Esofagite

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Esofagite


L’esofagite è l’infiammazione acuta o cronica della mucosa dell'esofago, l’organo a forma cilindrica dell'apparato digerente che collega la faringe allo stomaco.

La causa più frequente di esofagite è il reflusso gastroesofageo cioè l'incapacità dello sfintere inferiore dell'esofago di impedire il reflusso di succo gastrico, che svolge un'azione irritante e lesiva nei confronti della mucosa esofagea. Altre cause di esofagite possono essere l'avvelenamento da sostanze caustiche, le infezioni virali o batteriche o micotiche soprattutto nei pazienti immunodepressi, la radioterapia, la malattia di Crohn, la stasi venosa cronica e gli agenti traumatici come l'intubazione.

Si ha esofagite lieve quando la mucosa dell’esofago presenta alterazioni microscopiche, si parla invece di esofagite erosiva quando i danni alla mucosa sono chiaramente visibili all'esofagogastroscopia e si manifestano eritema, sanguinamento, ulcerazioni, essudazioni.

L’esofagite stenotica è dovuta ad una parziale occlusione del lume esofageo in seguito a fibrosi della sottomucosa.
I sintomi principali dell'esofagite sono dolore retrosternale o toracico, difficoltà e dolore a deglutire, bruciore allo sterno, rigurgito dopo i pasti, raucedine e perdita di peso.

La terapia all’inizio consiste nel ridurre drasticamente i pasti abbondanti e ricchi di grassi imparando a mangiare lentamente e a masticare a lungo ed evitando di sdraiarsi subito dopo i pasti. In un secondo momento si può ricorrere a terapia farmacologica per facilitare lo svuotamento gastrico e per ridurne l'acidità diminuendo così la sua azione irritante sulla mucosa dell'esofago.



Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X