Ricette di pesce: la zuppa di vongole

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Ricette di pesce: la zuppa di vongole

21-06-2013 - scritto da Paola Perria

Un antipasto ideale per una cena estiva, ipocalorico e con tutto il profumo e il gusto del mare

La ricetta della zuppa di vongole

Ricette di pesce: la zuppa di vongole Estate, caldo, cena tra amici... cosa c'è di più appetitoso e adatto alla situazione di un buon menù a base di pesce? Le ricette nella tradizione gastronomica italiana abbondano, sia che prevedano i pesci di mare che di acqua dolce. Del resto, si tratta di un alimento ideale proprio quando fa caldo: apporta ottime proteine nobili, in genere è ipocalorico (quindi perfetto anche per chi sia a dieta o si stia preparando per la prova costume), ma soprattutto quello "nordico" o il pesce azzurro del mar Mediterraneo (ma anche le comuni trote di allevamento) contiene tanti, ottimi acidi grassi omega 3 che fanno bene al cuore e al cervello.

Inoltre il pesce fresco si cuoce velocemente, non ha bisogno di tanti intingoli, soprattutto se di mare, perché è già saporito di suo, e non appesantisce la digestione. Ad esempio, che ne dite di cominciare il vostro pasto "marinaro" con una profumata e succulenta zuppa alle vongole? Non ci vuole una grande abilità in cucina per prepararla, ciò che serve è una materia prima di ottima qualità, quindi verificate la provenienza delle vongole e assicuratevi di effettuare l'acquisto in un punto vendita "serio". Ecco come preparare la vostra prelibata zuppa di vongole.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di vongole fresche
  • 1 cipolla
  • 2 peperoni rossi
  • 2 pomodori
  • 100 ml di vino bianco secco
  • 2 spicchi d'aglio
  • 400 g di zucchine verdi piccole
  • 600 ml di brodo di pesce (va bene anche il brodo vegetale per un gusto meno intenso)
  • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • 2 cucchiai di Cognac o brandy
  • 0,1 g di polvere di zafferano
  • Qualche foglia di timo tritato

Preparazione:
Per prima cosa dovrete sbucciare la cipolla e tritarla finemente, fate lo stesso anche con gli spicchi d'aglio. Passate poi a lavare i peperoni, tagliarli a metà in senso longitudinale e privarli sei semi e dei filamenti bianchi interni, quindi tagliateli a striscioline. Lavate bene anche le zucchine (sceglietele piccole e snelle, croccanti) e tagliatele a metà sempre nel verso della lunghezza. In una padella mettete a scaldare l'olio evo con il trito di aglio e cipolla, fate rosolare qualche secondo prima di aggiungere peperoni e zucchine. Fate cuocere a fuoco vivace per qualche minuto, nel frattempo lavate i pomodori, tagliateli a metà eliminando i semi e l'acqua in eccesso, tagliateli a tocchetti e aggiungeteli alle altre verdure in tegame.

Bagnate con il vino e il brandy, fate evaporare l'alcool e quindi versate il brodo, aggiustando di sale e di pepe (o peperoncino) e unite anche lo zafferano mescolando bene. Abbassate la fiamma, coprite il tegame e fate andare la cottura per una decina di minuti. Intanto pulite bene le vongole, che devono essere pronte per la cottura (l'ideale è farle preparare dal vostro pescivendolo di fiducia), e aggiungetele alle verdure, coprendo il tegame con il coperchio. Fate cuocere per circa 6-8 minuti, quindi spegnete, insaporite con il timo e servite la vostra zuppa alle arselle ben calda. Oltre che come antipasto, magari da servire prima di un buon piatto di spaghetti alla marinara, potete proporre questa zuppa anche come secondo leggero accompagnata da crostini di pane abbrustoliti. Buon appetito!
Categorie correlate:

Ricette




A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X