Sintomi dell'ictus nelle donne

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Sintomi dell'ictus nelle donne

28-07-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

Come riconoscere i sintomi di ictus in corso e cosa fare.

Rapidità di intervento: il salvavita contro l’ictus.

Sintomi dell'ictus nelle donne

Molte donne, si sa, tendono a tenere per se le sensazioni di malessere, a cercare di resistere a fastidi e sofferenze, sperando che passino da sole, o aspettando il momento migliore per occuparsene: c’è sempre qualcuno in famiglia che viene prima, di cui occuparsi. Ma nel caso di un ictus (come pure di un infarto) non si può tergiversare: pochi minuti in eccesso o in difetto possono determinare la sopravvivenza, oppure un grado più o meno grave di disabilità. Un attacco ischemico o emorragico a livello cerebrale non dà  avvisaglie premonitrici: quando la sintomatologia si manifesta, l’ictus è già in corso.

Ma quali sono questi sintomi? Si parla di un forte mal di testa, ma come fare a capire se è proprio quello? La cefalea è del resto una costante in molte donne! Chi ci è passato parla di un dolore improvviso, definibile  come il peggior “attacco di mal di testa della vita”, violentissimo. Ma non solo. Altri sintomi di ictus da non trascurare possono essere:

  • Un improvviso senso di debolezza o torpore nel viso, in un arto, specie se tale sensazione è unilaterale
  • bocca che si storce
  • difficoltà nel deambulare o stare in piedi, oppure nel coordinare movimenti semplici come avvicinare un bicchiere alla bocca
  • vertigini, perdita d’equilibrio
  • stato confusionale improvviso, difficoltà a parlare (o ad esporre concetti di senso compiuto, anche senza averne la consapevolezza) o a comprendere ciò che si ascolta
  • visione offuscata o altri disturbi ad uno o entrambi gli occhi

 

All’insorgere di anche uno solo di questi sintomi (perché a differenza di ciò che si crede non sempre si presentano tutti insieme) è importante chiamare subito il pronto soccorso: non devono passare più di 5 minuti, potrebbe essere troppo tardi. Chiamate subito qualcuno se siete sole, e segnalate da quanto il sintomo ha iniziato a manifestarsi.

L’American Stroke Association sottolinea come assumere un farmaco tromboembolitico, entro 3 ore dall’insorgere del primo segnale di ictus può ridurre il rischio di gravi danni cerebrali (in caso di ictus ischemico- quello più frequente). Care amiche è sempre importante avere presenti queste nozioni: sia per voi che per un vostro caro. Giusto?

 

Foto: Pixabay

Fonte: American Stroke Association



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Incontinenza urinaria femminile: cause e rimedi

Incontinenza urinaria femminile: cause e rimedi

29/11/2019.   Ci sono disturbi, come ad esempio l’incontinenza urinaria, che possono provocare imbarazzo al punto da rendere difficile il confronto con il proprio medico. Tuttavia, per contrastare al meglio questo disagio è bene...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X