Torta di panettone per riciclare gli avanzi delle Feste

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Torta di panettone per riciclare gli avanzi delle Feste

30-11-2013 - scritto da Paola Perria

Nel periodo natalizio accade spesso di aprire più confezioni di panettoni. Per utilizzare i rimasugli prepariamo una torta!

Il panettone avanzato può diventare ingrediente per un nuovo dolce natalizio

Torta di panettone per riciclare gli avanzi delle Feste In tempi di crisi non si butta mai niente, semmai... si ricicla! Questo discorso vale anche per il cibo, in particolare per il panettone di Natale, un dolce di origine milanese ma oramai diventato protagonista delle tavole imbandite di tutto lo Stivale. Nella sua versione "industriale", troviamo questo meraviglioso prodotto dolciario nato, secondo la leggenda, dalla fantasia di un certo "Toni", cuoco alla corte di Ludovico il Moro - Signore di Milano nel 15mo secolo - sugli scaffali dei supermercati già da metà novembre in versioni più o meno ortodosse.

Logico che, quindi, venga il desiderio di gustarsi una fetta di soffice panettone ancor prima di essere entrati trionfalmente - e ufficialmente - nel periodo natalizio. E così, tra panettoni acquistati da noi per "toglierci lo sfizio", e altri che ci vengono regalati da amici e parenti, ecco che ci troviamo lietamente "invasi" da scatole piene a metà di residui un po' stantii di panettoni diversi. Che farne?

Ebbene, perché non sbizzarrici nelle nostre doti culinarie, e usare gli avanzi dei nostri panettoni per creare un dolce ex novo, magari una bella torta? Potrebbe anche essere un'idea originale per il dessert da presentare ai nostri ospiti in occasione del cenone del 24 o del pranzo del 25 dicembre, oltre che una buona soluzione per la colazione del mattino o la merenda dei bambini. Che ne dite, ci proviamo? Ecco la semplice ricetta della torta di panettone di Natale (avanzato).

Ingredienti (per 6 porzioni)

  • 250 g di mollica di panettone classico, meglio se un po' secca
  • 130 g di farina
  • 100 ml di panna fresca
  • 110 g di burro
  • 2 uova
  • 100 g di zucchero
  • 4 ciliegie candite
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Qualche fogliolina di menta
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • Un po' di latte

Preparazione:
Frullate la mollica del panettone, quindi setacciate la farina con il lievito. In un pentolino fate fondere 100 g di burro, mentre in un'altra ciotola romperete le uova intere a cui aggiungerete lo zucchero e monterete con una frusta questi ingredienti per creare un bel composto spumoso e perfettamente omogeneo. Continuando a sbattere mentre versate il burro fuso a filo, incorporando per bene.

Infine, versate anche la farina e il lievito setacciati e la mollica di panettone, alternando questi due ingredienti e versando anche la panna liquida diluita con un po' di latte, fino a creare un impasto liscio e cremoso. Imburrate e infarinate una tortiera rotonda e versateci l'impasto, livellando. Infornate a 160° per 50 minuti circa, finché il vostro dolce "di recupero" non sarà diventato bello gonfio e non appaia dorata la superficie.

Sfornate e fate intiepidire, quindi sformate su un bel piatto da dessert natalizio e ricoprite di zucchero a velo. Decorate, infine (se vi garba) con le foglioline di menta e le ciliegine candite. Questo dolce non è esattamente dietetico, infatti fornisce circa 500 calorie a porzione, quindi non esagerate con la gola (e con gli avanzi) se non volete ritrovarvi con qualche chilo di troppo dopo le Feste di Natale!


Foto| via Pinterest
Categorie correlate:

Ricette




A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X