Sintomi dell'ictus nelle donne

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Sintomi dell'ictus nelle donne

28-07-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

Come riconoscere i sintomi di ictus in corso e cosa fare.

Rapidità di intervento: il salvavita contro l’ictus.

Sintomi dell'ictus nelle donne

Molte donne, si sa, tendono a tenere per se le sensazioni di malessere, a cercare di resistere a fastidi e sofferenze, sperando che passino da sole, o aspettando il momento migliore per occuparsene: c’è sempre qualcuno in famiglia che viene prima, di cui occuparsi. Ma nel caso di un ictus (come pure di un infarto) non si può tergiversare: pochi minuti in eccesso o in difetto possono determinare la sopravvivenza, oppure un grado più o meno grave di disabilità. Un attacco ischemico o emorragico a livello cerebrale non dà  avvisaglie premonitrici: quando la sintomatologia si manifesta, l’ictus è già in corso.

Ma quali sono questi sintomi? Si parla di un forte mal di testa, ma come fare a capire se è proprio quello? La cefalea è del resto una costante in molte donne! Chi ci è passato parla di un dolore improvviso, definibile  come il peggior “attacco di mal di testa della vita”, violentissimo. Ma non solo. Altri sintomi di ictus da non trascurare possono essere:

  • Un improvviso senso di debolezza o torpore nel viso, in un arto, specie se tale sensazione è unilaterale
  • bocca che si storce
  • difficoltà nel deambulare o stare in piedi, oppure nel coordinare movimenti semplici come avvicinare un bicchiere alla bocca
  • vertigini, perdita d’equilibrio
  • stato confusionale improvviso, difficoltà a parlare (o ad esporre concetti di senso compiuto, anche senza averne la consapevolezza) o a comprendere ciò che si ascolta
  • visione offuscata o altri disturbi ad uno o entrambi gli occhi

 

All’insorgere di anche uno solo di questi sintomi (perché a differenza di ciò che si crede non sempre si presentano tutti insieme) è importante chiamare subito il pronto soccorso: non devono passare più di 5 minuti, potrebbe essere troppo tardi. Chiamate subito qualcuno se siete sole, e segnalate da quanto il sintomo ha iniziato a manifestarsi.

L’American Stroke Association sottolinea come assumere un farmaco tromboembolitico, entro 3 ore dall’insorgere del primo segnale di ictus può ridurre il rischio di gravi danni cerebrali (in caso di ictus ischemico- quello più frequente). Care amiche è sempre importante avere presenti queste nozioni: sia per voi che per un vostro caro. Giusto?

 

Foto: Pixabay

Fonte: American Stroke Association



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Cistite ricorrente: un problema femminile

Cistite ricorrente: un problema femminile

10/06/2019.   La cistite è la più comune tra le cosiddette IVU (infezioni alle vie urinarie), e sembra che abbia una particolare predilezione per il sesso femminile. Sono le donne, infatti, sia giovani che...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X