Pancia gonfia e cattiva digestione? Può essere intolleranza al frumento

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Pancia gonfia e cattiva digestione? Può essere intolleranza al frumento

18-05-2015 - scritto da Paola Perria

L’intolleranza al frumento e suoi derivati è molto comune. Occhio a non confonderla con l'intolleranza al glutine o, peggio, con la celiachia.

L’intolleranza al frumento provoca malassorbimento e disturbi intestinali.

Pancia gonfia e cattiva digestione? Può essere intolleranza al frumento

Quando si hanno sintomi gastrointestinali ricorrenti come pancia gonfia, dispepsia, malassorbimento, stitichezza alternata a diarrea, è probabile che dietro ci sia un’intolleranza alimentare che provochi infiammazione. In genere le intolleranze, a differenza delle allergie alimentari (che producono disturbi più pronunciati e improvvisi), insorgono subdolamente e vanno per “accumulo”. In pratica un eccessivo consumo di un certo tipo di cibo, o di una certa sostanza, a lungo andare può provocare una reazione di “rigetto” da parte del corpo, che inizia a percepirlo come nocivo, come tossico, e pertanto innesca i tipici sintomi di cui sopra che non vanno mai sottovalutati.

 

E’ ciò che accade, ad esempio, nell’intolleranza al frumento, da non confondersi con la celiachia, che invece è una malattia autoimmune permanente, e nemmeno con la sensibilità al glutine: chi è intollerante al frumento non ha difficoltà a metabolizzare il glutine (proteina presente nel frumento, nel grano, ma anche in altri cereali comuni come l’orzo o la segale), ma alcune specifiche sostanze presenti solo nel frumento e nei derivati di questo.

 

Come possiamo sapere se i nostri disturbi, la nostra pancia sempre gonfia, il senso di pesantezza, gli episodi di diarrea, la comparsa di antiestetici eritemi cutanei, le caviglie gonfie, la debolezza o il prurito diffuso sono una conseguenza del consumo di questo cereale? Non è difficile, perché è chiaro che i sintomi di questa intolleranza si accentuano dopo il consumo di grano e derivati, soprattutto di quelli levitati come il pane, le torte, la pizza, ma naturalmente ci fanno male anche pasta, biscotti, impanature e via discorrendo. 

 

Per prima cosa, se ci viene il sospetto, possiamo fare la classica prova del nove: eliminare per qualche giorno qualunque tipo di derivato del frumento e vedere un po’ l’effetto che fa. Se ci accorgiamo di stare meglio, però, non prendiamo l’iniziativa di eliminare da soli ogni alimento che sia stato fatto a partire dalle dorate spighe, perché potremmo aver preso una cantonata. Andiamo, invece, dal nostro medico che ci prescriverà dei test diagnostici per escludere che sia coinvolto il sistema immunitario, e quindi che si tratti di un’allergia, e che ci dirà come procedere e se eliminare per un po’ il frumento dalla nostra alimentazione quotidiana.

 

Quali sono, quindi, i cibi da eliminare quando si abbia in mano la diagnosi di intolleranza al frumento? Ecco un elenco:

  • Pane, pasta, prodotti da forno (crackers, grissini, biscotti, pizze, torte) fatte con farine di grano
  • Fiocchi di cereali tra cui frumento (incluse barrette e muesli)
  • Germogli di grano
  • Pan grattato e quindi prodotti che contengano impanature o farciture con questo prodotto
  • Whiskey, vodka, gin, birre e liquori di frumento
  • Prodotti pronti come sughi e dadi da brodo che possono contenere tracce di frumento (è bene imparare a leggere con attenzione le etichette degli alimenti  confezionati)
  • Coni gelato
  • Farmaci tra i cui eccipienti ci siano le proteine del grano

 

Chi soffre di questa intolleranza, che è provocata dalla cattiva digestione delle proteine del frumento (ma solo di quelle di questo cereale!), può però tranquillamente consumare prodotti derivati da tutti gli altri cereali. Insomma, alla fine è un sacrificio che val la pena fare per stare meglio e ritrovare energia e benessere. 

 

Quali sono i cereali alternativi su cui puntare? Ebbene… tutti gli altri! Avena, riso, orzo, mais, ma anche il meno conosciuto ma gustoso miglio e i cosiddetti pseudo-cereali come quinoa, amaranto e grano saraceno. Occhio a segale, farro e kamut che sono molto simili al frumento.

 

Foto | via Pixabay.com 



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X