ForumSalute

Arterie ostruite: quei 5 sintomi che possono salvarti la vita

Arterie ostruite: quei 5 sintomi che possono salvarti la vita

28-09-2016 - scritto da Paola P.

L’aterosclerosi è all’origine di eventi cardiaci gravi, ma conoscere i primi sintomi di questa condizione può consentirti di intervenire per tempo.

Un’ostruzione delle arterie può causarti un infarto o un ictus. Ecco come capire che sei a rischio.

Una buona parte degli eventi cardiovascolari più gravi per il tuo organismo si originano da una condizione ben precisa: l’aterosclerosi. Questo termine indica l'indurimento arterioso e l’ostruzione di una o più arterie che progressivamente va a ridurre il lume interno del vaso e pertanto riduce anche l’apporto di sangue verso gli organi serviti da quell’arteria.

Se non ti accorgi in tempo del problema, il vaso può occludersi completamente e portare alla necrosi e alla morte di organi vitali come cuore, cervello e polmoni.

 

ARTERIE OSTRUITE: LE POSSIBILI CAUSE

Perché le arterie si ostruiscono? La causa principale è la formazione di spesse placche lipidiche, tipicamente di colesterolo, che puoi immaginare proprio come delle palline di grasso denso che via via incrostano l’interno del vaso. Guarda il video per capire meglio.

 

 

Non sempre e non solo una dieta ricca di grassi saturi può bastare a giustificare la formazione di placche aterosclerotiche nei tuoi vasi: il 70% del colesterolo totale non deriva dalla dieta, ma lo produce il tuo corpo perché questo grasso è indispensabile a costruire le cellule e la materia cerebrale. E allora quali sono le ragioni per cui il colesterolo diventa un nemico e va a depositarsi all’interno delle arterie, in particolare quelle che portano al cuore? Le ragioni sono tante, sicuramente vi è una componente genetica, e l’età incide, ma altri fattori da considerare sono:

  • Disfunzioni endocrinologiche e ormonali (ad es. patologie tiroidee)
  • Tabagismo
  • Ipertensione
  • Stress
  • Tendenza al sovrappeso e all’obesità, metabolismo lento
  • Vita sedentaria

 

Chiarito questo, come puoi capire se il tuo apparato cardiovascolare è in buona salute, o se sei a rischio di malattie coronariche perché nelle tue arterie si stanno formando placche lipidiche?

 

 

ARTERIE OSTRUITE: COME SI FA LA DIAGNOSI

Una semplice visita cardiologica e un ECG non sono sufficienti per la diagnosi. Ciò che può svelarti un’aterosclerosi incipiente è, piuttosto, l’esame angiografico che permette di controllare lo stato delle tue vene dall’interno. E’ consigliata anche l’ecografia intravascolare (IVUS).

E’ chiaro che si tratta di esami specialistici che possono essere richiesti dal cardiologo solo in presenza di sospetti ben precisi. Ma come ci si arriva? Perché, insomma, se non hai sintomi specifici al cuore, dovresti andare a far controllare lo stato delle tue arterie?

Una delle insidie dell’aterosclerosi è che è quasi asintomatica. Il quasi, però, è di vitale importanza.

Perché in realtà piccoli segnali che qualcosa, nelle tue arterie e nell’afflusso di sangue al cuore, non funziona a dovere, ci sono.

 

ARTERIE OSTRUITE: GUAI A SOTTOVALUTARE QUESTI 5 SINTOMI

Ecco i 5 sintomi, spesso lievi, intermittenti, ma comunque presenti, da tenere in debita considerazione, specialmente se si accentuano nel tempo:

  • Dolore o fastidio alla schiena, nella zona delle scapole. Un dolore non acuto ma ricorrente
  • Dolore o fastidio al braccio, ad entrambe le braccia, al petto. Anche in questo caso il disturbo potrebbe essere di lieve entità
  • Fiato corto, soprattutto dopo uno sforzo (ad esempio dopo aver fatto le scale)
  • Piedi che si gonfiano facilmente, non solo in estate a causa del caldo
  • Senso di lieve nausea, fastidio alla bocca dello stomaco e fitte addominali

 

Questa sintomatologia non si presenta tutta insieme, è più facile che compaia anche uno solo di questi segnali, ad esempio un dolore sordo alla spalla che si manifesta per mesi in modo ricorrente e che non dipende da contratture o problemi articolari.

Se dunque appartieni ad una delle categorie a rischio (ad es. sei diabetico, fumi molto, soffri di ipertensione ecc.), se hai una certa predisposizione familiare alle coronaropatie, anche in presenza di sintomi minimi e aspecifici come quelli che hai appena visto, è meglio che ti rechi dal medico e glie ne parli.

 

Prevenire un infarto o un ictus scoprendo per tempo la formazione di placche lipidiche nelle tue arterie può salvarti la vita, non dimenticarlo.  

 

Leggi anche:

10 consigli dietetici per un cuore in salute

Le malattie cardiache nelle donne

Colesterolo, trigliceridi, glicemia e pressione: i valori ottimali

 

Foto | via Pinterest 




A cura di Paola P.
ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Autismo e vaccini, tutta la verità

Autismo e vaccini, tutta la verità

E' vero che i vaccini fanno venire l'autismo? Tra testimonianze dirette e drammatiche di genitori, citazioni scientifiche e pseudo tali ed altrettante qualificate smentite, per una mamma o un papà alle prese con le...

17/01/2017 - scritto da Cinzia I.

Prostatite e problemi di erezione

Prostatite e problemi di erezione

I problemi di erezione possono avere cause organiche o psicologiche: ansia da prestazione, stress, paura di non essere all’altezza, incomprensioni di coppia, abuso di alcol o droghe, interazione con alcuni farmaci,...

17/01/2017 - scritto da Francesca F. Salute

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
Spotting: devi preoccuparti?

"Strane" perdite di sangue tra una mestruazione e l'altra? Lo spotting è un fenomeno comune, non sempre un problema. Ma non minimizzarlo!

Ecco le cause.
Pausa pranzo velocissima?

Al lavoro hai una pausa pranzo di pochi minuti? Mangi davanti al pc o in piedi al volo in negozio? Ecco i cibi su cui devi puntare per restare in forma.

Prenditi un break!

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X