Salute al maschile: italiani bocciati in prevenzione

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Salute al maschile: italiani bocciati in prevenzione

10-11-2015 - scritto da Viviana Vischi

Gli uomini non vanno dall’urologo. Se ci vanno, è molto meno di quanto sia necessario per una corretta prevenzione del benessere maschile.

Dal 23 al 30 novembre visite gratuite dall’urologo per tutti.

Salute al maschile: italiani bocciati in prevenzione

Sarà perché non sono informati o sono pigri, sarà per pudore o imbarazzo, sarà per semplice noncuranza o magari perché pensano che i problemi riguardino solo gli altri e non li toccheranno mai da vicino… Sta di fatto che, secondo un recente sondaggio, l’80% degli uomini italiani non è mai andato dall’urologo, che è lo specialista dell’apparato urinario e genitale maschile. E questo disinteresse riguarda un po’ tutte le fasce d’età: under 25, tra i 25 e i 55 anni e over 55.

I risultati del sondaggio, condotto su oltre 30.000 italiani di tutte le età, fotografano una situazione un po’ allarmante:

  • il 43% degli uomini non sa che le malattie sessualmente trasmissibili (MST) si possono prevenire
  • solo il 16% usa regolarmente il preservativo durante i rapporti
  • il 31% se ha il timore di avere una MST preferisce parlarne con un amico piuttosto che con il medico
  • il 48% crede che l’epatite B sia causata dall’alimentazione scorretta
  • il 31% ritiene che l’AIDS sia una malattia definitivamente sconfitta
  • il 35% è convinto che l’HPV o Papillomavirus non provochi problemi di salute (invece è responsabile, oltre che del tumore alla cervice uterina nella donna, anche di neoplasie del pene, dell’ano e dell’orofaringe)

 

Proprio per sensibilizzare la popolazione maschile sull’importanza di farsi visitare periodicamente dal loro specialista di riferimento, è stata istituita un’iniziativa molto importante, voluta dalla Fondazione Umberto Veronesi insieme ad AURO (Associazione Urologi italiani) e SIURO (Società Italiana di Urologia Oncologica):

dal 23 al 30 novembre sarà possibile sottoporsi a un controllo gratuito in 60 centri di urologia sparsi su tutto il territorio nazionale. Per saperne di più basta chiamare il numero verde 800.59.83.95 (attivo i giorni feriali dalle 9 alle 18).

Si tratta di visite specialistiche gratuite, perciò potrebbe proprio valere la pena farci un pensierino…

L’obiettivo delle iniziative come questa è far capire ai maschi che la prevenzione va a tutto vantaggio della loro salute. E che prestare attenzione ai sintomi e non perdere troppo tempo prima di andare dallo specialista è importante.

 

Ma in concreto, cosa dovrebbero fare gli uomini per tenere sotto controllo la loro salute genitale e sessuale? Dovrebbero andare regolarmente dall’urologo come le donne si recano periodicamente dal ginecologo. In particolare, dall’adolescenza in poi dovrebbero imparare a:

  • evitare stili di vita nocivi per la vita sessuale e riproduttiva (alimentazione non equilibrata, sovrappeso, fumo, abuso di alcolici, uso di sostanze dopanti)
  • eseguire l’autopalpazione tenere sotto controllo la salute degli organi genitali
  • sottoporsi a visite periodiche per poter individuare precocemente non solo eventuali patologie e infezioni legate alla sfera riproduttiva, ma anche molte forme di cancro, tra cui quello alla prostata, il tumore più frequente tra gli uomini italiani

 

Secondo le più recenti statistiche, a causa di stili di vita sbagliati in Italia sono in aumento diverse malattie maschili della sfera riproduttiva e sessuale. Il problema è che, se vengono trascurate, queste patologie possono avere conseguenze importanti come l’impotenza e l’infertilità:

  • varicocele: riguarda ormai il 25% dei ragazzi tra i 15 e i 25 anni di età
  • malattie sessualmente trasmissibili: sono raddoppiate negli ultimi 10 anni negli over 50
  • prostatite: interessa circa il 25% degli over 65
  • ipertrofia prostatica benigna: è l’aumento di volume della prostata, che può verificarsi in tutti gli uomini, a partire già dai 35 anni, e che può dare grossi problemi con l’avanzare dell’età

 

Insomma uomini, pensateci bene: siete troppo poco attenti al vostro benessere mentre la prevenzione è fondamentale ad ogni età.

 

Possono interessarti anche:

Salute al maschile: l'esperto risponde 

Candida nell'uomo: scopri cos'è e come curarla

E se fosse prostatite?

IPB: quando la prostata si ingrossa

PSA elevato e tumore alla prostata

Candida nell'uomo: i sintomi e la terapia



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X