Perdere peso con le piante

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Perdere peso con le piante

14-02-2011 - scritto da Viviana Vischi

Da soli, gli integratori alimentari non fanno miracoli ma, abbinati a dieta e movimento, alcuni estratti vegetali possono contribuire ad eliminare i chili di troppo

Gli estratti vegetali che aiutano a perdere peso in modo naturale

Perdere peso con le piante

Dimagrire non è facile; eppure molte persone sono convinte che sia sufficiente affidarsi a qualche integratore alimentare, e poi potersi abbuffare di ciò che si vuole. Non è così! Questi prodotti sono utili ed efficaci solo se associati a un idoneo programma alimentare e a tanta attività fisica. Da soli, non possono fare miracoli. Per dimagrire, infatti, occorre mangiare sano, in quantità equilibrate, e muoversi di più. E questo implica forza di volontà, pazienza e spirito di sacrificio.
La causa principale del sovrappeso è che si mangia troppo o che si mangia male. Quando l’organismo incamera delle calorie, in parte le trasforma in energia e in parte le accumula sotto forma di grasso. L’eccesso di grasso si forma quando si introducono più calorie di quelle che si consumano, generalmente derivanti da un eccessivo consumo di lipidi e glucidi.
Anche una scarsa attività fisica è un fattore di rischio per il sovrappeso. Il movimento migliora il metabolismo basale, cioè l’energia che l’organismo spende per compiere le sue funzioni vitali, aiuta a bruciare i grassi in eccesso e ad aumentare la massa magra rispetto a quella grassa.
Una volta capito tutto questo, vogliamo focalizzare l’attenzione su alcuni estratti erboristici dalle proprietà davvero interessanti.
Tè verde: stimola il metabolismo e dunque rende più intenso e veloce il consumo di calorie da parte dell’organismo (secondo alcuni studi, nell’uomo determina un aumento del dispendio energetico del 4%). In questo modo, i depositi di grasso possono essere eliminati più rapidamente e con meno sforzo.
Proteina del fagiolo: rallenta l’assorbimento dell’amido. In una dieta normale questo carboidrato complesso copre circa il 40% del fabbisogno calorico, essendo presente nella pasta, nel pane, nei cereali in genere, ma anche nelle patate e nei prodotti da forno. Rallentandone l’assorbimento, promuove la riduzione del peso corporeo. Generalmente la si associa al chitosano o altre fibre specifiche per dimagrire.
Guggul: nome stranissimo che indica una pianta indiana di cui viene utilizzata la resina estratta dal fusto. Ha un ruolo attivo nella riduzione del colesterolo “cattivo”, ha la capacità di equilibrare la produzione degli ormoni tiroidei e può favorire l’incremento del metabolismo basale aumentando il consumo calorico.
Cassia Nomame: inibisce la lipasi, quindi blocca o rallenta il primo step del metabolismo dei grassi, necessario per il loro assorbimento, per il loro utilizzo o deposito. Contribuisce dunque a ridurre la massa grassa totale.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X