È ottobre, occhio alla giornata mondiale della vista!

È ottobre, occhio alla giornata mondiale della vista!

05-10-2017 - scritto da Viviana Vischi

L’occhio è l’organo più esposto all’ambiente esterno ed è costantemente esposto al rischio di infezioni, disturbi e invecchiamento. Come stanno i tuoi occhi? Scoprilo nella giornata mondiale della vista.

L’occhio, insieme all’orecchio, è il vero punto di contatto tra organismo e ambiente.

 

La vista: il senso più attivo e più trascurato

Lo sapevi che l’80% delle informazioni provenienti dal mondo che ci circonda vengono trasmesse dal senso della vista? L’azione combinata di cervello e occhio determina la percezione visiva, ovvero quello che noi crediamo di vedere con gli occhi. Infatti, quando uno stimolo luminoso colpisce l’occhio, si innesca un complesso processo dove che attiva le cellule della retina, la parte dell’occhio deputata alla vista, le quali trasmettono le informazioni alla parte del cervello responsabile dell’elaborazione delle immagini.

Per una visione corretta, quindi, è importante che la retina e tutte le altre parti dell’occhio coinvolte nella percezione della luce esterna mantengano nel tempo la loro naturale struttura e funzione. Ma anche gli occhi nel tempo possono andare fuori allenamento, soffrire di disturbi lievi o importanti e invecchiano insieme a noi. Non dimentichiamoci di loro, prendiamocene cura!

 

 

Anche l’occhio vuole la sua parte

La salute degli occhi è importante a tutte le età e ogni età ha le sue esigenze, dai problemi di strabismo, occhio pigro e miopia agli occhiali per gli adulti, fino alla prevenzione del glaucoma e dei danni alla retina nei malati di diabete e ipertensione. L’incidenza di questi disturbi della vista possono aumentare notevolmente dopo i 50 anni, per questo è utile effettuare un controllo della vista anche in assenza di una patologia specifica!

 

Gli appuntamenti essenziali con l’oculista per una buona prevenzione della vista:

 

  • appena nati, per escludere eventuali malformazioni o malattie congenite;
  • a circa 3 anni, per controllare che occhi e senso della vista si stiano sviluppando correttamente;
  • durante la scuola dell’obbligo;
  • prima di iniziare una professione;
  • a 40 anni, quando si inizia a vedere male da vicino (presbiopia);
  • dopo i 50 anni, con frequenza in base alla presenza di disturbi visivi e secondo le indicazioni del proprio oculista.

 

Anche se quasi 7 persone su 10 hanno un difetto visivo, la maggior parte non effettua controlli specialistici. Sei forse uno di quelli che l’oculista non lo hai visto? Questo mese non avrai più scuse per trascurare la tua vista, quindi apri bene le orecchie ma anche gli occhi!

 

 

Apri gli occhi: ottobre è il mese giusto per la prevenzione della tua vista!

L’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) celebra il 12 ottobre la giornata mondiale della vista. Perché non ne approfitti per un controllo dei tuoi occhi?

In occasione della giornata mondiale della vista, infatti, la IAPB Italia onlus promuove iniziative gratuite in un centinaio di città italiane, con distribuzione di materiale informativo, incontri divulgativi e check-up oculistici gratuiti in diverse provincie. Scopri gli incontri organizzati nella tua regione, consultando la mappa delle iniziative presente sul sito di IAPB Italia onlus.

Cosa aspetti, per combattere i disturbi della vista è bene giocare d’anticipo: informati sulle iniziative più vicine a te e prendi un appuntamento!

 



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X