesioni come papule o pustole sono numerose, oppure quando l’acne si presenta nodulare, cioè con la formazione di piccole cisti dure contenenti sebo e cheratina, l’acne viene considerata di forma moderata.

 

L’acne grave

Perché l’acne venga considerata grave è necessaria la presenza di noduli di grandi dimensioni oppure di acne conglobata, in cui si verifica l’unione di più lesioni acneiche. È questa la condizione che più probabilmente lascerà cicatrici permanenti sulla pelle, soprattutto se non diagnosticata e non trattata tempestivamente.

 

La gravità dell’acne può essere misurata in base al numero delle lesioni

Generalizzando, e con il solo scopo di fornire una indicazione di massima, possiamo dire che l’acne viene considerata lieve, moderata o grave a seconda del numero delle diverse lesioni presenti sulla pelle, secondo uno schema simile a quello che segue:

 

Acne lieve:

  • meno di 20 comedoni
  • meno di 15 lesioni con infiammazione
  • meno di 30 lesioni in generale

 

Acne moderata:

  • tra 20 e 100 comedoni
  • tra 15 e 50 lesioni con infiammazione
  • tra 30 e 125 lesioni in generale

 

Acne grave:

  • oltre 100 comedoni
  • oltre 50 lesioni con infiammazione
  • oltre 125 lesioni in generale

 

Anche nei casi lievi, è bene ricordare che l’acne è a tutti gli effetti una malattia, non un disturbo da considerarsi “normale” durante l’adolescenza e, soprattutto, da non trascurare in attesa che passi da sé. Una visita dermatologica e una adeguata terapia possono infatti non soltanto portare a una più breve risoluzione del problema, ma anche evitare il peggioramento della patologia e la comparsa di cicatrici permanenti.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X