ForumSalute

PTERIGIO

PTERIGIO

09-06-2011 - scritto da siravoduilio

Pterigio deriva dall’aspetto "ad ala d’insetto" con il quale si presenta.

Lo pterigio (dal greco pterugion = piccola ala d’insetto) è un processo degenerativo e iperplastico della congiuntiva, caratterizzato da una duplicatura della congiuntiva bulbare che si estende sulla cornea.



Colpisce generalmente soggetti adulti ed è più frequente nelle zone calde ed assolate, riscontrandosi in maggior parte fra i 37° di latitudine, a nord e a sud dell’equatore. Nella sua patogenesi sembra assumere importanza, oltre all’ereditarietà, il tipo di attività condotta dai soggetti che ne sono portatori. Pare infatti avere una maggiore incidenza negli individui sottoposti per lunghi periodi di tempo all’azione diretta degli agenti atmosferici, in particolar modo a quella dei raggi U.V. della radiazione solare ed all’ossigeno dell’aria. Per questo motivo viene anche indicata come la << malattia dei marinai e degli alpinisti >>.
All’insorgere della sintomatologia, lo pterigio (posizionato nella fessura interpalpebrale, per lo più dal lato nasale) appare macroscopicamente come un "velo" congiuntivale di forma triangolare che si estende orizzontalmente sulla cornea. A volte può essere asintomatico, poco esteso e non avere carattere progressivo; ma spesso, anche se lentamente, tende a progredire in senso centripeto fino ad invadere il campo pupillare, causando (oltre al danno estetico) astigmatismo, diplopia ed annebbiamento del campo visivo.
La terapia, quasi esclusivamente chirurgica, si rende necessaria quando lo pterigio abbia la tendenza alla progressione, determinando la compromissione estetica e/o funzionale. Le recidive, comunque, sono particolarmente frequenti, per cui si era addirittura consigliato in fase post-operatoria l’applicazione di radiazioni con stronzio-90 (@ 1350 mrem / seduta).Questo per farle capire l'alto tasso dell'incidenza statisticamente predittibile della RECIDIVA!!!
Bisogna fare un'ottimo intervento ab initio e poi saper gestire le recidive con tecniche di microchirurgia oculare da non sottovalutare!!
La scelta del trattamento chirurgico dello pterigio è ancora molto controversa. Sono state descritti vari tipi di approcci chirurgici, alcuni di tipo demolitivo (la pterigectomia associata o meno all’utilizzo di terapia aggiuntive con mitomicina C, 5- fluorouracile e radioterapia), altri di tipo ricostruttivo (l’autotrapianto di congiuntiva, l’innesto membrana amniotica). Questa enorme varietà di trattamenti è significativa della difficoltà di avere una tecnica realmente efficace nel prevenire la recidiva, che rappresenta la causa principale di insuccesso del trattamento. Infatti, i risultati in termine di recidiva variano dallo 0 all ‘ 88%.Gli studi scientifici hanno, però,oggi, dimostrato che l’intervento di elezione per gli pterigi primari o recidivati è l’autotrapianto di congiuntiva e che la pterigectomia, intervento ancora oggi più utilizzato in Italia, è da sconsigliare per l’alta percentuale di recidive. Infatti, questo tipo di intervento sembra garantire un minor numero di recidive.

La terapia, quasi esclusivamente chirurgica, si rende necessaria quando lo pterigio abbia la tendenza alla progressione, determinando la compromissione estetica e/o funzionale. Le recidive, comunque, sono particolarmente frequenti, per cui si era addirittura consigliato in fase post-operatoria l’applicazione di radiazioni con stronzio-90 (@ 1350 mrem / seduta).Questo per farle capire l'alto tasso dell'incidenza statisticamente predittibile della RECIDIVA!!!
Bisogna fare un'ottimo intervento ab initio e poi saper gestire le recidive con tecniche di microchirurgia oculare da non sottovalutare!!
La scelta del trattamento chirurgico dello pterigio è ancora molto controversa. Sono state descritti vari tipi di approcci chirurgici, alcuni di tipo demolitivo (la pterigectomia associata o meno all’utilizzo di terapia aggiuntive con mitomicina C, 5- fluorouracile e radioterapia), altri di tipo ricostruttivo (l’autotrapianto di congiuntiva, l’innesto membrana amniotica). Questa enorme varietà di trattamenti è significativa della difficoltà di avere una tecnica realmente efficace nel prevenire la recidiva, che rappresenta la causa principale di insuccesso del trattamento. Infatti, i risultati in termine di recidiva variano dallo 0 all ‘ 88%.Gli studi scientifici hanno, però,oggi, dimostrato che l’intervento di elezione per gli pterigi primari o recidivati è l’autotrapianto di congiuntiva e che la pterigectomia, intervento ancora oggi più utilizzato in Italia, è da sconsigliare per l’alta percentuale di recidive. Infatti, questo tipo di intervento sembra garantire un minor numero di recidive!!






Un caro saluto
Prof.Duilio Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
Cell.:3385710585
PROF.DOTT. DUILIO SIRAVO
http://drsiravoduilio.beepworld.it



Articoli che potrebbero interessarti

Polmonite: come riconoscerla e curarla

Polmonite: come riconoscerla e curarla

La polmonite è una seria malattia infiammatoria che colpisce il tessuto polmonare provocando una riduzione della capacità respiratoria. Se trascurata, può degenerare e persino mettere a rischio la vita del paziente. Un...

22/12/2017 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
IPF: QUELLO CHE DEVI SAPERE

I suoi sintomi, dalla tosse alla mancanza di fiato, sono comuni ad altre patologie. Ma la fibrosi polmonare idiopatica colpisce in modo irreversibile. Scopri come identificarla e trattarla.

--> SCARICA LA GUIDA
LA DIETA CONTRO IL COLESTEROLO

Troppo colesterolo può intasare le arterie, ma basta seguire 3 semplici regole per evitare che salga oltre i livelli di allerta.

--> SCOPRILE QUI

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X