Un’estate imbarazzante...

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Un’estate imbarazzante...

10-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

Quando la stitichezza colpisce in vacanza, non è il caso di drammatizzare: si tratta della cosiddetta stipsi occasionale.

I trucchi per combattere la stitichezza in modo naturale

Un’estate imbarazzante... Un viaggio, un soggiorno al mare, un periodo di relax... ed ecco che andare in bagno diventa all’improvviso un problema. Ma perchè basta spostarsi anche solo per pochi giorni da casa e l’intestino all’improvviso si ferma? Perchè la vacanza che abbiamo sognato per tutto l’anno rischia ogni volta di trasformarsi in un incubo? Secondo le spiegazioni più “filosofico-spirituali”, il motivo sarebbe la paura di allontanarsi dal proprio territorio, che porterebbe a sentirsi a disagio in qualunque parte del mondo ci si trovi, che non sia la nostra “cuccia”: così finiamo per non vedere l’ora di tornare indietro. Molto più praticamente, si tratta di fattori emotivi, legati all’ambiente meno confortevole, alla scarsa igiene del bagno o all’imbarazzo di doverlo condividere con altri, o ancora al cambio degli orari, di clima, delle dosi quotidiane di attività fisica e di alimentazione. Inutile negarlo: viaggi e vacanze sono sinonimo di stravizi: ci si rilassa e ci si lascia andare anche a peccati di gola che, se sono un piacere per lo spirito, non rappresentano certo un toccasana per il nostro organismo.
Niente paura, si tratta di una stitichezza momentanea e occasionale, risultato appunto dello “stress” causato dall’improvviso cambiamento di abitudini, ne soffrono milioni di persone e per combatterla non occorre nemmeno rivolgersi al medico. Il consiglio è quello di privilegiare l’approccio non farmacologico: idratazione, più fibre nella dieta e almeno un po’ di moto che contribuisce alla progressione del contenuto intestinale (per mantenere un buon tono della muscolatura intestinale possono essere molto utili, ad esempio, delle belle passeggiate a piedi nudi sulla sabbia). Siccome, per funzionare bene, il nostro corpo ha bisogno di regolarità, anche in vacanza bisognerebbe cercare di andare a letto, svegliarsi e mangiare a orari più o meno fissi. E’ più facile a dirsi che a farsi, lo sappiamo, ma in questo modo si dovrebbe riuscire a mantenere una regolare defecazione. Buona norma sarebbe assecondare i segnali del proprio organismo evitando di rinviare l’evacuazione, per rendere meno traumatico per il nostro corpo il cambiamento di habitat e di abitudini: certo, se stiamo facendo un viaggio itinerante che comporta lunghi spostamenti non è facile, ma è una condizione imprescindibile per non peggiorare i problemi digestivi e i disturbi intestinali. Spesso, infine, risultano molto utili dei complementi alimentari che regolino in maniera fisiologica la motilità intestinale, incrementando la velocità del transito, ammorbidendo le feci e stimolando lo sviluppo della microflora benefica.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X