Salute e benessere: 5 consigli per stare bene subito

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Salute e benessere: 5 consigli per stare bene subito

29-04-2015 - scritto da Paola Perria

Ai primi segnali di squilibrio bisogna intervenire per invertire la rotta: ecco come ritrovarsi più sani e in forma in 5 mosse.

Cambiare ritmo alla nostra vita per ritrovare l’equilibrio.

Salute e benessere: 5 consigli per stare bene subito

Abbiamo mai riflettuto su quale sia il nostro personale concetto di "salute"? Ci potrebbe aiutare la di finzione che di questa condizione naturale dell’essere umano diede l’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) nel lontano 1946: "La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l’assenza di malattia e di infermità".

Possiamo condividere tale definizione, benché istintivamente tendiamo a considerare il termine salute come il contrario di malattia, e quindi a far coincidere questo stato con quello di chi non stia male. Ma questa interpretazione riduttiva del termine non ci soddisfa. Tutti sappiamo cosa, invece, significhi sentirsi davvero sani: vuol dire avere energia che sprizza da tutti i pori, sentirsi in perfetto equilibrio, nessun dolore o risentimento da nessuna parte, non sentirsi fiacchi o demoralizzati, ma al contrario percepire che il corpo e la mente funzionano a meraviglia.

Essere sani secondo questi parametri, però, non è comune. Il più delle volte, seppur non propriamente malati, dobbiamo convivere con piccoli e grandi acciacchi, con stanchezza mentale e fisica, con un sistema immunitario non proprio ineccepibile che ci rende vulnerabili alle infezioni, con una generale mancanza di vitalità. Ed è proprio questo il momento in cui dobbiamo e possiamo intervenire per invertire la rotta. Se non diamo ascolto a questi primi segnali di squilibrio, essi potrebbero diventare sempre più insistenti, trasformandosi in sintomi patologici veri e propri. A quel punto il salto da sani e malati potrebbe diventare molto breve. 

Ma come si fa a prevenire un peggioramento, un declino delle condizioni di salute, come si fa a recuperare il benessere, l’energia, la vitalità che un tempo possedevamo e che oggi ci sembra un lontano ricordo? Cambiando il ritmo e le abitudini di vita. La nostra salute dipende in buona parte anche da noi perché, se è vero che per molte patologie la predisposizione genetica incide in grossa misura, affinché si manifestino è però necessaria anche una componente ambientale. E se noi non la creassimo?

 

Ecco allora 5 consigli pratici alla portata di tutti, per migliorare subito la qualità della nostra vita, per sentirci meglio fisicamente e psicologicamente, per ridurre i fattori di rischio. Sono talmente facili da seguire che possiamo cominciare anche domani mattina!

 

1. Creiamoci una routine quotidiana anti stress. Alziamoci presto e prendiamoci del tempo di qualità per noi stessi. Facciamo una buona colazione, con calma, teniamo spenti la tv e tutti i dispositivi tecnologici: per intenderci, non corriamo a controllare i messaggi sul cell, le email o i like su FB. Semmai leggiamo un giornale, meditiamo, semplicemente respiriamo ascoltando il battito del nostro cuore. Facciamo un po’ di esercizi di stretching per mantenere elastiche le articolazioni, e poi concediamoci una bella doccia rigenerante. Cominciare bene la giornata significa ridurre  i livelli di stress e predisporsi in modo positivo agli impegni successivi!

 

2. Facciamo ordine in casa. E’ molto importante vivere in un ambiente pulito, ordinato, dove lo spazio vitale non sia ridotto al minimo. Per tale ragione cerchiamo di rimuovere quegli oggetti e anche quei mobili inutili che servono solo ad accumulare polvere e fungere da ostacolo. Teniamo l’essenziale, ogni tanto facciamo delle belle pulizie profonde, svuotiamo gli armadi del superfluo, dando in beneficenza o riciclando ciò che possiamo, creiamo ambienti che ci diano sensazioni piacevoli, scegliamo per gli arredi colori chiari, luminosi, con sfumature allegre che ci comunichino un senso di gioiosa serenità

 

3. Bonifichiamo gli ambienti domestici dall’inquinamento chimico. Siamo esposti ad un notevole bombardamento di tossine senza neppure accorgercene. Per tale ragione cerchiamo di limitarne l’uso, ad esempio scegliendo detersivi ecologici per l’igiene della casa, e cerchiamo di fare lo stesso per i saponi e detergenti personali. Scegliamo prodotti naturali, usiamo pentole e utensili senza metalli pesanti (meglio il vetro, la ceramica, il coccio), pigiami e biancheria per la notte in tessuti ecocompatibili, antiallergici, spegniamo o stacchiamo gli apparecchi elettromagnetici quando non ci servono, ad esempio di notte, cambiamo spesso l’aria nelle stanze e usiamo il condizionatore in estate solo se necessario. Puliamo i filtri della lavatrice e dei radiatori, manteniamo una buona umidità, circondiamoci di fiori e piante freschi

 

4. Mangiamo meno cibi acidificanti. Il corpo umano è più basico che acido, e se noi modifichiamo questo equilibrio interno assumendo troppi alimenti acidificanti indeboliamo le nostre difese e favoriamo i processi infiammatori e quindi le malattie. Riduciamo pertanto il consumo di formaggi e latticini, di carne rossa e insaccati, di grassi saturi e carboidrati semplici (soprattutto prodotti da forno lievitati e dolci), e aumentiamo quello di alimenti alcalinizzanti come la frutta e la verdura

 

5. Facciamo esercizio fisico. E’ indispensabile per mantenerci in buone condizioni di salute e soprattutto per aumentare i livelli di benessere. Scegliamo, però, la ginnastica che va bene per noi a seconda delle nostre possibilità, età ed esigenze. Per qualcuno l’ideale potrebbe essere un quarto d’ora al giorno di esercizi yoga, per altri una bella corsetta prima di colazione, per altri ancora una seduta in palestra tre volte alla settimana. L’essenziale è muoversi! E poi approfittiamo di ogni occasione per fare allenamento, ad esempio facendo le commissioni a piedi nelle belle giornate, facendo le scale, organizzando un bel giro in bicicletta la domenica e via discorrendo.

 

Foto | via Pixabay.com 



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Guida alla sana pipì: la tua di che colore è?

Guida alla sana pipì: la tua di che colore è?

25/05/2021.   Bere è un normale atto quotidiano di sostentamento che in genere eseguiamo dietro uno stimolo preciso: quello della sete. E sbagliamo. Se tutti noi bevessimo solo quando ne sentiamo la necessità, non riusciremmo ad...

Smegma: cos’è, da cosa dipende

Smegma: cos’è, da cosa dipende

03/05/2021.   Curare l’igiene personale è un’attività quotidiana che non dovresti mai trascurare. Ci sono poi alcune zone del corpo, come ad esempio quella in cui risiedono i genitali - maschili o femminili - che...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X