Settimana bianca a prova di ciclo mestruale

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Settimana bianca a prova di ciclo mestruale

10-12-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Ciclo mestruale vs vacanze sugli sci

Consigli in caso di mestruazioni in vacanza a Natale

Settimana bianca a prova di ciclo mestruale Tutti pronti per le vacanze di Natale? Alcuni fortunati stanno già pensando ad una bella settimana bianca, in montagna, in una SPA tra la neve o con gli sci ai piedi, all’aria aperta e sono sempre più le donne ad optare per questo tipo di villeggiatura. Purtroppo però il ciclo mestruale può incidere in modo negativo, ad esempio con dolori o la necessità di cambiare l’assorbente di frequente. Che fare?

Al riguardo arrivano consigli direttamente dagli esperti: il dottor Andrea Fiaccavento, ginecologo e responsabile del Centro Interdisciplinare Endometriosi della Casa di Cura Pederzoli di Peschiera del Garda (VR) infatti ha spiegato di recente come praticare attività sportiva (in generale e lo sci in particolare) sia un rimedio semplice e decisamente efficace per contrastare i sintomi della sindrome premestruale, in quanto l’attività motoria attiva la messa in circolazione nell’organismo delle “endorfine” che ci fanno stare meglio.

In più lo sport favorisce, se praticato con regolarità e correttamente anche un rilassamento dalla tensione muscolare e quindi una buona prevenzione dai crampi mestruali.Non a caso, infatti –spiega Fiaccavento- le donne molto attive, soffrono meno di sindrome premestruale rispetto a quelle che conducono una vita più sedentaria”. Attenzione però a non stafare: per mettersi gli sci ai piedi e lanciarsi in pista è necessario avere un fisico ed una muscolatura allenata: basta cominciare a prepararsi qualche settimana prima con esercizi di stretching e di flessione per gli arti ed il busto, con lo scopo di rafforzare la muscolatura e rendere al contempo le articolazioni del ginocchio e del piede più elastiche.

Motivi in più per cui ogni donna dovrebbe sempre fare un minimo di attività sportiva durante l’anno quindi. Ma in pratica poi arrivano i dubbi: si può sciare i primi giorni del ciclo? Perché no? Chiaramente l’applicabilità dipende dai singoli casi, legati ad esempio al flusso mestruale e alla capacità di stare sulle piste: chi ha mestruazioni abbondanti può trovarsi in difficoltà e non è sempre facile trovare un posto adeguato dove fermarsi per il cambio (l’assorbente interno, anche se “mantiene” andrebbe comunque sostituito ogni due ore per evitare infezioni ed irritazioni). Una buona soluzione potrebbe essere quella di utilizzare le coppette soft a lunga durata, ipoallergeniche, che invece possono essere mantenute per più ore, mantenendo efficacia. Sinceramente non le ho mai provate e questa potrebbe essere l’occasione buona.

Per il resto si ricorda come lo sci sia invece sconsigliato in caso di gravidanza, per il rischio di brutte cadute, soprattutto nell’ultimo trimestre di gestazione, quando il peso rende ancora più complesso mantenersi in equilibrio. Allora rinunciare alla montagna? No semplicemente alle piste da sci: ben vengano le passeggiate a piedi ed i centri benessere.

Ricordate però care amiche la protezione solare (spesso prima dell’arrivo del ciclo mestruale la pelle è anche più sensibile ed in gravidanza il rischio è di svuluppare macchie cutanee) e di raccontarci come è andata la vostra settimana bianca appena tornate.

Foto: Flickr

A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Vulvodinia: che cos'è e quali sono i sintomi

Vulvodinia: che cos'è e quali sono i sintomi

29/10/2019.   Patologie come ad esempio l’emicrania o il colon irritabile possono dare del filo da torcere a coloro che ci convivono quotidianamente. Non è da meno la vulvodinia, una sindrome che riguarda da vicino la sfera...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X