Sindrome del colon irritabile: sintomi e cure

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Sindrome del colon irritabile: sintomi e cure

31-10-2013 - scritto da Viviana Vischi

Cos'è la sindrome del colon irritabile? Quali sono i sintomi?

La sindrome del colon irritabile ha numerosi sintomi: diarrea e stipsi sono i più diffusi

Sindrome del colon irritabile: sintomi e cure

Sono sempre più in aumento le persone che soffrono di problemi intestinali talmente gravi e fastidiosi da comprommeterne notevolmente la qualità di vita. Tra questi, il più frequente e il più noto è sicuramente la sindrome dell’intestino irritabile, chiamato anche sindrome del colon irritabile, colite spastica o colite mucosa.

TANTI NOMI PER UN’UNICA PROBLEMATICA…

La sindrome dell’intestino irritabile non è una vera e propria malattia ma una sindrome, ovvero una combinazione di sintomi che comprende dolore addominale ed irregolarità dell'alvo, dovuto ad alterazioni motorie funzionali del colon.
La sindrome dell’intestino irritabile non ha una causa certa ma sembra che più fattori contribuiscano a determinarla. I più importanti sono sicuramente le abitudini alimentari, lo stile di vita, fattori psicologici e fattori genetici.

COLON IRRITABILE: SINTOMI

I principali sintomi della sindrome dell’intestino irritabile sono: dolori addominali (88%),gonfiore (80%), meteorismo (66%), stanchezza (60%), diarrea (59%), stitichezza (53%), inoltre depressione, ansia ,insonnia e anche palpitazione, dispnea e difficoltà di concentrazione.

Da ciò si comprende come il problema abbia ripercussioni non solo sul fisico ma anche sulla psiche di chi ne è affetto, anche perché la sintomatologia ha spesso un andamento cronico e il malessere può peggiorare a causa di stress, difficoltà nel lavoro, problemi economici o familiari ecc.

COLON IRRITABILE: SOLUZIONI

La mancanza di una causa comune e l’eterogeneità dei sintomi induce il medico a focalizzare la propria attenzione solo su alcuni di essi.
In genere il medico può consigliare, a seconda dei casi, farmaci antispastici per i dolori acuti, blandi sedativi per lo stress, antidiarroici oppure, nel caso di stipsi, lassativi. E’ ovvio però che l’uso di questi farmaci non si può protrarre nel tempo. Fondamentale è, dunque, la correzione delle abitudini alimentari che consiste prevalentemente in un adeguato apporto di fibre.

Le “macrocategorie” di colon irritabile sono due: quella in cui prevale la stipsi e quella in cui prevale la diarrea. E’ bene rendersi conto in quale delle due si ricade, anche se a volte non è semplice, perché i due “atteggiamenti” possono alternarsi, rendendo meno agevole la collocazione in una impronta o nell’altra. Ad ogni modo, per veder regredire i disagi, valgono alcuni consigli generali.
 

 


Se si ha la tendenza alla prima categoria e quindi quella della stitichezza, i consigli sono: introdurre almeno 2 litri di acqua al giorno, aumentando fino a 3 litri d’estate e assumere fibre.
Queste, infatti, insieme all’acqua aumentano la massa delle feci e ne favoriscono il transito (50 grammi al giorno sono sufficienti, l’equivalente di una grossa porzione d’insalata). Ma attenzione fibre sì, ma nella giusta quantità!

In caso di colon irritabile a impronta diarroica, nei periodi di crisi è opportuno l’uso di antidiarroici e, nel caso, di integratori di sali minerali (per recuperare quelli persi con la diarrea) e di fermenti probiotici per ristabilire la salute della flora batterica.
Quest’ultima, infatti, secondo alcuni studi potrebbe avere un ruolo importante nel colon irritabile, e il mantenimento del suo equilibrio potrebbe migliorare la condizione generale dei pazienti.

Per entrambe le macrocategorie, si consiglia di affiancare al trattamento alimentare e farmaceutico una buona attività fisica e una consulenza psicologica: è noto, infatti, che il riacutizzarsi delle crisi corrisponde a periodi di forte stress emotivo.

 

 



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X