Lo shampoo fai-da-te per capelli grassi

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Lo shampoo fai-da-te per capelli grassi

07-09-2012 - scritto da Viviana Vischi

Se hai i capelli grassi e ami i prodotti naturali, una soluzione che potrebbe fare al caso tuo è creare uno shampoo su misura per te

Dal blog CurarsiAlNaturale.it alcune ricette naturali per produrre in casa un ottimo shampoo per capelli grassi

Lo shampoo fai-da-te per capelli grassi Uno shampoo fatto in casa per capelli grassi rispetta la tua cute e allo stesso tempo contribuisce a normalizzare il sebo e la sua produzione e a dare un aspetto pulito e naturale alla tua chioma. Ti presento alcune ricette naturali per produrre in casa un ottimo shampoo. Sto parlando di ricette che prevedono l’utilizzo di ingredienti completamente naturali; ti chiedo quindi di essere costante nell’applicazione, perché i rimedi naturali, al contrario di quelli di sintesi, hanno un’azione più lenta ma più efficace. Vedrai i tuoi capelli riacquistare nel tempo un aspetto lucido e setoso!

Gli ingredienti sono facilissimi da trovare: se non hai un piccolo orto sul tuo balcone, in qualsiasi supermercato o erboristeria trovi le erbe di cui hai bisogno a prezzi davvero contenuti.

Shampoo per capelli grassi con fiori di camomilla
Fai bollire mezzo bicchiere di acqua, poi aggiungi 2 cucchiai di camomilla e riprendi la bollitura per altri cinque minuti. Togli l’infuso dal fuoco, filtralo e aggiungi qualche goccia di limone, due cucchiai di aceto di mele e due di sapone grattugiato. Mescola fino a quando il sapone è completamente diluito: se fosse necessario scalda ancora un po’ il composto, ma evita di far evaporare l’acqua. Lo shampoo alla camomilla ha un’azione astringente e rimuove in profondità il grasso del cuoio capelluto.

Shampoo naturale per capelli grassi
Fai bollire 3/4 di tazza di acqua, poi toglila dal fuoco, versala in una ciotola e aggiungi 2 cucchiai di salvia essiccata. Lascia riposare per dieci minuti ed infine aggiungi otto cucchiai di sapone bianco senza profumazione. Mescola bene e lascia riposare fino a quando il composto non si addensa. Conserva lo shampoo così ottenuto in una bottiglia o in un contenitore e distribuiscilo sulla capigliatura ogni volta che ti lavi.

Shampoo al bergamotto
Aggiungi 1 cucchiaio di olio di bergamotto ad una tazza con 3/4 di alcool e 3 cucchiai di glicerina. Poi diluisci 3 tazze di sapone vegetale grattugiato in acqua calda e aggiungi questa miscela al primo impasto.

Shampoo per capelli grassi alla menta
Fai bollire per 15 minuti un bicchiere di acqua con 2 cucchiai di foglie dimenta essiccata e 2 cucchiai di foglie di salvia secca. Poi filtra le erbe e mescola il liquido ottenuto in una ciotola con due tazze di shampoo neutro per bambini. Conserva questo preparato in una bottiglia e utilizzalo spesso per lavarti i capelli.

Shampoo a base di erbe per capelli grassi
Versa dell’acqua bollente in una tazza con 15 grammi di rosmarino, e lascia riposare per più di 10 minuti, poi filtra e aggiungi mezzo bicchiere di sapone grattugiato o bianco. Lascia sciogliere e fai raffreddare il composto. Infine aggiungi il succo di un limone e riponilo in una bottiglia.

Se sarai costante nell’utilizzo di questi preparati non avrai bisogno di altro, e i tuoi capelli ritroveranno lucentezza e splendore!

Altri articoli sui capelli grassi su CurarsiAlNaturale.it

Per altre info sulla cura dei capelli
confrontati con la Community di Forumsalute all'interno della sezione dedicata alla Bellezza e Cosmesi.
Categorie correlate:

Capelli, caduta dei capelli




A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X