Cacao tossico per i cani, in quali quantità?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cacao tossico per i cani, in quali quantità?

26-03-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Con quali quantità la cioccolata, se ingerita, è pericolosa per il cane?

Quanta cioccolata deve mangiare il cane per rischiare la vita?

Cacao tossico per i cani, in quali quantità? Tutti gli alimenti a base di cacao sono pericolosi per la salute e la vita del cane e ne andrebbe rigorosamente evitata la somministrazione. Il cioccolato contiene infatti alcune sostanze come la teobromina (ma anche la caffeina) in grado di provocare una seria intossicazione nei nostri amici a quattro zampe. Eppure ogni tanto a qualcuno scappa la mano ed offre a Fido un cioccolatino, una barretta o un pasticcino al cacao.

Peggiore è il caso invece in cui ci si rende conto che il cane si è servito da solo, gustando la torta al cioccolato lasciata incustodita sulla tavola. Il panico si fa forte sapendo della tossicità di questi alimenti, ma allora cosa fare? E soprattutto, quanta cioccolata deve mangiare per rischiare la vita?

La quantità in tal caso è strettamente correlata alle dimensioni del cane (o meglio al suo peso) oltre che al tipo di cioccolato. Quello al latte ad esempio contiene quantità minori di teobromina rispetto al fondente e dunque sarà meno pericoloso ma di certo sempre da evitare. Spieghiamo con degli esempi concreti.

1 oncia di cacao amaro in polvere, ovvero circa 28 grammi, contiene 400 mg di teobromina (45 mg invece nella cioccolata al latte): i primi sintomi potenzialmente letali di intossicazione si hanno già dopo l’ingestione di 100 mg della medesima sostanza, per chilo corporeo. Ovvero? Per un cucciolo di 4 chilogrammi ad esempio 270 grammi di cioccolato al latte e solo 28 gr. di fondente contengono già 400 mg di teobromina: oltre la soglia di sicurezza. Un cane di 10 chili invece sarà a rischio serio con 540 grammi di cioccolato al latte e 60 gr. di fondente (900 mg di teobromina). In un pelosone di 20 kg potrebbero essere letali rispettivamente 1.400 grammi e 130 gr. (1.800 mg di sostanza tossica).

Andando indietro con la memoria ricordo come la mia piccola Inca, uno schnauzer nano di pochi chili, gradisse le pastarelle al cioccolato, a tal punto che ogni domenica mia nonna ne portava una specificatamente per lei. Queste cose sulla tossicità del cacao, non le sapevamo e per fortuna la mia piccola non è mai stata male. In molti con esperienze simili parlano di leggenda metropolitana, di bufala, ma così non è.

Ai dosaggi indicati, secondo gli studi scientifici e statistici che hanno evidenziato la cosiddetta “sindrome di avvelenamento da cioccolato nel cane” , per il 50% dei casi vi è un esito letale, oltre ad una serie di problematiche di salute. Questo significa che alcuni animali sopravvivono indenni anche ad una super abbuffata, ma non per questo è il caso di rischiare, offrendo cacao al pet non credete? Anche perché non esiste un antidoto.

Foto: Locomotion per Flickr
Categorie correlate:

Animali, cane, gatto, cuccioli




Articoli che potrebbero interessarti

Cimurro nel cane

Cimurro nel cane

24/02/2014. Il cimurro canino, come è noto, è una malattia virale (cioè provocata da un virus) molto contagiosa e pericolosa. Può essere fatale. Il cimurro però non è prerogativa unica di Fido, ma può colpire anche i furetti, tra gli animali...

Animali, cane, gatto, cuccioli

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X