Le fratture preferiscono la mano

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Le fratture preferiscono la mano

28-09-2008 - scritto da Internullo

La casistica delle fratture riportano una predilezione per le nostre mani

Il 10% circa del totale delle fratture del nostro corpo, infatti, è localizzata proprio a livello delle falangi e dei metacarpi

Alcuni dati ci informano di quanto ampia sia la traumatologia della mano: il 10% circa del totale delle fratture del nostro corpo, infatti, è localizzata proprio a livello delle falangi e dei metacarpi.

A
B
Fig. 1 A e B: mostrano trattamento con osteosintesi con viti di frattura di dialisi di metacarpo

Questo dato sale drasticamente se se selezioniamo le fratture che coinvolgono solo l’arto superiore, del quale ben l’80% corrisponde alla sua parte terminale. Un secondo dato degno di attenzione è la causa dei traumi: si calcola che tra incidenti sul lavoro e incidenti domestici le fratture coinvolgono la mano si aggirino addirittura attorno alle 500.000 all’anno solo in Italia.. uno dei primi compiti del chirurgo della mano è sicuramente quello di garantire la guarigione delle fratture evitando accuratamente di interferire con la normale guarigione dell’osso. Sia che si decida per un intervento chirurgico che per una riduzione non chirurgica si deve tenere presente la funzionalità definitiva la funzionalità definitiva alla quale si vuole ritornare. La scelta del mezzo di sintesi, quindi, qualora si decidesse per la strada chirurgica, deve essere il più appropriato possibile per riportare la mano alla guarigione, rendendole anche fisiologica la funzionalità. Nelle fratture delle falangi ad esempio una sintesi interna rigida, pur portando ad un ottimo risultato sul paino osseo, potrebbe generare delle difficoltà nello scorrimento tendineo, generando dei fenomeni di rigidità.
A
B
Fig.2 A e B: frattura diafisaria di falange prossimale tratta con viti

La sintesi rigida deve essere scelta quando le condizioni cliniche lo permettono, ma anche quando si pensa ad una precoce mobilizzazione della falange, per evitare fenomeni aderenziali. Deve essere ricordato, prima della scelta dell’approccio chirurgico, che la stabilità della frattura risente in maniera diretta del grado di energia del trauma: traumi a bassa energia determinano infatti fratture spesso stabili, con integrità del periostio e dei tessuti molli circostanti, mentre traumi in cui le componenti energetiche siano bi o tridirezionali piuttosto che ad alta energia, determinano spesso scomposizione delle fratture, complicanza nei tessuti molli e non integrità del periostio.
Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




Dott. Giuseppe Internullo
Specialista in Ortopedia
Via Romano, 24 CALTAGIRONE (CT)
Per informazioni 0933-23843
www.chirurgiadellamanocatania.it

Profilo del medico - Internullo

Nome:
Giuseppe Internullo
Comune:
CATANIA
Telefono:
095497305
Professione:
Medico specialista attività privata
Posizione:
www.chirurgiadellamanocatania.it
Occupazione:
Chirurgia della mano
Specializzazione:
Ortopedia e traumatologia, Chirurgia della mano
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X