Viaggiare in treno con il cane

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Viaggiare in treno con il cane

04-07-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

In Italia si può viaggiare in treno anche con i cani di taglia grande

Regole per affrontare un viaggio in treno con Fido

Viaggiare in treno con il cane E’ possibile viaggiare in treno con il cane? Sì certamente: si tratta di uno sei segni di civiltà che il nostro Paese ha acquisito nel corso degli ultimi anni. Rimangono comunque delle regole da rispettare e dei limiti (pochi) da tenere presenti. Ecco quali le norme di accesso ai viaggi in treno per i cani su Trenitalia e su Italo.

Trenitalia
Trenitalia ammette in forma gratuita tutti i cani di piccola taglia (ed altri pet) purché custoditi nell’apposito trasportino non superiore ai 70x30x50 cm; un biglietto di seconda classe con riduzione del 50% è invece necessario per trasportare cani di taglie maggiori, purché muniti di guinzaglio e museruola. In ambedue i casi, l’animale non può occupare il posto in poltrona di un altro viaggiatore e laddove il personale del treno rilevasse un effettivo disturbo nei confronti degli altri passeggeri, cane e proprietario accompagnatore sono tenuti ad allontanarsi dal compartimento se non addirittura a scendere dal treno.

C’è l’obbligo di lasciare il treno anche se si viene trovati sprovvisti del necessario certificato di iscrizione all’anagrafe canina e del libretto sanitario (o il passaporto europeo a seconda del caso): anche se da prassi lo si è già presentato al momento dell’acquisto del biglietto.Chiaramente i cani guida per non vedenti viaggiano sempre, in forma gratuita e senza restrizioni. Per maggiori approfondimenti circa i limiti di trasporto (tratte, orari, eccetera) visitate la sezione specifica di Trenitalia.com.

Italo
Per Italotreno, valgono approssimativamente le stesse regole: gli animali domestici di peso non superiore ai 10 chilogrammi (cani di piccola taglia compresa) possono viaggiare gratuitamente insieme al proprietario, purché accomodati nell’apposito trasportino. Questo lo si può accomodare nello spazio apposito dei bagagli in carrozza o nelle immediate vicinanza del posto di viaggio dell’accompagnatore (ma non sul sedile altrui).

Su Italo, per i cani di taglia grande a differenza di Trenitalia, non ci sono restrizioni per l’orario del viaggio: per tale motivo sono state selezionate delle carrozze apposite dove non si voglia viaggiare con un cane al fianco. I cani di peso superiore ai 10 chili pagano una cifra corrispondente al 30% del Biglietto Base o Economy di Smart e Prima classe (a seconda della disponibilità), e pari a 20 euro, prezzo fisso, qualora si scegliesse di viaggiare nel Salotto di Club. A bordo i cani vengono forniti di una borsa omaggio contenente un tappetino igienizzante su cui far accomodare il pet, realizzato con materiali super assorbenti ed antiodore. Insomma per il confort di tutti i passeggeri.

L’accesso di tutti i cani è consentito previa presentazione dell’iscrizione all’anagrafe canina. Chi viene dall’estero deve essere in possesso del passaporto per animali domestici. Sono esclusi dal viaggio cani che dimostrano una particolare aggressività o affetti da zoonosi (patologie trasmissibili all’essere umano). Anche su Italo, i cani guida per non vedenti viaggiano in forma gratuita e senza restrizioni di sorta. Per maggiori informazioni visitate il sito di Italotreno.it

Foto: Flickr
Categorie correlate:

Animali, cane, gatto, cuccioli




A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Cimurro nel cane

Cimurro nel cane

24/02/2014. Il cimurro canino, come è noto, è una malattia virale (cioè provocata da un virus) molto contagiosa e pericolosa. Può essere fatale. Il cimurro però non è prerogativa unica di Fido, ma può colpire anche i furetti, tra gli animali...

Animali, cane, gatto, cuccioli

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X