Tumore al seno nelle donne giovani

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Tumore al seno nelle donne giovani

26-01-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Purtroppo il tumore al seno colpisce anche le donne under 40, ma se ne parla poco

Sempre più ragazze giovani colpite dal tumore al seno, perché?

Tumore al seno nelle donne giovani Il tumore al seno non è prerogativa delle donne over 45. Nel tempo, ogni volta che ho affrontato questo argomento in un articolo o intervista, mi sono trovata a confrontarmi con donne giovanissime che volevano evidenziare questo aspetto, con la loro testimonianza diretta, di malate di cancro. Le statistiche parlano chiaro: le neoplasie della mammella colpiscono maggiormente le donne in menopausa, ma il 7% della casistica totale riguarda le donne under 40 e non si tratta di una cifra piccola nel totale.

Le implicazioni psico- emotive poi, nelle donne più giovani sono diverse: pensiamo al seno come simbolo di femminilità e alla necessaria mastectomia, ma anche al fatto che si possono avere figli piccoli da accudire o dai quali non ci si vuole far vedere giù di tono (il 10% di queste donne sviluppa il cancro entro i 6 mesi dalla gravidanza) o peggio, forse, le cure chemioterapiche allontanano la desiderata maternità. E’ per questo che è diventata quasi una mia battaglia personale quella di ricordare a tutte le mie coetanee e alle ragazze più giovani di me, di sottoporsi con regolarità all’autopalpazione al seno e a visite annuali dal medico ginecologo, oltre che alle dovute indagini diagnostiche (ecografia e/o mammografia).

Bisogna dirlo però, la classe medica non sempre è attenta a questo aspetto, nel suggerire una prevenzione ed invitare le trentenni e le 40enni atest per la diagnosi precoce. Di fatto il cancro al seno è considerato come raro prima dei 35 anni, ma i tassi di incidenza in un quinquennio sono aumentati del 25% circa. Questo dipende da vari fattori: la gravidanza e l’allattamento tengono lontana la neoplasia, ma l’età media del primo figlio ormai si è spostata notevolmente in avanti, come pure sono peggiorate le abitudini alimentari, l’obesità e la sedentarietà.

Sono tutti importanti fattori di rischio oncologico insieme al fumo di sigaretta, sempre più in uso tra le giovanissime (è provato scientificamente che il tabagismo è responsabile anche del tumore al seno e non solo di quello ai polmoni). Senza parlare delle donne con mutazione genetica BRCA 1 e 2 (ovvero predisposte al carcinoma mammario e dell’ovaio) che manifestano la malattia precocemente (in genere un’altra donna in famiglia ne è stata già colpita, quindi questo deve indurre a controlli più serrati). Infine non bisogna dimenticare che le cause del tumore ancora non sono state tutte identificate e quindi non sono rari i casi di donne under 40 che sviluppano una neoplasia al seno senza aver fattori di rischio specifici.

Tutto ciò va tenuto presente per un ulteriore motivo concreto: il cancro in generale prolifera più rapidamente in giovane età e nello specifico il tumore al seno è essenzialmente ormono-sensibile e dunque in età fertile tende ad essere più aggressivo. E’ quindi quanto mai importante riflettere sulla diagnosi precoce e sull’importanza degli screening anche prima dei 45 anni. Non credete anche voi? Oggi le terapie sono efficaci, la sopravvivenza è alta, se si interviene per tempo.


Foto: Crafty dame per Flickr


Articoli che potrebbero interessarti

L'igiene orale del cane

L'igiene orale del cane

22/07/2020.   Una scarsa igiene orale nel cane può portare a un eccesso di tartaro, gengive gonfie e sanguinanti, infiammazioni, periodontite, usura e rottura dei denti fino alla loro perdita, nonché masticazione continua di...

Animali, cane, gatto, cuccioli

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X