Nausea e vomito nel bambino, i rimedi

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Nausea e vomito nel bambino, i rimedi

18-02-2014 - scritto da Cinzia Iannaccio

Cosa fare in caso di influenza intestinale del bambino

In caso di vomito, attenzione alla disidratazione

Nausea e vomito nel bambino, i rimedi Gli attacchi di vomito e la nausea nel bambino per fortuna sono fenomeni abbastanza passeggeri. Non per questo bisogna abbassare la guardia: oltre a qualche coccola in più diventa importante controllare che il piccolo non si disidrati. Vediamo insieme cosa occorre sapere e quali i rimedi naturali e farmacologici si possono usare.

Prima di tutto va sottolineato come i bambini siano facili a disidratazione più rapidamente degli adulti: è importante quindi, nelle ore di vomito e nausea, controllare se ha la bocca secca, se si dimostra particolarmente stanco, piange con meno lacrime del solito, fa poca pipì ed è scura, ha la pelle fredda. Sono i sintomi principali di disidratazione.

Dargli da bere è dunque fondamentale per evitare ciò. Non è impresa semplice con il vomito che tendenzialmente aumenta proprio con i liquidi…perché meno facilmente rimangono nello stomaco. L’ideale è dare al bimbo piccoli sorsi di acqua, succo di frutta o integratori salini, anche un solo cucchiaino ogni pochi minuti.

Quando il bambino ha smesso di vomitare già da qualche ora è possibile cominciare a pensare ad una dieta liquida: brodo leggero, succo di frutta, meglio se fatto in casa, latte con biscotti, ma anche gelati e ghiaccioli volendo!

Solitamente nei bambini non sono consigliati farmaci antiemetici, non solo per gli eventuali effetti collaterali o controindicazioni, ma anche perché in caso di virus (tra le cause più frequenti di vomito e nausea nei bambini) non sono efficaci. Solo in casi rari di vomito grave il medico può intervenire con una prescrizione, ma va evitato in tal senso il fai da te.


Il Ginger, ovvero lo zenzero è indicato per trattare la nausea ed il vomito, anche nei bambini, ma con più di due anni. Anche questo può avere effetti collaterali con dosaggi errati, chiedere al pediatra è sempre la cosa migliore!

La digitopressione non è invasiva e si dimostra un’antica ed efficace metodica per contrastare la nausea nei più piccoli: basta utilizzare il dito medio e l'indice per premere verso il basso sul solco tra i due tendini del polso.

Attenzione infine a chiamare il medico per un consulto in ognuno dei seguenti casi:

  • Il bimbo è un neonato con meno di 12 settimane di vita e ha più scariche di vomito
  • Mostra segni di disidratazione
  • Si sospetta che abbia ingerito una sostanza velenosa
  • Ha sangue o bile nel vomito
  • Si dimostra confuso
  • Ha febbre alta che non passa
  • Ha dolori vari e forti
  • Vomita da più di 24 ore
Da non dimenticare...tanti bacini ed abbracci amorosi oltre un catino da mettere a portata di mano!

Foto: Flickr

A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X