Ansia da separazione nel cane

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Ansia da separazione nel cane

26-07-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Come riconoscere i sintomi e cosa fare in caso di ansia da separazione del cane

Anche il cane può soffrire di ansia da separazione

Ansia da separazione nel cane Il cane è un animale sociale, in natura vive in branco e quindi, anche se ormai addomesticato, il rimanere per molte ore solo può provocare in lui disturbi emotivi e conseguentemente comportamentali.

Di certo l'ansia da separazione non capita a tutti i cani, alcune razze vivono bene anche in solitario, altre come i Labrador invece sembrano avere quasi un bisogno fisico di stare insieme ai suoi simili o all’amico umano.

Cosa accade allora? Il pet nel momento in cui si trova solo, o prima ancora quando capisce che sta per rimanerlo, sviluppa una paura irrazionale, appunto uno stato d’ansia. Se capisce che il suo proprietario sta per andare al lavoro o uscire, comincia a girargli intorno, come per farsi notare, mugula, abbaia per richiamare la sua attenzione, non risponde ai comandi. In alcuni casi invece può fare il contrario, dimostrare segni di depressione, ed isolamento, quasi che avesse accettato il rifiuto.

I veri sintomi sono però quelli riscontrabili quando il cane rimane solo: abbaiare continuo e molesto, devastazione degli oggetti e della tappezzeria di casa, ma anche pipì e pupù ovunque, graffi sui mobili, e così via. Il tutto non è episodico, ma continuativo, avviene cioè ogni volta che il cane rimane solo.

Rientrare in casa e sgridare il pet /o metterlo in punizione è la cosa istintiva che viene da fare, ma anche la più sbagliata. In caso di ansia da separazione il cane, come pure il bambino, vive uno stato emotivo che non riesce a controllare e quindi non solo non si risolverebbe il problema ma si rischierebbe di aggravarlo.

E’ importante rivolgersi al veterinario e /o ad uno psicologo canino (o comportamentalista) in grado di aiutare Fido ed il suo proprietario a risolvere il disturbo. Non va trascurato, perché il cane potrebbe avere anche delle reazioni autolesioniste. Possono essere necessari dei farmaci per una terapia approfondita.

Vi è mai capitata una situazione del genere? Condividetela con noi.

Foto: Flickr
Categorie correlate:

Animali, cane, gatto, cuccioli




A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Cimurro nel cane

Cimurro nel cane

24/02/2014. Il cimurro canino, come è noto, è una malattia virale (cioè provocata da un virus) molto contagiosa e pericolosa. Può essere fatale. Il cimurro però non è prerogativa unica di Fido, ma può colpire anche i furetti, tra gli animali...

Animali, cane, gatto, cuccioli

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X