Immunodeficienza felina o FIV nel gatto

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Immunodeficienza felina o FIV nel gatto

23-04-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Sintomi e modalità di contagio della FIV nel gatto

Cause e conseguenze della FIV nel gatto

Immunodeficienza felina o FIV nel gatto La FIV o immunodeficienza felina è provocata da un virus simile all’HIV umano, anche se le due forme virali rimangono relegate alle reciproche specie, cioè l’HIV non contagia i gatti e la FIV non infetta l’uomo. Anche il virus felino (che colpisce gatti domestici, randagi, leoni, tigri, puma e leopardi) è stato individuato di recente, nel 1986 in un’università della California per essere precisi e comporta una sindrome da immunodeficienza acquisita tale da mettere a rischio la vita del micio ad ogni banale infezione. Proprio come avviene con l’HIV/AIDS. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i sintomi rivelatori e le modalità del contagio.

Il virus è abbondantemente presente nella saliva del gatto. Il morso del gatto sembra essere quindi il principale mezzo di trasmissione del virus: non a caso, la maggiore incidenza della malattia si riscontra in gatti maschi randagi tra i due ed i 5 anni, ovvero tra quegli esemplari più avvezzi a scontri fisici per il controllo del territorio. Non sembra che ci sia contagio durante l’accoppiamento, mentre sono segnalati casi di trasmissione in utero da mamma gatta infetta a micetto o durante l’allattamento.

Se il vostro gatto è stato coinvolto in una zuffa, verificate che dopo 4-6 settimane non sviluppi febbre e linfonodi ingrossati: sono i sintomi acuti ed iniziali della FIV. Il numero dei globuli bianchi si abbassa e possono subentrare diarrea, anemia ed infezioni della pelle. Poi tutto passa e la malattia può rimanere silente anche per parecchi mese o oltre un decennio. Fino a quando non riemergono come malattia vera e propria, cronica, da sindrome da immunodeficienza acquisita felina in grado di progredire più o meno lentamente.

Da qui una serie di altri sintomi: infezioni gengivali e della bocca, diarrea che non si ferma con nulla, inappetenza ed anoressia, perdita eccessiva di peso, febbre, infezioni ricorrenti di vario tipo. Un altro sintomo è la demenza, mentre i gatti con la FIV si dimostrano più sensibili a sviluppare un linfoma. Una diagnosi rapida è quindi quanto mai importante per intraprendere precocemente una cura e varie forme di prevenzione. Ne va della vita del micio.
Categorie correlate:

Animali, cane, gatto, cuccioli




Articoli che potrebbero interessarti

L'igiene orale del cane

L'igiene orale del cane

22/07/2020.   Una scarsa igiene orale nel cane può portare a un eccesso di tartaro, gengive gonfie e sanguinanti, infiammazioni, periodontite, usura e rottura dei denti fino alla loro perdita, nonché masticazione continua di...

Animali, cane, gatto, cuccioli

L'alito cattivo del cane

L'alito cattivo del cane

09/07/2020.   In quante famiglie la fiaba dell’amicizia tra uomo e pet si è sviluppata in questo modo? L’alitosi nel cane è piuttosto comune, ma ognuno reagisce in modo diverso. C’è chi non resiste al...

Animali, cane, gatto, cuccioli

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X