Polipi al colon e intervento chirurgico per l'asportazione

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Polipi al colon e intervento chirurgico per l'asportazione

21-07-2016 - scritto da Cinzia Iannaccio

L'asportazione chirurgica dei polipi al colon come prevenzione di possibili tumori e per effettuare la biopsia.

Colonscopia, chirurgia laparoscopica e chirurgia invasiva.

L'intervento chirurgico di asportazione di uno o più polipi al colon si chiama polipectomia. Rimuovere queste escrescenze della parete intestinale, essenzialmente benigne, è importante a livello di prevenzione perché alcuni tipi possono evolvere nel tempo in forme precancerose e poi in un vero e proprio tumore al colon.

Altresì l'asportazione chirurgica è l'unico modo per effettuare una biopsia e comprendere la natura precisa della massa.

In rari casi, alcuni polipi particolarmente grandi possono provocare sintomi fastidiosi e anomali (sanguinamento dal retto, senso di nausea, ostruzione con dolori e/o alterazioni delle abitudini intestinali): toglierli servirà, oltre che per prevenzione, anche per attenuare o risolvere tali disturbi.

La maggioranza dei polipi intestinali viene rimossa durante il controllo diagnostico, sia esso una sigmoidoscopia flessibile o una colonscopia: si tratta di test piuttosto fastidiosi che permettono di osservare internamente le mucose intestinali e all'occorrenza rimuovere tessuti anomali o polipi ed inviarli al laboratorio per un'analisi specifica, la biopsia.

Questo passaggio è fondamentale perché a seconda della tipologia (polipi adenomatosi, iperplastici o sessili, più grandi e piatti) esiste un rischio diverso di evoluzione in tumore.

 

Colonscopia prima e dopo

Cosa comporta la colonscopia? Le complicanze di questa metodica sono rare, anche se, va detto, si può andare incontro alle seguenti situazioni:

  • Lesione della parete intestinale
  • Emorragia
  • Infezione
  • Reazione avversa all'anestesia

 

Il colon deve essere completamente pulito prima della procedura (con dieta leggera, lassativi e all'occorrenza clisteri da effettuare nelle ore e nei giorni precedenti). E' importante essere a digiuno dalle ultime 8/12 ore.

 

 

Ci si distende su un fianco o sulla schiena ed in quella posizione, dall'ano, sarà inserito un tubicino flessibile dotato di telecamera e pinze atte ad osservare ed asportare il necessario. Particolarmente fastidiosa l'instillazione di aria che serve ad allargare le pareti, far vedere quindi meglio e favorire il passaggio del tubo.

Il tutto dura al massimo tra i 30 ed i 60 minuti.

Il dolore è molto soggettivo, perché concorrono diversi fattori all'esperienza come la sensibilità del paziente, la capacità del medico operatore, la posizione ed il numero dei polipi asportati.

 

 

Nelle successive 2 settimane, in attesa anche dei risultati di laboratorio, occorrerà affrontare un'alimentazione particolare, evitando tè, caffè, bevande a base di cola, alcol e cibi piccanti in quanto potrebbero irritare ulteriormente le pareti intestinali.

 

Chirurgia laparoscopica

Per polipi particolarmente grandi o difficili da raggiungere con la colonscopia è necessario procedere attraverso la chirurgia laparoscopica (mininvasiva): particolari strumenti chirurgici vengono inseriti nell'addome attraverso piccole incisioni e grazie a questi si provvederà ad individuare e rimuovere il polipo.

 

Rimozione chirurgica del colon/retto

Nei casi più seri, o in presenza di una particolare patologia come la FAP (poliposi adenomatosa familiare) potrebbe essere necessario un intervento chirurgico invasivo per rimuovere il colon e il retto (proctocolectomia totale).



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X