Un cerotto per amico

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Un cerotto per amico

16-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

Il cerotto, un metodo contraccettivo che piace sempre di più. E’ sicuro e ideale per le più distratte

Vantaggi e svantaggi del cerotto contraccettivo

08/05/2006 - Piace, non si dimentica come la pillola, ed è ben tollerato. Stiamo parlando del cerotto contraccettivo, arrivato nel nostro Paese un paio d’anni fa e utilizzato ormai da 83 mila donne italiane.
Secondo un'indagine condotta dall'Istituto IMS su mille donne, l'80% delle intervistate, dopo averlo provato, lo ha sostituito alla pillola. La maggior parte delle utilizzatrici si è detta soddisfatta: ha riscontrato meno nausee, mal di testa, tensioni addominali, e in generale una migliore tollerabilità da parte dell'organismo. Le controindicazioni sono le stesse della pillola: patologie cardiovascolari, diabete, epatite. Unico difetto, non trascurabile: si vede, eccome, e questo può creare imbarazzo a molte donne, meno disinvolte di altre a mostrare all’esterno la propria scelta contraccettiva.
Ma di cosa si tratta? Di un cerotto di durata settimanale che si applica sulla pelle e che trasferisce gli ormoni per via transdermica anziché per via orale. Il primo cerotto si applica il primo giorno del ciclo, il secondo dopo una settimana e il terzo dopo una settimana ancora. In totale tre “operazioni” al mese. E’ dunque l’ideale per le più distratte, quelle che di assumere tutti i giorni la pillola proprio non riescono a ricordarsi.
Ha la stessa efficacia sia nel ridurre il flusso e i dolori mestruali sia nel combattere la sindrome premestruale. Non solo: risulta meglio tollerato dall’organismo perché i livelli ormonali rilasciati attraverso la pelle e le mucose restano costanti durante l'arco della giornata, mentre nel caso della pillola calano con il passare delle ore, provocando qualche effetto collaterale come, tra gli altri, sbalzi d’umore e ritenzione idrica. Con la somministrazione transdermica, poi, l’assorbimento dei principi attivi è indipendente dall’apparato digerente, quindi disturbi intestinali o gastrici e l’uso di lassativi non influenzano l’efficacia del farmaco.
Il fatto che i livelli si modifichino di pochissimo rende il cerotto un contraccettivo sicuro, forse più della pillola: se anche dovesse staccarsi (caso, raro ma può capitare…), la protezione continua per 12-24 ore. Nel caso della pillola, invece, saltarla anche solo una volta compromette la copertura per tutto il mese. E non è casuale che una gravidanza indesiderata su quattro derivi proprio da errori di questo tipo.
I dubbi più comuni: il cerotto si stacca se sfrega contro i vestiti o se si suda di più? E sotto la doccia o in piscina? L’adesività è ottima e garantita anche in questi casi, ma naturalmente ci sono alcune accortezze da seguire, come ad esempio accertarsi che la parte scelta per l'applicazione sia pulita e completamente asciutta, o evitare di spalmare la crema sulla pelle dove si è deciso di mettere il cerotto. Insomma, non è assolutamente necessario modificare le attività che si svolgono normalmente. E visto che siamo quasi in estate, ci si può tranquillamente sdraiare in spiaggia a prendere il sole.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

No alla povertà mestruale, sì all’uguaglianza

No alla povertà mestruale, sì all’uguaglianza

24/05/2021.   Sai già cosa farai il 28 maggio? No, non ti preoccupare se non ti viene in mente nulla. Non è il tuo compleanno (o forse sì) e neppure il tuo anniversario di matrimonio (o forse sì). Il 28 maggio...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X