ForumSalute

Trombosi venosa? Meglio correre ai ripari: ecco le 5 regole d'oro

Trombosi venosa? Meglio correre ai ripari: ecco le 5 regole d'oro

26-04-2016 - scritto da Francesca F. Salute

Riconoscere la trombosi venosa è importante, per poter adottare comportamenti preventivi ed evitare che il problema delle gambe gonfie diventi più serio.

Quando le gambe gonfie sono segno di trombosi venosa.

La trombosi venosa è un’infiammazione delle vene associata alla formazione di un coagulo di sangue (trombo) che può ostruire il passaggio del sangue all’interno del vaso sanguigno e rallentare la circolazione. I trombi possono essere la conseguenza di un danno ad una vena o di un’anomalia genetica ereditaria della coagulazione. La trombosi venosa colpisce di solito braccia o gambe ed è più frequente nelle donne e nelle persone anziane. 

 


 

Articolo realizzato con la collaborazione degli esperti di Stasiven, il tuo alleato contro le gambe gonfie disponibile in farmacia.

 

Gambe gonfie e pesanti? Cellulite? Stasiven è la risposta

Prurito, formicolio, cellulite, pesantezza e gonfiore sono segnali della stasi venosa, cioè della difficoltà del sangue a risalire dai piedi verso l’alto.

REGALA BENESSERE E LEGGEREZZA ALLE TUE GAMBE. STASIVEN FUNZIONA!

IL TUO ALLEATO CONTRO LE GAMBE GONFIE
Integratore alimentare e dermocosmetico che aiutano a contrastare pesantezza e gonfiore degli arti inferiori e a restituire vitalità al microcircolo.

STAMPA il promemoria e consegnalo al tuo farmacista

 


 

 

Fattori di rischio della trombosi venosa:

  • Tumore, in particolare quello al pancreas che produce sostanze che favoriscono la coagulazione sanguigna
  • Paralisi degli arti superiori o inferiori a causa di un ictus
  • Uso del catetere venoso, che può ostruire parzialmente il passaggio del sangue nel vaso
  • Gravidanza o post-parto, condizioni che aumentano la pressione sulle vene di gambe e bacino
  • Uso della pillola anticoncezionale o della terapia ormonale sostitutiva, che possono favorire la coagulazione sanguigna
  • Storie in famiglia di problemi della coagulazione o trombosi
  • Sovrappeso, obesità
  • Fumo

 

A seconda della posizione della vena colpita dal trombo, si parla di trombosi venosa superficiale (tromboflebite) o trombosi venosa profonda

La tromboflebite si presenta con 5 segni tipici dell’infiammazione: febbre, arrossamento, gonfiore o edema, dolore e perdita della funzionalità. Il dolore, in particolare, si manifesta lungo il percorso della vena colpita dal trombo. Raramente questa condizione superficiale porta a complicanze.

La trombosi venosa profonda, al contrario, è più pericolosa perché in circa la metà dei casi è asintomatica e il trombo può staccarsi e raggiungere cuore e polmoni.

 

La terapia contro la trombosi venosa può essere sia di tipo farmacologico che chirurgico e la scelta dipende dalla gravità, dall’età del paziente e dall’intensità del dolore.

I farmaci di solito si utilizzano nei casi gravi, per ridurre il gonfiore o trattare eventuali infezioni, oltre che per prevenire la formazione di trombi. Quando l’edema si riduce, si prescrivono in molti casi supporti elastici, come calze a compressione graduata.

L’intervento chirurgico, invece, viene effettuato quando il medico decide di rimuovere il trombo o le vene varicose che causano il disturbo.

 

La trombosi venosa è una manifestazione infiammatoria che porta ad un rallentamento della circolazione del sangue e alla comparsa di gambe gonfie e doloranti. Questo disturbo è legato a diversi fattori di rischio e alcuni di essi, se conosciuti, possono essere modificati attraverso l’adozione di comportamenti preventivi. Solo così si potrà ritrovare la salute delle proprie gambe.

Ecco allora le 5 regole d’oro per prevenire la trombosi venosa:

  • Sgranchire le gambe o, meglio ancora, fare sport. Per prevenire la formazione di trombi è importante muovere spesso le gambe, perché la contrazione della muscolatura favorisce lo svuotamento delle vene e la ripresa della circolazione. Il consiglio vale per tutti, ma soprattutto per chi ha l'abitudine di passare intere giornate al lavoro seduto senza muovere un muscolo
  • Evitare di indossare abiti troppo aderenti in vita e sulle gambe. L’uso per ore di pantaloni, gonne o scarpe strette rallentano la circolazione, e il sangue fermo in un punto tende a coagulare più velocemente del normale
  • Bere molta acqua. L’assunzione di liquidi rende il sangue più fluido, favorendo la circolazione
  • In caso di rischio di trombosi venosa profonda, utilizzare calze contenitive e seguire le indicazioni fornite dal proprio medico. Le calze contenitive aiutano a prevenire il trombo grazie alla compressione meccanica dall’esterno sulle vene, che ne riduce il diametro e permette così al sangue di raggiungere il cuore più velocemente
  • Proteggere la salute delle vene, dando vigore ed elasticità alle loro pareti. Alla lunga, le vene fragili possono ingrossarsi dando origine alla formazione di varici o, peggio, causando flebiti e trombosi venose profonde. Guai, dunque, a trascurare i disturbi circolatori! Per aiutare a proteggere i vasi e ristabilire la corretta circolazione sanguigna si può puntare su estratti naturali efficaci come meliloto, cumarina e centella asiatica



A cura di Francesca F. Salute
ForumSalute
Forumsalute su Facebook
Forumsalute su Twitter
ForumSalute su Google+
Francesca F. Salute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Gambe gonfie e stasi venosa? Fai ballare i piedi!

Gambe gonfie e stasi venosa? Fai ballare i piedi!

Un lavoro sedentario di 8 ore alla scrivania o in piedi davanti ad un bancone, non rappresenta certo l’ideale per la salute delle gambe. Eppure sono tante le persone che, a causa del lavoro, alla sera si ritrovano con...

19/09/2016 - scritto da Paola P.

Gambe e tatuaggi: in quale punto farli?

Gambe e tatuaggi: in quale punto farli?

Senso estetico, appartenenza o affermazione: sono questi i tre significati che può assumere un tatuaggio, che può essere definito come una forma di comunicazione non verbale che esprime un sentimento vissuto in quel...

08/07/2016 - scritto da Francesca F. Salute

Gambe gonfie e stanche? Prova con lo yoga!

Gambe gonfie e stanche? Prova con lo yoga!

L’80% delle donne soffre di ritenzione idrica, un accumulo di acqua sotto la pelle che può portare a comparsa di cellulite, vene varicose, gambe gonfie e stanche. Tutti questi sintomi nascondono alla base una cattiva...

29/06/2016 - scritto da Francesca F. Salute

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
LA DIETA CONTRO IL COLESTEROLO

Troppo colesterolo può intasare le arterie, ma basta seguire 3 semplici regole per evitare che salga oltre i livelli di allerta.
Scoprile qui.
NATALE A NEW YORK, CON LE MIE GAMBE!

Camminare a New York sotto le mille luci del Natale, che sogno! Arianna è riuscita a realizzarlo, preparando le sue gambe con tanta cura.
Segui i suoi consigli.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X