Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X

NISTAGMO

NISTAGMO

13-05-2011 - scritto da siravoduilio

È un’oscillazione ritmica e involontaria degli occhi.

Si distingue un nistagmo fisiologico (normale) da uno patologico.




NISTAGMO




Cos'è?

È un’oscillazione ritmica e involontaria degli occhi. Si distingue un nistagmo fisiologico (normale) da uno patologico.

Il primo è dovuto alla modalità di visione degli oggetti in movimento: tipico è l’esempio di una persona seduta su un treno in corsa che guarda fuori del finestrino e osserva, uno alla volta, i pali che si susseguono (a una fase di movimento più lento ne segue una di movimento rapido o di scossa). Nel nistagmo patologico, invece, ogni ciclo di movimento tende ad allontanare l’oggetto che si vuole osservare dalla fovea (centro retinico), facendolo uscire dalla zona centrale del campo visivo, causando così seri problemi alla visione.

Come si presenta?
Il nistagmo si può presentare con un movimento pendolare, ossia che ha la stessa velocità in tutte le direzioni, o con un movimento saccadico (erratico), che ha una velocità diversa: si compone di una fase rapida e di una fase lenta.

Cosa provoca?
Il nistagmo spesso riduce la visione in modo serio. Molte persone affette da questa condizione sono considerate ipovedenti.
Infatti, la profondità di campo diminuisce, provocando instabilità nel movimento. Tuttavia, la capacità visiva può variare durante il giorno ed essere influenzata da fattori emozionali e fisici (come lo stress o la stanchezza).

Come oscilla esattamente l’occhio?
Il piano di questi movimenti involontari e patologici può essere orizzontale, verticale, torsionale (circolare) o può essere aspecifico (non individuabile). Le altre sue caratteristiche sono la frequenza (bassa, elevata e moderata) – che indica il numero di scosse nell’unità di tempo – e l’ampiezza del movimento delle scosse (fine, media e grossolana). Può interessare un occhio (monoculare) oppure entrambi (binoculare); è detto ‘coniugato’ quando la direzione, la frequenza e l'ampiezza sono simili in entrambi gli occhi, altrimenti viene definito ‘dissociato’.

Quali sono le cause?
Il nistagmo patologico può essere dovuto a cause genetiche o può essere acquisito (può dipendere da diverse malattie). Si può manifestare in seguito a lesioni del sistema nervoso (cervelletto e tronco encefalico) o dell'apparato vestibolare (organo dell'equilibrio).
Il nistagmo congenito può avere un’ereditarietà legata al sesso e, in genere, si manifesta entro i primi 2-3 mesi dalla nascita. Fondamentale è la diagnosi oculistica in età neonatale (in modo da evitare che ci sia deficit visivo che può provocare nistagmo). Le cause possono essere varie (ad esempio una CATARATTA congenita, unoSTRABISMO , ecc.). Il nistagmo si sviluppa in tutti quei bambini che hanno una perdita bilaterale della visione centrale entro i primi 2 anni di vita. In alcuni casi può presentarsi senza una causa nota e può insorgere nei gradi estremi di rotazione degli occhi, anche in persone perfettamente sane, soprattutto in caso di affaticamento. Ci sono malattie come l’albinismo che tipicamente lo causano.




Si effettua valutando il movimento degli occhi mentre il paziente osserva un punto fisso; di solito si utilizza la
lampada a fessura che, ingrandendo l’immagine, è anche in grado di rendere visibili i movimenti più piccoli. L'esame oculare deve mirare a valutare l’acuità visiva, la reattività delle pupille, la motilità degli occhi e il fondo oculare.
semeioticastrument

Quando possibile si deve eliminare la causa determinante il nistagmo. Nel caso in cui la causa sia congenita esistono terapie riabilitative che potrebbero ridurne la portata.




Distinguiamo i seguenti tipi:
1) nistagmo a scosse, in cui il movimento lento è detto ‘di defoveazione’ (allontanamento dalla zona di fissazione dell’oggetto, seguito da rapidi movimenti oculari correttivi);
2) nistagmo pendolare, in cui entrambi i movimenti sono lenti;
3) nistagmo misto, in cui a scosse in posizione primaria segue un nistagmo pendolare in posizione laterale di sguardo. Distinguiamo, per il nistagmo fisiologico, la posizione estrema dello sguardo (end point), in cui si riscontra un nistagmo a scosse con la fase rapida in direzione dello sguardo.
4) nistagmo otto-cinetico, provocato da oggetti in movimento all’interno del campo visivo: vi è un inseguimento oculare lento.
5) nistagmo vestibolare: a scosse, causato da alterazioni dei segnali che arrivano ai centri per il controllo dell’equilibrio corporeo che regolano anche lo sguardo orizzontale. Questo può essere provocato dalla stimolazione termica (acqua fredda o calda), per cui viene utilizzato dall’otorinolaringoiatra per valutare la funzionalità dei centri dell’equilibrio del sistema vestibolare.



Un caro saluto
Prof.Duilio Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
Cell.:3385710585
PROF.DOTT. DUILIO SIRAVO
http://drsiravoduilio.beepworld.it





Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
Soffri di sudorazione eccessiva?

Sudare è normale, sudare in eccesso no! Scopri se l'iperidrosi condiziona la tua vita e come risolvere il problema. Fai il test e scopri se soffri di iperidrosi!
Fai il test
Genitori E Figli: Non minimizziamo il problema dei brufoli

I nostri figli si fanno un cruccio dell’acne? Impariamo ad ascoltarli ed aiutarli nel superare problematiche per loro difficili da accettare senza sminuire il loro disagio.
Leggi l'articolo