Osteoporosi: 5 cose che una donna deve sapere

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Osteoporosi: 5 cose che una donna deve sapere

26-03-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

Gravidanza, allattamento e rischio osteoporosi, cosa c’è di vero?

Cause e fattori di rischio dell’osteoporosi nelle donne.

Osteoporosi: 5 cose che una donna deve sapere

L’osteoporosi comporta una perdita di densità delle ossa, graduale nel tempo, tale da renderle deboli e soggette a frattura. A differenza di ciò che si pensa, è una malattia che può colpire anche gli uomini, oltre che le persone giovani, benché sia innegabilmente – data l’alta incidenza  - una malattia fortemente riconducibile alle donne dopo la menopausa, che all'inizio non presenta sintomi evidenti.

Ecco quindi cosa occorre sapere al riguardo per agire per tempo con la prevenzione, in ottica femminile.

 

1. Cause e fattori di rischio al femminile e non

Essere donna rappresenta un fattore di rischio genetico importante in caso di osteoporosi, così come la familiarità ed il fisiologico invecchiamento. Non avere più il ciclo mestruale, sia per la menopausa naturale (precoce o meno) che chirurgica (isterectomia), aumenta il rischio di incappare in tale condizione come pure essere caratterizzate da una corporatura esile. Anche alcune malattie predispongono maggiormente al pericolo di contrarre l’osteoporosi (artrite reumatoide, diabete, anoressia), così come determinati farmaci: glucocorticoidi (ad esempio quelli per l’artrite, l’asma o il lupus), antiepilettici, gonadotropina (per curare l’endometriosi), antiacidi, ormoni tiroidei e medicinali usati contro il tumore al seno. Non bere, non fumare, fare attività sportiva, evitare il sovrappeso e preferire una dieta ricca di calcio, magnesio e vitamina D sono i consigli degli esperti per tenere lontano gli altri fattori di rischio.

 

2. Quando e come controllare la densità ossea

Esistono dei test molto semplici per controllare la densità ossea come la MOC DEXA.  Questa è raccomandata alle donne con più di 65 anni o a quelle più giovani che hanno fattori di rischio (come la menopausa precoce ad esempio).

 

3. Rinforzare le ossa sin da bambine

Il modo migliore per prevenire l’osteoporosi è quello di rafforzarle sin dall’infanzia ed adolescenza: importante è in tal senso un buon apporto nutrizionale con cibi ricchi di calcio e vitamina D nelle bimbe e ragazze dai 9 ai 18 anni.

 

4. Osteoporosi e gravidanza

Durante la gravidanza il bambino per formare adeguatamente il suo apparato scheletrico necessita di molto calcio: la donna incinta a volte non ne assume abbastanza e può perderne a scapito delle sue ossa. E’ dunque importante verificare con il proprio ginecologo se si stanno assumendo le giuste quantità di calcio e vitamina D ed eventualmente integrarle.

 

5. Osteoporosi e allattamento al seno

Sembra sia vero: durante l’allattamento al seno la donna può avere un calo di densità ossea. Studi scientifici hanno però dimostrato come questo sia solo temporaneo, ovvero si ripristina la condizione precedente alla gravidanza nell’arco di 6 mesi dall’inizio dello svezzamento del bimbo.

 

Fonte: WomenHealt.gov

Foto: Flickr

 

 



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Cistite ricorrente: un problema femminile

Cistite ricorrente: un problema femminile

10/06/2019.   La cistite è la più comune tra le cosiddette IVU (infezioni alle vie urinarie), e sembra che abbia una particolare predilezione per il sesso femminile. Sono le donne, infatti, sia giovani che...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X