Rhus Toxicodendron

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Rhus Toxicodendron

14-09-2010 - scritto da mariapiera74

Rhus Toxicodendron è un rimedio omeopatico di origine vegetale

E´ indicato nei casi acuti e cronici, nei bambini, nelle donne, negli anziani, nelle affezioni reumatiche, traumatiche o da sovraccarico funzionale

A cura della
dott.ssa Mariapiera Miele
Medico Chirurgo
Omeopata
Iscritta al Registro Nazionale Medici Omeopati
Socio Ordinario Fiamo

Omeopatia Miele - Napoli, Roma, Benevento, Bambini, Sterilità, Vaccinazione, Allergia, Ansia, Omeopata
info@omeopatiamiele.it
Riceve nelle città di Napoli, Roma, Viareggio e Benevento


ORIGINE E PREPARAZIONE

Rhus Toxicodendron è un rimedio omeopatico di origine vegetale. Si tratta di un arbusto, appartenente alla famiglia delle Anacardiacee, il cui nome volgare è Quercia Velenosa. Presenta un fusto ligneo, con rami flessibili e sottili, foglie di colore verde pallido e fiori piccoli di colore verdastro. E' originario dell´America del Nord ed in Europa cresce nei boschi e nei luoghi umidi. Tutta la pianta ed in particolare le foglie contengono un succo di odore penetrante e nauseante, con proprietà antigeniche ed in grado di provocare la formazione di vescicole in seguito a contatto.
I principi attivi sono contenuti in tutta la pianta e principalmente nelle foglie.
Il rimedio fu sperimentato da Hahnemann.
La preparazione omeopatica di Rhus Toxicodendron utilizza la tintura madre, preparata con le foglie fresche raccolte nel mese di maggio, oppure le foglie secche triturate.

PRINCIPALI INDICAZIONI

E´ indicato nei casi acuti e cronici, nei bambini, nelle donne, negli anziani, nelle affezioni reumatiche, traumatiche o da sovraccarico funzionale caratterizzato da prevalente interessamento tendineo o legamentoso e da dolori alleviati dal movimento continuo e graduale, nelle eruzioni vescicolose, brucianti e pruriginose, nei soggetti ansiosi, irrequieti ed iperattivi.
Viene frequentemente prescritto in caso di herpes simplex e zooster, eczema, sciatica, cervicobrachialgie, affezioni reumatiche, artrosi, artriti, tendiniti, miositi, distorsioni, lussazioni, traumatismi tendinei, legamentosi e muscolari, stiramenti muscolari o tendinei, rottura dei tendini, periartrite scapolo-omerale, epicondilite, congiuntiviti, iridocicliti, laringite, asma, faringite, esofagite, dissenteria, ipertrofia cardiaca, malattie esantematiche, stenosi post-infiammatorie, crampi, cianosi nei neonati, asfissia, emorragie, anemia, ipertensione, varici, ferite, ustioni.

QUADRO CLINICO

La sintomatologia insorge, generalmente, in seguito a sovraccarico funzionale, stiramenti muscolari o tendinei, dopo bagni freddi e con il clima umido, dopo perdite pecuniarie e rovesci finanziari.
E´ caratterizzato da eruzioni vescicolose, brucianti e pruriginose, manifestazioni reumatiche con rigidità dolorosa alleviata dal movimento, congiuntivite, iridociclite, stati febbrili con manifestazioni erpetiche, ansia, irrequietezza e depressione.
E' particolarmente indicato in presenza di un quadro clinico cutaneo caratterizzato da eruzioni vescicolose accompagnate da edema, bruciore e prurito.
E' indicato in caso di mucose affette da processi irritativi ed infiammatori, in particolar modo a carico dell'apparato digerente e dell´apparato respiratorio.
La sintomatologia dell'apparato muscolare è caratterizzata da rigidità dolorosa e fenomeni paretici.
I tessuti fibrosi (tendini, legamenti, aponeurosi) sono affetti da fenomeni infiammatori con rigidità dolorosa, la cui causa è spesso di origine reumatica, traumatica o secondaria a sovraccarico funzionale.
Il sistema nervoso presenta un quadro clinico caratterizzato da astenia e depressione associata ad agitazione ed irrequietezza.

EZIOLOGIA

Frequentemnte le casue che possono determinare l'insorgenza di un quadro clinico che richiede l'assunzione di Rhus Toxicodendron, possono essere bagni freddi o di mare, umidità, sovraccarico funzionale, stiramenti muscolari o tendinei, vaccinazioni.

PRINCIPALI MODALITA' DI AGGRAVAMENTO

I sintomi possono aggravarsi al mattino al risveglio, di pomeriggio, di notte, con il freddo, con le correnti d´aria, con l´aria di mare, dopo aver preso freddo soprattutto alle estremità, con i bagni freddi, con i bagni di mare, con le applicazioni freddo-umide, toccando cose fredde, scoprendosi, con le variazioni di temperatura, con i cambiamenti di tempo, con il clima freddo-umido, nuvoloso o piovoso, prima del temporale, all´inizio del movimento, con i movimenti violenti, correndo, con il riposo.

PRINCIPALI MODALITA' DI MIGLIORAMENTO

I sintomi possono presentare dei miglioramenti con il calore, con l´aria calda., con il calore del letto, con i bagni caldi, con le applicazioni caldo-umide, con l´esposizione al sole, con i cambiamenti di posizione, con il movimento continuo e moderato, dopo aver sudato, con il clima secco.


Questa è una descrizione generale del rimedio. Prima di assumere qualsiasi rimedio omeopatico è bene rivolgersi al prorpio omeopata di fiducia.

Profilo del medico - mariapiera74

Nome:
MARIAPIERA MIELE
Comune:
Napoli
Telefono:
3318002774
Professione:
Medico specialista attività privata
Occupazione:
Medico Omeopata
Specializzazione:
Medicina alternativa
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X