Sveglia, pigroni!

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Sveglia, pigroni!

16-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

Dal 12 al 16 novembre la “Settimana per la diagnosi e la cura dell’intestino pigro”: visite gratuite in 100 centri italiani

Dare una bella sveglia all’intestino pigro è possibile!

23/10/2007 - Se la pancia è il nostro punto debole, a volte i crampi sono così intensi da farci correre in bagno o ci sentiamo gonfi, come se tutta la zona fosse bloccata, molto spesso la causa è la stipsi.
La stipsi o stitichezza o intestino pigro è quella condizione purtroppo molto comune (in Italia ne soffrono circa 4 milioni di persone, di cui 3 milioni di donne!) in cui non si verifica una normale defecazione. Si manifesta in vari modi: con una frequenza di “visite al bagno” inferiore alle 2-3 volte a settimana, con un senso di incompleto svuotamento, la sensazione di avere un tappo che impedisce di liberarsi, la necessità di rimanere in bagno a lungo o di ritornarci, meteorismo, dolori addominali, feci dure, sforzi eccessivi.
Il disturbo può essere temporaneo e provocato, ad esempio, da interventi chirurgici che costringono a stare immobili a letto, da malattie acute o anche da un lungo viaggio; superato il momento, tutto torna regolare. C’è poi un altro tipo di stitichezza, che invece sembra voler non passare mai, e che può essere la conseguenza di alimentazione scorretta, sedentarietà, stress e assunzione frequente di farmaci antidepressivi, tranquillanti, anti-ipertensivi, antiacidi ad alto contenuto di ferro e alluminio.
Molti pensano che con questo disturbo sia necessario convivere. Non è così: dare una svegliata all’intestino pigro è possibile! Dal 12 al 16 novembre in circa 100 centri tra ospedali, cliniche e studi medici, gli esami specialistici per chi soffre di stipsi sono gratuiti. La terza “Settimana per la diagnosi e la cura dell’intestino pigro” è un’iniziativa della SIUCP, Società Italiana Unitaria di Colonproctologia, ed è patrocinata dal Ministero della Salute, dalla Società Italiana di Medicina Generale e da Cittadinanzattiva - Tribunale per i Diritti del Malato. Per ricevere informazioni sul centro più vicino a cui rivolgersi basta telefonare al numero verde 800.126.731 o visitare il sito internet www.siucp.org. Una volta prenotata, la visita gratuita permetterà a ciascuno di conoscere le origini del proprio disturbo e di seguire una terapia ad hoc, ma anche di ridurre le cure fai da te, come l’abuso di lassativi.
Già, i lassativi: molti di noi credono sia la soluzione giusta per combattere la stitichezza. Non è vero: curano i sintomi ma non le cause e, a lungo andare, contraggono ancora di più la muscolatura intestinale. Per prevenire e contrastare la stitichezza, il mezzo fisiologico più idoneo è una dieta ricca di fibre, condita da 20 minuti di attività fisica e almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. Riso e pasta integrali, poca carne, pesce, verdure, legumi, frutta cruda e cotta, per la capacità delle fibre di inglobare acqua rendono le feci più morbide e voluminose, che così transitano più agevolmente nell’intestino. Qualora la dieta non bastasse, l’alternativa da preferire ai lassativi sono i complementi alimentari naturali che, gradualmente e fisiologicamente, riportano l’intestino alla sua normalità.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X