Gatto mangione o polifagia?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Gatto mangione o polifagia?

06-04-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Il gatto iniza a mangiare smodatamente? Un campanello d'allarme da non trascurare

Alla scoperta della polifagia del gatto, una patologia da non sottovalutare

Gatto mangione o polifagia? Il vostro gatto improvvisamente ha cominciato a mangiare più del solito? E’ un sintomo da non trascurare se si protrae per più di qualche giorno ed oggettivamente il micio sembra non saziarsi mai e gustare anche cose che fino a poco tempo prima disdegnava totalmente. Si parla in tali casi di polifagia del gatto, ovvero una condizione patologica consistente proprio in un aumento eccessivo del consumo di cibo. Le cause sono diverse ed alcune anche molto pericolose, per questo è importante indagare con l’ausilio di un veterinario.

Nella migliore delle ipotesi, la polifagia del micio ha una origine psicologica, dovuta a situazioni di stress di qualche tipo, o anche ad un disturbo del comportamento alimentare oppure mangia troppo perché è stato così abituato (pessima cosa se consideriamo i rischi del sovrappeso nei mici). Tra le altre cause di questo disturbo troviamo una patologia di tipo intestinale (tumore, malattia infiammatoria, insufficienza pancreatica) che non permette l’adeguato assorbimento degli elementi nutrizionali: ne consegue un gatto mangione che perde peso in modo repentino.

Anche il diabete mellito e l’insulinoma possono provocare questa fame vorace (che si accompagna anche ad aumento della sete) oppure l’assunzione di alcuni medicinali. Infine nel gatto, la causa più comune è la sindrome di Cushing (o iperadrenocorticismo).

Importante valutare l’aumento o la diminuzione di peso, i cambiamenti di conformazione fisica, il tono muscolare e l’energia quotidiana. I rischi vanno dal sovrappeso alla malnutrizione fino alla morte provocata eventualmente dal cancro o da un’altra a malattia non curata.

Spero di non avervi messo troppo in allarme, ma avere un animale domestico è una responsabilità seria che non permette distrazioni. E’ importante che il veterinario faccia la dovuta diagnosi che escluda il peggio, prima di mettersi tranquilli, non credete? Da non dimenticare (per tranquillizzarvi un po) che con l’età che avanza i gatti tendono a mangiare un pochino di più, a dimostrare maggiore appetito, ma mai così eccessivo e vorace come nella vera e propria polifagia, in cui sembra che il pet sia ossessionato dal cibo stesso, ne va sempre alla ricerca.

Foto: G.Goria per Flickr
Categorie correlate:

Animali, cane, gatto, cuccioli




Articoli che potrebbero interessarti

L'igiene orale del cane

L'igiene orale del cane

22/07/2020.   Una scarsa igiene orale nel cane può portare a un eccesso di tartaro, gengive gonfie e sanguinanti, infiammazioni, periodontite, usura e rottura dei denti fino alla loro perdita, nonché masticazione continua di...

Animali, cane, gatto, cuccioli

L'alito cattivo del cane

L'alito cattivo del cane

09/07/2020.   In quante famiglie la fiaba dell’amicizia tra uomo e pet si è sviluppata in questo modo? L’alitosi nel cane è piuttosto comune, ma ognuno reagisce in modo diverso. C’è chi non resiste al...

Animali, cane, gatto, cuccioli

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X