Prolasso della vescica, sintomi da non trascurare

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Prolasso della vescica, sintomi da non trascurare

14-01-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

Come riconoscere i sintomi di prolasso vescicale e cosa fare

Se con il passare degli anni la vescica "scende"

Prolasso della vescica, sintomi da non trascurare Cosa si intende per prolasso della vescica? E quali sintomi? La vescica è un organo che si trova nell’area pelvica e serve ad accumulare le urine fino al momento della minzione. Nelle donne è sostenuta dalla parete anteriore della vagina che con il passare degli anni (ma anche il parto naturale) può indebolirsi. Non essendo più supportata la vescica tende a scendere e si ha un prolasso che può essere di varia entità.

Come accorgersene? Come riconoscere i primi sintomi? Abitualmente il primo campanello d’allarme consiste nella sensazione di una massa interna in prossimità della vagina dovuta proprio al prolasso: a volte è appena percepibile, in altri casi più gravi può addirittura sporgere fuori dall’organo genitale e sanguinare; a questo possono essere abbinati dolore al bacino o comunque una sensazione di fastidio, difficoltà a urinare e a svuotare la vescica, incontinenza (specie durante sforzi come un colpo di tosse o uno starnuto), infezioni più frequenti,
rapporti sessuali dolorosi, fino anche al dolore nell’area lombare.

In presenza di questa sintomatologia (anche lievissima) è importante rivolgersi ad uno specialista ginecologo urologo (anche perché spesso il prolasso della vescica si abbina a quello di altri organi vicini) ed è fondamentale intervenire per tempo: di fatto non si può guarire da un prolasso di vescica, ma esistono diverse possibilità per rallentare il peggioramento o anche l’intervento chirurgico per ripristinare la posizione della vescica. In questo modo si possono evitare le complicanze ed i sintomi più fastidiosi.

Per la diagnosi spesso basta una semplice visita ginecologica (laddove il prolasso della vescica è in fase avanzata ed il muscolo è sceso nella vagina); in altri casi meno evidenti possono essere utili una cistoscopia, un urodinamica, una cistouretrografia.

Foto:Flickr
Fonte: WebMd

A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Cistite ricorrente: un problema femminile

Cistite ricorrente: un problema femminile

10/06/2019.   La cistite è la più comune tra le cosiddette IVU (infezioni alle vie urinarie), e sembra che abbia una particolare predilezione per il sesso femminile. Sono le donne, infatti, sia giovani che...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X