Proteggere gli animali domestici dal caldo

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Proteggere gli animali domestici dal caldo

01-06-2013 - scritto da Nadia F.

Come proteggere i nostri amici pelosi dal caldo estivo

Anche cani e gatti vanno adeguatamente protetti dalla calura estiva

Proteggere gli animali domestici dal caldo Anche se sembra un po' fuori luogo parlare di caldo in questo momento, le previsioni annunciano l'arrivo dell'estate (finalmente) per la prossima settimana. E proprio per questo motivo ho deciso oggi di dedicare il mio post ad un argomento dedicato ai nostri amici pelosi sul tema della prevenzione: come proteggere i nostri animali domestici dal caldo.

Per aiutarci a proteggere i nostri animali, l'ENPA, Ente nazionale protezione animali, ha una lista di dieci consigli per salvaguardarli dal caldo. Ecco allora il vademecum per non far soffrire cani, gatti, conigli e pesciolini:

1 - Prima fra tutte la regola di non lasciare mai un animale incustodito dentro l'auto: con il caldo forte la temperatura interna dell'abitacolo sale rapidamente, anche con i finestrini aperti, trasformando la vettura in un vero e proprio forno. In queste condizioni, bastano anche solo 10 minuti per condannare il vostro animale ad una morte orribile.

2 - Se si nota un animale rinchiuso da solo in un'auto al sole, è importante prestare attenzione ai sintomi di un eventuale un colpo di calore (problemi di respirazione, spossatezza generalizzata). In tal caso è necessario cercare di rintracciare il proprietario del veicolo e, se non reperibile, chiamare immediatamente le forze dell'ordine cercando, nel frattempo, di creare ombra (mettendo ad esempio giornali sul parabrezza) e, se possibile, di versare dell'acqua all'interno per bagnare l'animale o farlo bere attraverso un'eventuale fessura del finestrino.

3 - Assicurarsi che gli animali abbiano sempre accesso all'ombra e acqua fresca in abbondanza. In caso di ipertermia (i sintomi del colpo di calore sono ad esempio la pelle che scotta, barcollamento o difficoltà a respirare) è necessario abbassargli la temperatura mettendogli abbondante acqua fresca su tutto il corpo e contattare immediatamente il veterinario.

4 - Non bisogna costringere i cani a sforzi eccessivi evitando, ad esempio, le passeggiate nelle ore più calde della giornata dove aumenta il rischio di colpi di calore o quello di bruciarsi le zampe sul suolo caldo. E' consigliabile portarsi sempre una bottiglietta di acqua e una ciotola.

5 - Anche gli animali sono soggetti a scottature solari, quindi per proteggerli è consigliabile applicare alle estremità bianche e sulle punte delle orecchie di cani e gatti, una crema solare ad alta protezione prima di farli uscire.

6 - Per chi possiede un acquario: importante tenerlo l'acquario fuori dal sole diretto e cambiare l'acqua regolarmente avendo cura di togliere le alghe che si formano. Anche il laghetto in giardino dev'essere riempito regolarmente per compensare l'acqua che evapora e sostituire l'ossigeno perso.

7 - Uccelli e criceti: non lasciarli sul balcone al sole diretto, ma cercare di posizionare la gabbia in un luogo fresco, arieggiato e ombreggiato.

8 - Con il caldo arrivano anche le pulci, le zecche e gli acari, quindi bisogna controllare regolarmente il pelo per verificarne l'eventuale presenza. E' consigliabile applicare preventivamente un antiparassitario adatto in base alla sua specie e taglia perché, ad esempio, alcuni prodotti per cani possono essere letali per i gatti.

9 - Controllare e ispezionare attentamente ogni giorno gli animali per l'eventuale presenza di uova di mosche sul pelo di conigli, cavie, ma anche dei cani. Tenere sempre ben pulito il luogo in cui sta l'animale e cambiare almeno una volta alla settimana la lettiera o fondo.

10 - Non effettuare lavori in giardino con tosaerba e pesticidi senza pensare alla salvaguardia della fauna selvatica che ci vive. Prima di accendere un falò, ad esempio, è consigliabile smuovere il materiale che si intende bruciare: le lucertole, i ricci, le rane e le bisce spesso si rintanano tra i mucchi di foglie o rifiuti da giardino.
Categorie correlate:

Animali, cane, gatto, cuccioli




Articoli che potrebbero interessarti

Cimurro nel cane

Cimurro nel cane

24/02/2014. Il cimurro canino, come è noto, è una malattia virale (cioè provocata da un virus) molto contagiosa e pericolosa. Può essere fatale. Il cimurro però non è prerogativa unica di Fido, ma può colpire anche i furetti, tra gli animali...

Animali, cane, gatto, cuccioli

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X